sabato, 10 Dicembre 2022

Costume & Società

Home Costume & Società Pagina 3
Notizie e tendenze sulla società, sul costume, sull’opinione pubblica e sul cambiamento generazionale

Social, come sta cambiando il mondo della rete

10 segnali per scoprire se sei dipendente dai Social Network
facebook

C’è un trend nuovo, pericoloso e inquietante, per quanto riguarda i social network, italiani e non solo. Un trend fatto di discussioni e parole chiave, di insulti e minacce a volte, di scambi e di impressioni all’apparenza neutri ma che sfociano spesso nel volgare, nell’intimidatorio. 

Il progetto romano

Lo ha dimostrato il Center of Data Science and Complexity dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” che ha deciso di porre sotto la lente di ingrandimento oltre 100 milioni di profili. L’obiettivo? Semplice ma allo stesso tempo all’avanguardia: misurare il livello di odio dei nostri social. In particolare si guarda alla Legge di Godwin, avvocato statunitense che negli anni Novanta ha formalizzato questa teoria secondo la quale le dinamiche dei commenti sulle bacheche virtuali sono portate per forza a degenerare, a snaturarsi, a guardare all’eccesso, all’estremo. In poche parole: basta che una discussione online sia sufficientemente lunga che verrà chiamato in causa il nazismo oppure Hitler. 

La legge di Godwin nel pratico

“La legge di per sé è al limite dell’ovvio. In una stanza che si affolla di persone, le probabilità che si incontri qualcuno esacerbato diventa certezza su base statistica – ha spiegato ai microfoni di Repubblica Matteo Cinelli, il curatore del progetto ed esperto di ingegneria gestionale – Ciò che è meno evidente sono le modalità con cui la legge di Godwin tende a manifestarsi, ovvero se esistono delle molle precise e un tempo medio per la comparsa dell’accusa di nazismo, che è un termine con un valore semantico perfetto per uno scontro verbale da tastiera. Soprattutto se tali variabili cambiano secondo la piattaforma e l’argomento. Studiare una tale dinamica speriamo possa portare ad avere un metro accurato per misurare il livello di tossicità di singoli social network”. 

Che sia quindi un gruppo di giochi o di gambling, i cui numeri sono incredibilmente in aumento, o che si parli di sport o di cibo, i due argomenti che, stando alle indagini di mercato, raccolgono le più alte interazioni tra gli utenti, la tossicità verrà a galla. L’obiettivo del progetto dell’Università romana è capire la ricorrenza di certe parole e il tempo necessario alla loro comparsa, in maniera tale da capire se un social è più “odioso” degli altri. Facebook, Twitter, Instagram, TikTok ma anche Reddit, YouTube, Gab, tutti sul banco degli imputati. Vediamo chi la scamperà, alla fine. 

Quanti tipi di mal di testa esistono?

Alzi la mano chi almeno una volta nella vita non ha sofferto di mal di testa. È stato stimato, in Europa, che almeno quattro persone su cinque, accusino i sintomi del mal di testa causato da stress.

Ma la media è sicuramente molto più alta, perché questo disturbo, in determinati periodi dell’anno o anche raramente tocca più meno tutti, dai più piccoli ai più grandi.

La società internazionale delle cefalee ne ha distinti addirittura 200 tipi, ognuno causato da ragioni differenti.

In questa sede non li elencheremo tutti, ma ci limiteremo solo ai raggruppamenti principali.

Le diverse tipologie di mal di testa

Il mal di testa può essere identificato anche con il nome di cefalea o emicrania e si distingue in tre diverse categorie: le cefalee primarie, quelle secondarie, causate da traumi o malattie, e la neuropatia.

Le più diffuse, chiaramente, sono le cefalee di tipo primario, in cui rientrano i più comuni mal di testa.

Ma andiamole a conoscere più da vicino.

Cefalea Tensiva

Come si evince dal nome questa è causata generalmente da uno stato di tensione e una sensazione di testa stretta in una morsa.

Si manifesta sporadicamente e ha una durata che può spaziare da poche ore a diversi giorni, fino a diventare cronica solo in alcuni casi.

Le cause che originano la cefalea tensiva sono, generalmente, carenza di ferro, mal di denti, gravidanza, mestruazioni, stress o tensioni al collo.

A quest’ultimo proposito bisogna stare attenti a capire come riconoscere il mal di testa da cervicale e distinguerlo da tutti gli altri, per focalizzare l’attenzione sulla causa principale e non confonderlo con le altre.

