mercoledì, 7 Dicembre 2022

Miss Fit

Home Miss Fit Pagina 3
Se vi stanno divorando i sensi di colpa per quello che avete appena divorato a tavola, non preoccupatevi, Miss Fit è qui per questo. Consigli, esercizi e attività fisiche per ritornare in forma; anche se siete golosi e non riuscite a rinunciare ai piaceri della tavola

Allenatevi così tutte le mattine per avere la pancia piatta (MISS FIT)

Credit: 30dayfitnesschallenges.com

Noi siamo sempre lì, e non demordiamo. Vogliamo la pancia piatta e non ci arrenderemo facilmente finché il nostro obiettivo non sarà raggiungo.

E allora Miss Fit vi viene incontro, con un circuito di circa 15 minuti da fare tutte le mattine per dire addio al ventre abbondante e alle maniglie dell’amore. Ovviamente, la parola d’ordine è addominali.

Innanzitutto dobbiamo partire con i classici crunch: stendetevi a terra, su un tappetino da ginnastica.Alzate le gambe da terra, in modo da formare un angolo di circa 90 gradi con l’interno del ginocchio. Incrociate le mani sopra il petto. Da questa posizione alzate leggermente la testa e il busto, tenendo il bacino ben fermo a terra.
Fatene 30.

Ora facciamo gli addominali bassi: sempre nella posizione di prima, sdraiate su un tappetino, lasciate distese le gambe, più o meno alla stessa larghezza delle spalle. Da questa posizione dovete alzare le gambe, tenendole sempre dritte, e portandole verso l’alto tenendo sempre il bacino fermo. Alzatele da terra di circa 30-40 centimetri, tornate lentamente verso la posizione iniziale, ma prima di toccare il pavimento ripartite con l’esercizio.
Fatene 30.

Infine è il momento degli addominali isometrici: mettetevi in posizione da flessioni, appoggiando però tutto l’avambraccio a terra, e mantenete la postura. Dovete rimanere immobili per almeno 30 secondi, in questo modo lavoreranno tutti i vostri addominali interni.

Tra un esercizio e l’altro, riposate per 30 secondi. Alla fine dei 3 esercizi, prendete fiato per un minuto e ripetete questo ciclo di workout altre due volte. Il mini circuito richiede solo 15 minuti e se lo fate tutte le mattine con costanza, il risultato è garantito: avrete la pancia piatta che non smettete mai di sognare.

Eliminiamo la cellulite in tre mosse (MISS FIT)

Credit: grazia.it

Si scrive cellulite, si legge terrore per tutte le donne.

La cellulite è uno strato grasso superficiale che si forma generalmente nella zona inferiore del corpo femminile, all’altezza dei glutei, dei fianchi e delle cosce soprattutto. Le principali cause sono sostanzialmente: alterazioni ormonali e vascolari, vita sedentaria, stress, malattie epatiche, alimentazione non corretta o bilanciata, irregolarità della funzione intestinale e ritenzione idrica marcata; tutte variamente combinate tra loro, che vanno ad interferire negativamente sul tessuto adiposo ed in particolare sul microcircolo. Il risultato? Una fastidiosissima, e brutta esteticamente, buccia d’arancia.

Ma a tutto c’è rimedio. L’attività fisica rivolta alla prevenzione e alla cura della cellulite viene inserita in un contesto generale che prevede il miglioramento delle condizioni psicofisiche del soggetto ed il rispetto di tre principi fondamentali:

1) Esercizio fisico regolare

Fare movimento è importante, ormai lo sapete già. Ma, innanzitutto, ecco alcuni consigli: camminate, non correte. ripetuti impatti col terreno causati dall’azione di corsa, oltre ad avere effetti negativi sulle articolazioni e sulla colonna vertebrale, causano delle microlacerazioni alle membrane delle cellule adipose che a lungo andare non fanno altro che peggiorare la situazione. Le attività migliori da svolgere sono quindi attività come il ciclismo, la camminata veloce, lo step o lo sci di fondo. I benefici di questi esercizi sono molteplici: un’attività fisica regolare (almeno 30-40 minuti al giorno) porta ad un miglioramento generale delle capacità cardiocircolatorie e respiratorie favorendo la circolazione periferica, e combattendo la cellulite.
Sì anche ai programmi di tonificazione generale, con esercizi a carico naturale o pesi liberi a seconda delle vostre esperienze. Vanno bene tutti quegli esercizi per cosce e lato b che abbiamo visto precedentemente; questo perché è proprio in quelle zone che si formano maggiori cuscinetti adiposi.

2) Alimentazione sana ed equilibrata

Non serve a niente fare esercizi su esercizi se poi si divora qualsiasi cosa: per combattere la cellulite risulta fondamentale associare ad un programma di attività fisica regolare un regime alimentare altrettanto adeguato. Quindi sono da evitare sicuramente i cibi ricchi di grassi, gli alcolici, l’eccessivo consumo di caffè e il sale. Via libera all’acqua invece, di cui si dovrebbe consumare almeno un litro e mezzo al giorno, perché permette l’eliminazione ottimale delle sostanze tossiche e di rifiuto.

CELLULITE I RIMEDI++

3) Abitudini di vita corrette

Condurre una vita sana e regolare è l’ultimo segreto per combattere la cellulite. Il riposo prima di tutto: si dovrebbe infatti dormire almeno 8 ore al giorno per assicurarsi una possibile riduzione dello stress. Inoltre, non bisognerebbe stare seduti troppo a lungo, perché questo ostacola la corretta circolazione di sangue nei glutei, uno dei distretti corporei più colpiti da cellulite.
Infine, risulta fondamentale l’approccio mentale con il quale si inizia il programma alimentare e sportivo, “serenità e motivazione” prima di tutto.

