venerdì, 24 Settembre 2021

Costume & Società

Home Costume & Società
Notizie e tendenze sulla società, sul costume, sull’opinione pubblica e sul cambiamento generazionale

Hiroshima cosa è successo: mille gru di carta per ricordare

Hiroshima cosa è successo? Il 6 Agosto del 1945 fu bombardata, insieme a Nagasaki, con la bomba atomica.

Ancora oggi si ricorda questo terribile evento perché non si ripeta mai più.

Come ogni anno si celebrano le 1000 gru di carta in memoria dello sconvolgente avvenimento e della piccola Sadako.

Hiroshima adesso: mille gru per ricordare

Oggi ricordiamo la tragedia di Hiroshima attraverso le gru di Sadako.

Secondo una leggenda popolare giapponese, se si realizzano mille origami a forma di gru si può esprimere un desiderio.

Sadako Sasaki ovviamente conosceva questa leggenda e quando si ammalò di leucemia iniziò a realizzare 1000 gru di carta.

Sadako è stata una della tante vittime della bomba atomica: aveva 2 anni quando fu investita dalle radiazioni, i sintomi iniziarono a manifestarsi nel 1954 e poi la leucemia un anno dopo.

Chihuko Hamamoto, migliore amica di Sadako, decise di incoraggiarla iniziando con lei 1000 gru di carta per poter esprimere un desiderio.

Per 14 mesi Sadako realizzò gli origami con i materiali che riusciva a procurarsi in ospedale.

Si dice che Sadako ne realizzò 644 ma nella versione tramandata dal Museo della Pace di Hiroshima si sostiene che le abbia realizzate tutte 1000.

Sadako morì il 25 ottobre 1955 all’età di 12 anni.

Hiroshima perchè fu bombardata?

Hiroshima e Nagasaki furono distrutte dalle bombe nucleari, una all’uranio ed una al plutonio.

Il 6 agosto 1945 il bombardiere Enola Gay sganciava il più potente ordigno mai visto ovvero “Little boy”: esplose a 580 metri da terra. Una frazione di secondo: 86.000 persone ardono vive, 72.000 persone subiscono terribili ustioni, oltre 6.800 case sono sbriciolate e scagliate in aria per chilometri dall’onda d’urto.

Tutto partì dagli USA durante la seconda guerra mondiale: stavano bombardando il Giappone senza concludere nulla, quindi fu avviato il progetto Manhattan per cui la guerra andava conclusa con un bel botto, letteralmente.

La Germania si era arresa, il Giappone si stava arrendendo ma l’America voleva chiudere in fretta la questione senza dover fare altre invasioni.

Hiroshima fu scelta perché integra (Tokyo era distrutta), perché si potesse ben vedere cosa poteva fare quella bomba (e gli americani), inoltre era anche la sede di numerose industrie militari.

Fu scelto come punto di sgancio il ponte a T sul fiume Ota, al centro della città per garantire il massimo danno.

Tre giorni dopo stessa sorte per Nagasaki.

Perchè Hiroshima non è radioattiva?

Come sono oggi Hiroshima e Nagasaki? Ormai sono state ricostruite e sono abitate da più di un milione e mezzo di persone.

Ci sono i monumenti dedicati agli attacchi, ma le altre tracce del bombardamento sono completamente scomparse.

Ad oggi i livelli di radioattività sono nella media mondiale, ecco perché qui si può vivere ed a Chernobyl in Ucraina no.

La differenza fra le due disgrazie sta nell’esposizione delle radiazioni, che sono anche diverse, nel caso della centrale nucleare c’è stata una lunga dispersione di giorni di radiazioni mentre sulle città giapponesi sono state sganciate delle bombe, le radiazioni erano minori e differenti.

Nel caso delle città giapponesi la quantità di materiale radioattivo nelle bombe ammontava a pochi chilogrammi, quindi furono maggiori i danni a breve termine che a lungo termine.

E’ molto importante continuare a raccontare questi fatti, come per i campi di concentramento, perché la memoria non deve andare perduta.

La cuoca di Castamar: la nuova serie di Netflix


Sta già riscuotendo successi, La cuoca di Castamar, la nuova serie di Netflix.
Le serie tv spagnole non smettono mai di sorprenderci: accattivanti, fresche ed appassionanti.
Questa è una via di mezzo fra Downton Abbey, Elisa di Rivombrosa e Come acqua per il cioccolato, promette decisamente bene.
La cuoca di Castamar, la serie tratta dal romanzo omonimo di Fernando J. Múñez: Spagna del 1700, la corte di Re Felipe V ed il ducato di Castamar, una soap opera in costume che sta già spopolando.
Il protagonista maschile è una nostra vecchia conoscenza.
Curiosi?

La cuoca di Castamar: la nuova serie di Netflix

La cuoca di Castamar è una serie televisiva spagnola composta da 12 episodi, prodotta da Boomerang TV e Atresmedia Studios ed è disponibile in streaming sulle piattaforme Atresplayer Premium e Netflix.
Presenta una sceneggiatura ben costruita e sviluppata che cattura l’attenzione, con personaggi ben delineati e caratteristici.
Roberto Enríquez, già protagonista di Vis a Vis dove interpretava la guardia carceraria che si innamora di Macarena, è di nuovo protagonista stavolta interpretando il duca Diego.
Chi si aspetta Bridgerton resterà deluso, non è una serie di fuoco e passione, non sarà deluso invece chi si aspetta intrighi ed un amore osteggiato dalla società.

Di cosa parla La cuoca di Castamar?

