martedì, 6 Dicembre 2022

Cibo

Home Food Cibo Pagina 33
Notizie e informazioni sugli alimenti e sulla nutrizione

Kefir Italia Facebook: cos’è, benefici e come usarlo

Kefir Italia Facebook

Kefir Italia Facebook, ebbene sì sono diverse le pagine ed i gruppi che si occupano di questa bevanda ricca di fermenti lattici che si può fare a base di acqua o di latte.

Sapete di cosa si tratta e quali sono i benefici per la salute?

Kefir Italia Facebook: cos’è

Le sue radici affondano nel Caucaso ma il termine è di origine turca, ovvero “keyif” che significa delizia.

Solitamente si prepara usando il latte fresco (di pecora, capra o vacca) e i fermenti o granuli di chefir, formati da un polisaccaride chiamato kefiran che ospita colonie di batteri in prevalenza mesofili e lieviti in associazione simbiotica.

I kefir d’acqua sono fermentati adatti a far fermentare soluzioni di acque e zucchero.

Leggenda vuole che fosse stato Maometto a farne dono agli avi dei montanari del Caucaso (da qui anche il nome di miglio del profeta).

E’ sicuramente una bevanda molto antica, non citata nella Bibbia, ma conosciuta da Marco Polo che l’avrebbe incontrata in Cina.

Kefir Italia Facebook: le proprietà

Ecco di che cosa si compone il chefir:

  • calcio
  • magnesio
  • potassio
  • fosforo
  • zinco
  • vitamine del gruppo B e vitamina K
  • amminoacidi come il triptofano
  • fermenti vivi

E queste sono le proprietà del kefir:

  • calma gli stati di iperattività e di insonnia
  • ripristina la flora intestinale
  • previene l’osteoporosi
  • curare i catarri bronchiali
  • infiammazioni a carico del fegato e dell’intestino
  • previene i disturbi dei reni
  • aiuta la riduzione del grasso addominale
  • previene i tumori al colon
  • aumenta le difese immunitarie

E’ ideale per le donne in gravidanza perché contiene molto acido folico e per le donne in menopausa perchè allevia gli sbalzi emotivi e fortifica le ossa.

Kefir Italia Facebook: come prepararlo in casa

Servono:

  • mezzo litro di latte vaccino (intero, scremato o parzialmente scremato)
  • 50 grammi di granuli di kefir di latte

Riporre i granuli in un contenitore di vetro e versarvi il latte. Coprite il barattolo e mescolare ogni tanto, deve riposare 24 ore. Filtrare con un colino e lasciar raffreddare due o tre ore in frigo. Si conserva per circa sette giorni.

Ecco quali sono i gruppi e le pagine utili:

https://www.facebook.com/kefiritalia.it/
https://www.facebook.com/kefir.italia/
https://www.facebook.com/groups/318026468357642/

Tramezzini ricette con il salmone

Tramezzini ricette con il salmone: freschi e sfiziosi, adatti all’estate.

Che siate al mare o in montagna non scordatevi di portar con voi uno spuntino. Il salmone è perfetto per l’estate: sapido, ricco di omega 3 e proteine.

Ecco le nostre idee.

Tramezzini ricette con il salmone: il classico

Per questo tramezzino potete optare per il pane bianco a fette, il pan carrè ed il pane integrale.

  • Salmone e maionese

Ingredienti: salmone a fette, pane per tramezzino, maionese

Spalmate le fette di pane con la maionese, poggiateci sopra il salmone, chiudete e mettete in frigo.

  • Rucola e salmone

Ingredienti: rucola, salmone, maionese, pane integrale, olive verdi snocciolate

Spalmate le fette di pane con la maionese, poggiateci sopra il salmone, la rucola, le olive senza nocciolo schiacciate, chiudete e mettete in frigo.

  • Uova e salmone

Ingredienti: uova sode, uova di lompo, pomodori, maionese, pan carrè

Spalmate le fette di pane con la maionese, poggiateci sopra il salmone, le uova sode a fette, il pomodoro a fette e concludete con un cucchiaino di uova di lompo, chiudete e mettete in frigo.

Salmone e Philadelphia

Ingredienti: salmone a fette, pan carrè, Philadelphia e lattuga

Spalmate le fette di pane con il Philadelphia, aggiungere le fette di salmone e le foglie di lattuga ben lavate ed asciugate. Chiudete e mettete in frigo.

Tramezzini ricette con salmone arrotolato

Per fare queste due ricette avete bisogno di fette di pane morbido bianco, carta da forno e un mattarello.

Per prima cosa occorre stendere un foglio di carta da forno, poi ci si adagia sopra la fetta di pane, quindi un altro foglio. Si passa il mattarello avanti e indietro per appiattire bene il pane.