Esercizi per le spalle: come migliorare la postura (MISS FIT)

credit: esseresani.pianetadonna.it

Gli esercizi per migliorare la postura e la struttura della schiena in generale sono davvero molto importanti, sia per un puro senso estetico, sia perché ci aiutano a non soffrire di quei piccoli dolori, che ci possono colpire all’improvviso e che ostacolano le nostre attività quotidiane perché bloccano proprio il nostro dorso.

E allora ecco qualche esercizio ad hoc per migliorare la postura delle spalle. Per questo work out non occorre andare in palestra, sono esercizi che si possono fare tranquillamente da casa perché l’obiettivo principale è quello di stimolare i muscoli della schiena, proprio per evitare il dorso curvo e le spalle chiuse.

Alzate frontali alternate

In piedi, gambe parallele a larghezza spalle, con le ginocchia leggermente piegate e gli addominali contratti. Impugna dei pesi (che possono essere dei manubri di vari chili o delle bottiglie d’acqua) e portali verso l’alto, alzando in braccio fin sopra le spalle, in modo alternato. Alza il braccio destro, abbassalo, alza il sinistro e via dicendo.
Ripetete quest’esercizio 3 volte, per 30 movimenti a volta (15 braccio destro, 15 braccio sinistro).

Alzate laterali

Sempre in piedi, gambe larghezza spalle e ginocchia leggermente flesse. Addominali contratti. Impugna i pesi (che, come detto prima, possono essere dei manubri di vari chili o delle bottiglie d’acqua) e alza entrambe le braccia nello stesso momento fino a raggiungere l’altezza delle spalle. Torna alla posizione di partenza e riparti.
Quest’esercizio è da fare 3 volte per 15 ripetizione l’una.

Reverse fly

Per questo esercizio bisogna mettersi in posizione prona, e appoggiarsi su una panca inclinata a circa 45 gradi. Da qui, impugna i pesi. Con i gomiti leggermente flessi, esegui un’apertura laterale delle braccia, che va fatta quanto più lentamente possibile. Raggiunto il livello della schiena, ritorna alla posizione di partenza e ripeti il workout.
Quest’esercizio va ripetuto 3 volte per 15 movimenti a volta.

Braccia toniche grazie a semplici esercizi (MISS FIT)

Credit: www2.stile.it

Non è solo un interno coscia molle a far paura a tutte le donne; anche le braccia flaccide sono assidue protagoniste dei nostri incubi più frequenti. I lembi di pelle rilassata – quelli che in Inghilterra chiamano “ali di pipistrello” – sono infatti motivo di imbarazzo e complessi, sopratutto con l’arrivo della bella stagione, che ci porta a indossare magliette e vestiti senza maniche.

Per cambiare l’aspetto, a volte decisamente antiestetico, delle vostre braccia flaccide serve seguire con costanza (come sempre!) dei semplici esercizi rassodanti e tonificanti ad hoc; fattibili sia in palestra che a casa.

Eccone alcuni.

In piedi, con le braccia allargate altezza spalle (come a formare una croce con il vostro corpo) tenete in entrambe le mani dei pesi (nel caso non ne aveste in casa sostituiteli con delle semplici bottiglie d’acqua da litro). Da questa posizione abbassate le braccia fino a toccare i fianchi, e poi alzatele come prima, più lentamente. E’ un esercizio semplicissimo, da 20 ripetizioni per 3 serie. Alternate ogni serie con il completamento di questo primo allenamento: sempre con i pesi/bottiglie, portate le braccia dalla posizione di croce a sopra la vostra testa, e poi abbassatele nuovamente ad altezza spalle. In totale si faranno 6 ripetizioni da 20 ognuna, il che – a esagerare – vi occuperà 10 minuti.

braccia

Anche il secondo esercizio è piuttosto semplice, ma richiede maggior attenzione da parte vostra. Tenendo sempre in mano un peso (anche casalingo), alzate il braccio verso l’alto e portate la mano dell’altro braccio – ad esempio il sinistro – appena sotto il gomito destro. Dopodiché abbassate il braccio destro tenendo sempre il gomito fermo e il palmo verso l’altro, fino a portare il peso vicino al vostro collo. Ripetete l’esercizio con l’altro braccio, per un totale di 2 serie (per ogni lato) da 20 ripetizioni ciascuna.

Per continuare l’allenamento posizionatevi davanti a un muro, a circa 50 centimetri di distanza, appoggiate le braccia sul muro, ad altezza volte, e lentamente avvicinate il corpo alle mani tenendo fermi i piedi. Successivamente tornate alla posizione di partenza e ripetete tutto 12 volte per 3 serie.

Esercizi-corpo-braccia

Come ultimo esercizio, appoggiate le mani su uno scalino, sul bordo di una sedia o sul bordo del letto; i palmi rivolti verso il basso, e i gomiti infuori. Il sedere appoggiato per terra davanti. Alzate la parte bassa del vostro corpo utilizzando solo la forza delle vostre braccia, fino a sollevare le gambe e restare appoggiate esclusivamente al tallone dei piedi e il palmo delle mani. Ovviamente, più l’appoggio su cui avrete le mani è alto, più l’esercizio diventa difficile, per questo si consiglia di partire da superfici non troppo alte.
Anche di questo fate 3 serie da 12 ripetizioni.

In un mese i risultati dovrebbero essere già ben visibili; ovviamente solo se gli esercizi saranno accompagnati da un’alimentazione adeguata.