martedì, 20 Ottobre 2020

Benessere

Home Beauty Benessere
Consigli e notizie su come stare bene e rilassarsi all'insegna del benessere

Come fare uno scrub al sale ed essenze

Come fare uno scrub al sale ed essenze: niente di più semplice, seguite le nostre istruzioni.

Senti la pelle ispessita, che tira e non proprio liscia? Il tuo corpo ha bisogno di un’esfoliazione, ovvero in parole povere di uno scrub. Non esattamente uno scrub qualsiasi, ma uno che permetta alla tua pelle di respirare, rigenerarsi e di riconquistare compattezza e morbidezza.

Il bello degli scub è che sono: economici, facili da fare in casa e non recano danni alla pelle.

Uno degli ingredienti più comuni per gli scrub casalinghi è il sale. Il sale ha la particolarità di esfoliare delicatamente la pelle senza aggredirla e si combina facilmente con altri ingredienti, come gli oli essenziali, il miele. Con l’aggiunta poi di altri ingredienti si possono ottenere scrub mirati, contro la cellulite ad esempio.

Come fare uno scrub al sale ed essenze

Ecco una ricetta di scrub al sale, delicato da usare su viso e corpo.

Ingredienti:

  • sale marino fine
  • miele
  • olio essenziale di arancio amaro
  • tè verde

Prendi 6 cucchiai di sale fino amalgamali con 4 cucchiai di miele ed unite al tutto 2 cucchiai d’infuso di tè verde e tre gocce di olio d’arancio amaro. Quindi adopera lo scrub massangiado delicatamente e risciacquando con abbondante acqua fresca.

Questa ricetta che ti propongo ora invece è ottima per i problemi di cellulite.

Ingredienti:

  • sale marino fine
  • fondi di caffè
  • cucchiai di miele
  • cucchiaino di olio d’oliva
  • olio essenziale di vaniglia o arancio amaro

Si prende un chilo di sale marino fine e lo si amalgama a 2 fondi di caffè, 3 cucchiai d’olio, 2 cucchiaini d’olio d’oliva e 3 gocce di olio essenziale di vaniglia o arancio amaro. Quindi si massaggiano delicatamente, ma a fondo, le zone interessate dalla fastidiosa buccia d’arancia. Volendo si può anche avvolgere la zona interessa con della pellicola e tenere a riposo l’impacco per almeno mezz’ora, per una maggiore efficacia.

Giornata stressante? Sensazione di smog e umidità appiccicati sulla pelle? Ecco uno scrub al sale rilassante e rigenerante. Sentirai che differenza!

Ingredienti

  • sale marino fine
  • olio essenziale di lavanda
  • miele

Amalgama una tazza di sale fino con 4 gocce di olio essenziale di lavanda e 4 cucchiai di miele, quindi procedi con la normale doccia, rimuovi lo scrub con dell’acqua calda e poi con un veloce getto d’acqua fredda, applica la crema idratante e buon riposo, a te ed alla tua pelle.

Rimedi naturali per il giorno dopo una notte brava

Rimedi naturali

Rimedi naturali per il giorno dopo una notte brava. Una bella festa, qualche drink, ore piccole…e il giorno dopo?

Occhiaie, alitosi, mal di testa,magari tracce di trucco e stomaco sottosopra.

Ovviamente dobbiamo correre a far la spesa/in ufficio/alle poste/ad un incontro importante e comunque anche se non abbiamo nulla da fare è meglio rimetterci in sesto.

Ma chi ne ha voglia? Potremmo rimanere a letto in eterno. Suvvia qualche rimedio naturale ci farà tornare come nuove.

Rimedi naturali per il giorno dopo una notte brava

  1. prepariamoci una bella tisana al basilico per prima cosa, in modo da allontanare il mal di testa
  2. mettiamo un po’ di tisana al basilico in un bicchiere e aggiungiamo tre gocce di olio evo, usiamo per struccarci e pulire bene il viso. Dopo aver fatto pulizia applichiamo una crema da giorno bio
  3. è il turno della colazione, per rimetterci in sesto l’ideale è yogurt con cereali e frutta seguito da molta acqua o da un tè verde freddo
  4. doccia fredda, per svegliare definitivamente il corpo, meglio se con uno scrub fatto con zucchero di canna, miele, polvere di cannella e limone
  5. se i capelli hanno bisogno di una sistemata, applica un olio nutriente e aspetta dieci minuti prima dello shampoo
  6. 15 minuti di meditazione, auricolari con musica ayurvedica e due fette di cetriolo sugli occhi o in alterativa le bustine di tè verde o cucchiaini freddi e via dicendo
  7. alitosi? Mastica qualche foglia di menta
  8. nausea? Tisana allo zenzero e passa subito

Rimedi naturali per il giorno dopo una notte brava: cosa non fare

  1. no al caffè sarà anche una mano santa per svegliarsi ma è da evitare meglio acqua tiepida e limone
  2. strucco con sapone e acqua, non elimina tutto meglio l’acqua micellare anche fai da te
  3. colazioni ricche e complicate con carboidrati, fritti o snack, da abolire
  4. fare tutto di corsa, non serve a nulla tranne a far scattare il meccanismo ansia/nervoso/stress
  5. rimettersi in faccia una tonnellata di make up per nascondere i bagordi, peggio del peggio, meglio pulizia, rimedi naturali per le occhiaie, crema, bb cream, lipstick e mascara.