Clara Belmonte era una gentildonna ma è caduta in disgrazia a causa di una terribile accusa mossa al padre medico. Clare si rifugia in un convento, anche a causa di una brutta agorafobia.
Un giorno le viene offerto un lavoro: cuoca presso il duca di Castamar.
Clara possiede un dono straordinario: prepara dei piatti che riescono a far emozionare i suoi commensali.
A Castamar la situazione non è per niente buona: il duca Diego ha perso la moglie in un incidente a cavallo e non si è mai più ripreso. La madre di lui vuole che sposi la nobile Amelia Castro, così che il ducato abbia dei figli ma il vedovo non vuole saperne.
Nell’ombra si nascondono dei nemici: il marchese de Soto, Enrique de Arcona, vuole vendicarsi di Diego.
Clara si ritrova spaesata in quell’enorme luogo, si trova a fronteggiare il dolore di Diego e scopre di esserne innamorata….

The Witcher 2: la data di uscita ufficiale

Rullo di tamburi: finalmente sapremo quando comincia The Witcher 2.

Constato insieme a voi che purtroppo non sarà a breve.

Netflix ha rilasciato il primo trailer della seconda stagione di The Witcher rivelando infine che vedremo la serie a…

Curiosi?

The Witcher 2: Trailer e data d’uscita

Netflix ha deciso di rilasciare il primo trailer della seconda stagione di The Witcher in occasione del WitcherCon.

Henry Cavill veste di nuovo i panni di Geralt ed è la prese con una strega ed una principessa.

Proprio il trailer ci rivela che Geralt sarà impegnato con Ciri, la principessa di Cintra, mentre ripensa alla sua amata maga Yennefer di Vengerberg, interpretata da Anya Chalotra è….morta, oppure no?

Ciri e Geralt si avviano verso Kaer Morhen, fortezza che giace su montagne, quartier generale della gilda dei witcher.

La seconda stagione di The Witcher che sarà anticipata dal film anime Nightmare of the Wolf, che è in uscita il 23 agosto sempre su Netflix.

The Wicher 2 uscirà il 17 dicembre e sarà composta, come la precedente, da 8 episodi.

Il cast di The Witcher 2

Nel cast ci saranno Anya Chalotra (la maga Yennefer), Jodhi May (la Regina Calanthe), Björn Hlynur Haraldsson (il cavaliere Eist), Adam Levy (il druido Saccoditopo), MyAnna Buring (Tissaia), Mimi Ndiweni (Fringilla), Therica Wilson-Read (Sabrina) Emma Appleton (Renfri), Eamon Farren (Cahir), Joey Batei (Jaskier), Lars Mikkelsen (Stregobor), Royce Pierreson (Istedd), Maciej Musial (Sir Lazlo), Wilson Radojou-Pujalte (Dara), Anna Shaffer (Triss).

Questa serie è stata un grande successo è stata presentata per la prima volta nel 2019 ed è basata sui romanzi di Andrzej Sapkowski.

The Witcher 2: la data di uscita e le news

The Witcher 2 dovrebbe arrivare prossimamente, diversi indizi ce lo dicono.

Siete pronti per le nuove avventure di Geralt?

Sono stati annunciati anche uno spi-off, di cui parleremo ed un evento particolare.

Il primo teaser ufficiale di The Witcher 2

Netflix, la piattaforma di streaming ha rilasciato il primo teaser ufficiale di The Witcher 2. La storia ruoterà principalmente attorno a Ciri.

Alla fine della prima stagione Ciri incontra Geralt convinto che Yennefer sia morta nella battaglia di Colle Sodden. Decide di mettere in salvo Ciri nella sua casa d’infanzia, Kaer Morhen. Ma non è solo dall’esterno che deve proteggerla…

Fuori i re, gli elfi, gli umani e i demoni continuano a lottare per il potere.

Che ne è stato di Yennefer?

The Witcher 2: data di uscita e spin-off

Purtroppo non c’è ancora una vera e propria data di uscita, si sa solo che le puntate, otto a quanto pare, arriveranno prima della fine dell’anno.

Blood Origin sarà il titolo dello spi-off: si tratterà di un prequel, di sei episodi, ambientato in un mondo elfico 1200 anni prima di Geralt.

Si racconterà l’origine del primo Witcher e gli eventi che hanno portato alla fondamentale “congiunzione delle sfere”, quando il mondi di mostri, uomini ed elfi si sono fusi per diventare uno.

Blood Origin porta la firma di Declar de Barra, già dietro le quinte di The Originals e sceneggiatore di un episodio di The Witcher,

WitcherCon l’evento in attesa di The Witcher 2

Netflix e Cd Projekt Red hanno annunciato WitcherCon.

Durante questa convention saranno rivelate  sorprese esclusive riguardanti la serie live action e il prossimo film anime e contenuti speciali, approfondimenti inediti, sui processi produttivi e creativi dietro l’universo di Geralt di Rivia e compagni.

Il palinsesto sarà composto da:

  • The Witcher 2: Carte del Destino, in cui la showrunner Lauren Schmidt Hissrich e una parte del cast prenderanno delle carte da un mazzo, all’interno ci saranno le domande dei fan
  • Ricordi di viaggio con Cd Projekt Red a svelare le storie segrete dei videogiochi  
  • Geralt di T-Rivia con protagonisti ovvero i principali creatori dei videogiochi e della serie
  • Oltre i videogiochi, in cui Rafał Jaki, Bartosz Sztybor, Łukasz Woźniak di Cd Projekt Red forniscono gli ultimi dettagli sui prossimi fumetti e i giochi da tavolo
  • Storie del Lupo Bianco intervista con Henry Cavill

L’evento che si terrà su Twitch e su YouTube venerdì 9 luglio alle ore 19.00 e sarà seguita da un secondo stream sabato 10 luglio alle ore 3.00 sugli stessi canali.