A questo punto rimossa la carta si spalma e si aggiunge il condimento. Si arrotola il pane su se stesso e si taglia a fette in modo da ottenere delle girelle.

Le farciture da accompagnare al salmone sono: mousse di tonno, mousse di polpa di granchio, fettine di avocado e di cetriolo tagliato sottilissimo con la mandolina.

Ricette pesce facili: polpettine di granchio e salsa tartara

Ricette pesce facili

Ricette pesce facili: cosa c’è di meglio delle saporite polpettine di granchio? Magari accompagnate da un’ottima salsetta.

Oggi ricettine facili facili, qualcosa di veloce ideale sia per pranzo che per cena.

L’idea delle polpette di granchio mi è venuta grazie ad un anime in cui la protagonista riceve un granchio surgelato a casa e decide di prepararle.

Non potevo non provarle!

Ricette pesce facili: polpettine di granchio

Ingredienti:

  • 2 confezioni di surimi
  • 10 fette di pan carrè
  • 1 uovo
  • porro qb
  • latte qb
  • pepe qb
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • olio per friggere
  • pane grattugiato

Procedimento

Per prima cosa facciamo scongelare il surimi in acqua calda.

Priviamo il pan carrè delle coste ed affettiamo in piccoli pezzi la mollica. Poniamola in un insalatiere capiente.

Affettiamo il surimi ed uniamolo al pan carrè. Aggiungiamo l’uovo, un pizzico di pepe ed il prezzemolo. Affettiamo un pezzetto di porro ed uniamolo agli altri ingredienti.

Versiamo poco latte ed andiamo a frullare con il minimpimer. Se il composto è troppo asciutto aggiungiamo latte.

Mettiamo la padella con l’olio sul fuoco.

Con le mani bagnate andiamo a formare tante piccole palline (grandi come noci, che rotoliamo nel pangrattato. Le friggiamo finché diventano ben dorate e le adagiamo su carta assorbente.

Ricette pesce facili: salsa tartara

Ingredienti:

  • un quarto di cipolla bianca
  • 4 cetriolini
  • 2 cucchiai di senape
  • 200 gr di maionese
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato

Procedimento

Versiamo gli ingredienti nel boccale del frullatore ed andiamo a frullare finché non otteniamo una salsa morbida.

E’ una salsina che si sposa molto bene con le mie polpettine di granchio. Se invece preferite qualcosa di meno complicato, accompagnatele con della semplice maionese o solo con la senape, a piacere vostro.

Che profumino! Sono pronte!

http://116.203.40.97/seppia-ricetta-saporita-con-troccoli-90681.html

Cioccolato: sarà più buono e più salutare

Credit: cucinare.meglio.it

Dite pure addio a tutti quei sensi di colpa che vi attanagliano non appena pensate semplicemente di mangiarvi un quadretto di cioccolato. Ditegli addio, e rinchiudeteli nel ripostiglio della vostra memoria, perché sta per conquistare le nostre tavole un cioccolato più gustoso, ma anche molto più salutare di quello che abbiamo mangiato fin’ora.

La differenza sostanziale sta in alcune modifiche che determinano il processo di lavorazione del cacao, tese a conservare molte delle sostanze antiossidanti che vengono perdute con la lavorazione tradizionale. La (piacevole e gustosa) rivoluzione arriva dall’Università del Ghana, che sono riusciti ad ottenere dei semi di cacao ‘potenziati’ che sono, poi, stati presentati al convegno della Società Americana di Chimica a Denver, in Colorado, riscuotendo un grande successo.

Ciò che rende unici questi semi è l’elevato contenuto di polifenoli, cioè sostanze antiossidanti preziose per la salute, che vengono prodotti durante la lavorazione del cacao. Infatti, per trattenere la maggiore quantità possibile di antiossidanti nei semi, i ricercatori dell’Università del Ghana hanno appurato che conservando per alcuni giorni i frutti appena raccolti si fa in modo che la polpa abbia tutto il tempo per rilasciare sostanze che modificano la composizione biochimica dei semi.
“Questa tecnica di precondizionamento della polpa ha aiutato la successiva fase di fermentazione, potenziando la capacità antiossidativa dei semi e il loro gusto” – spiega il coordinatore dello studio Emmanuel Ohene Afoakwa.
Il secondo passaggio principale di questo cambiamento di produzione avviene nella tostatura del seme, più lenta e dolce di quella precedente, condotta a poco più di 110 gradi per 45 minuti.

I ricercatori sono convinti che la tecnica si possa ancora perfezionare per aumentare ulteriormente il potere antiossidante del ‘cibo degli dei’. L’unica cosa che mi viene da dire è “non ci resta che sperare”, chissà, magari riescono anche ad inventare un cioccolato che non fa ingrassare.