Pronte per la mattina dopo una notte brava?

Cultura giapponese: alla scoperta del mugicha

Cultura giapponese

Cultura giapponese: alla scoperta del mugicha tipica bevanda estiva.

I giapponesi hanno un cibo ed una bevanda per tutto, per tutte le stagioni. In estate, quando l’afa non da tregua, bevono mugicha.

Scopriamo di cosa si tratta, come farlo in casa ed i suoi benefici.

Il mugicha nella cultura giapponese

Si tratta di una tisana d’orzo tostato. All’inizio dell’estate compare in tutti i konbini e i market per poi esser di nuovo obliato in autunno.

Si possono acquistare i chicchi d’orzo tostati da far bollire o le pratiche bustine da infusione. Generalmente sono queste ultime ad esser più vendute vista la praticità e la comodità.

Come si prepara il mugicha?

Tuffarne una in un litro d’acqua fredda (o a temperatura ambiente), e lasciare il tutto riposare per alcune ore o anche una notte intera ed è pronto.

In casa nostra possiamo prepararlo tostando dell’orzo perlato, poi mettendolo a bollire ed infine si lascia freddare.

Ma io ho un metodo diverso: compro la polvere d’orzo, ne metto un cucchiaino in un bicchiere (di quelli grandi con il manico) e poi ci verso l’acqua. Mescolo, aggiungo il ghiaccio et voilà.

Potete aggiungerne di più o di meno a seconda del vostro gusto.

Perchè è importante bere il mugicha (cultura giapponese)

Questa bevanda a dire la verità è conosciuta anche da noi come tisana di Ippocrate, bevanda che si ottiene appunto dall’infusione dei chicchi di orzo.

Perchè è importante berla? Perchè ha diversi benefici per il nostro organismo, e questo grazie alle proprietà nutritive di questo meraviglioso cereale.

Ecco cosa contiene: proteine, fibre, vitamine A, B, E e K e sali minerali come ferro, potassio, magnesio, calcio, fosforo.

Migliora la funzione del sistema cardiovascolare, stimola la produzione dei succhi gastrici, favorisce la regolarità intestinale e protegge tutto l’apparato digestivo, previene inoltre il gonfiore addominale ed accelera il metabolismo. Favorisce la diuresi, contrasta il colesterolo, purifica la pelle e rinforza capelli ed unghie.

In caso di diarrea, coliche, tachicardia o ipertensione è meglio limitarne l’uso.

Mangiare bene, una dieta detox di tre giorni

Mangiare bene è molto importante, specie se si vuole togliere qualche chilo di troppo. Quando siete attraversato un periodo non proprio felice sotto il punto di vista dell’alimentazione, è necessario disintossicarsi. A volte basta anche un weekend per cercare di rimettersi in forma e di ristabilire la propria linea. Una delle più diffuse è quella detox. Bastano infatti, tre giorni detox per cercare almeno di eliminare gli eccessi che hanno caratterizzato ad esempio, un particolare periodo di stress delle vostre ultime settimane. Esagerando con vino, tavolate, dolci fritti e cocktail, si finisce per sentirsi troppo gonfi e ovviamente, la salute ne risente. Per recuperare, allora servono tre giorni di disintossicazione completa. Ecco che entra in gioco la dieta detox.

Mangiare bene e rimettersi in forma con 3 giorni di dieta detox

Per rimettersi in sesto bastano anche solo tre giorni detox, ovvero senza consumare zuccheri aggiunti, né grassi saturi nè tanto meno caffè o alcol. In queste giornate infatti sarà necessario assorbire grassi buoni, minerali, vitamina e tante fibre. Il nostro organismo ne risulterà assolutamente ripulito e quindi ci sentiremo subito meglio. Per prevenire disturbi di vario genere, bisogna mangiare bene. Il consiglio è quello di portare in tavola i cavoli, che sono necessari per aiutare il fegato a ripulirsi. In particolare, a svolgere questa funzione sono vari tipi di cavolo nonché i carciofi. I carciofi nello specifico, sono ricchi di antiossidanti e sono in grado di favorire la rigenerazione cellulare. Ad aiutare nella disintossicazione vi è lo zenzero che è un antinfiammatorio che aiuta anche a digerire.

I piatti indicati per una dieta detox di 3 giorni

Oltre a quelli già citati, per fare in modo che il programma disintossicante funzioni bisogna avere come base l’utilizzo di cereali integrali come orzo, riso e farro, nonché il pesce azzurro e le verdure a foglia verde. In questi tre giorni di disintossicazione, il consiglio è di bandire assolutamente il consumo di salumi, latte e carne.