Ultimamente J.K. Rowling attira solo cattive notizie.
Dopo essersi inimicata i suoi lettori con i commenti contro le persone trans, ora arrivano altre batoste.

Il famoso gioco “quidditch”, da lei inventato in Harry Potter, sta per cambiare nome.

Dopo le sue affermazioni transfobiche, le autorità americane che controllano queste discipline hanno deciso di cambiare il nome in “quadball” per prendere le distanze dalla scrittrice.
Ma non è tutto.

J.K. Rowling minacciata di morte

J.K. Rowling è stata minacciata di morte sul web.
Tutti abbiamo assistito all’orribile vicenda di Salman Rushdie, ferito da un fanatico estremista, già da tempo minacciato.

La scrittrice gli ha mostrato sostegno, condannando l’attacco al collega scrittore angloindiano.
Per la precisione ha scritto un tweet per esprimere l’orrore causato dal terribile attentato: “Notizie orribili. Mi sento molto male in questo momento. Auspico che stia bene”, aveva postato.

Purtroppo per lei sono arrivate delle minacce. In realtà la scrittrice non è nuova a questo genere di cose, era già stata minacciata di morte, a seguito delle dichiarazioni transfobiche.

J.K. Rowling sotto attacco: “Sarai la prossima”

Salman Rushdie aveva ricevuto delle minacce, a seguito dei suoi scritti. A J.K. Rowling sembra stia subendo la stessa sorte, per aver condannato il gesto.

L’utente Meer Asif Aziz, di origine pachistana, scrive: “Non preoccuparti, sei la prossima“.
Scatta il panico.

La Rowling ha condiviso lo screenshot del commento e ha chiesto a Twitter di prendere provvedimenti, scrivendo “Qualche possibilità di aiuto?”.

Che provvedimenti ha preso Twitter? Nessuno. Il commento non è stato nemmeno rimosso.

La minaccia ha scatenato indignazione e reazioni di condanna.
La polizia si è subito mobilitata ed è partita l’indagine. Ci si domanda: la scrittrice dovrà vivere con la scorta come Salman Rushdie?