A queste, si affiancano poi il raffreddore, specie se è presente tosse, le condizioni meteo, soprattutto per chi afferma di soffrire di meteoropatia.

Anche l’esposizione a particolari condizioni climatiche come vento, freddo, eccessiva umidità ed esposizione prolungata al sole, possono causare una cefalea di tipo tensivo.

Non va trascurata, infine, la compressione con indumenti troppo stretti, come cappelli o berretti, che a lungo andare possono provocare mal di testa.

Emicrania

Spesso utilizziamo il termine emicrania per identificare il comune mal di testa, ma è ben diverso dalla più diffusa cefalea.

L’emicrania, infatti, colpisce solo il 10% della popolazione ed è caratterizzata, a differenza della più sopportabile cefalea, da un dolore intenso, che coinvolge entrambi i lati della testa, è duraturo e pulsante.

A questa possono essere associati, in alcuni casi, anche vomito, nausea o forte sensibilità a suoni e luci.

Nelle sue forme più acute può essere persino invalidante.

Cefalea a grappolo

Probabilmente la forma più fastidiosa e rara del mal di testa, colpisce prevalentemente gli uomini.

Coinvolge sempre e solo un lato della testa, è intenso, lancinante, pulsante e a volte si associa anche a lacrimazione e rossore agli occhi.

Si definisce così, perché si manifesta più volte nell’arco della giornata e dura tra i 15 e i 180 minuti, per settimane o mesi interi, fino a sparire e ricomparire dopo anni.

Le cause non sono certe, ma tra i fattori scatenanti sono stati identificati il consumo di alcool, l’assunzione di nicotina e alcuni tipi di alimenti, come la frutta secca.

Omaggi gratis: benzina gratis, Bottega Verde e cinema

Ritornano i nostri amati omaggi gratis con tante novità.

Oggi vedremo come si può avere una crema gratis da Bottega Verde, come andare al cinema gratis e tante altre novità.

Omaggi gratis: 20 euro di benzina gratis con Maximiles

Partiamo subito con gli omaggi gratis: Maximiles per avere la benzina gratis.

Si tratta di un panel di sondaggi che ha fra i premi delle card di vario taglio per la benzina.

Come funziona:

Una volta accumulati i punti potrete richiedere il premio.

Semplice no?

Omaggi gratis: al cinema gratis

Ci sono due film che potete vedere gratis:  Eddie & Sunny, il film drammatico di Desmond Devenish e Il Muto di Gallura di Matteo Fresi.

Per il primo dovete inviare una mail a [email protected] specificando nell’oggetto il nome della città, trovate città e info qui

Per il secondo, la proiezione sarà solo per:

  • Milano all’Anteo Palazzo del Cinema
  • Roma al Cinema Lux
  • Torino al Cinema Greenwich

gratis il 31 marzo, il 2 e 3 aprile

La modalità di richiesta è la stessa.


Omaggi Gratis da Bottega Verde

Da Bottega verde potete richiedere una crema gratis, fino al 3 aprile. Si tratta della Crema viso giorno Retinolo BV Plus, che ha un valore di 39,99 euro

Basterà esibire queste due foto, insieme alla vostra tessera del negozio.

Classifica web: i siti internet e le app più popolari

Dall’avvento di internet, persino il verbo navigare ha assunto una connotazione completamente differente da quella originaria. Ormai, quando si parla di navigazione, la prima immagine che viene proiettata nella mente non ha quasi più a che fare con mari e imbarcazioni, ma rimanda immediatamente al web e a quel suo mondo eterogeneo fatto di pagine e indirizzi da sfogliare o, appunto, navigare. Il mare di internet è profondamente vasto e regolato da dinamiche complesse che, più o meno consapevolmente, determinano ormai la nostra quotidianità. Intere categorie e numerosi settori non potrebbero più sopravvivere o, addirittura, esistere senza la complicità o lo sfruttamento di questo sistema. In questo articolo vogliamo dunque soffermarci su quelli che sono i siti internet più visitati al mondo e le applicazioni più utilizzate dagli utenti.

E lo facciamo partendo da un colosso che in pochi anni si è imposto sulla scena del web in maniera così radicale, da rendere inutile qualunque tentativo di concorrenza: stiamo ovviamente parlando di Amazon.com, fondato da colui che ha più volte soffiato a Bill Gates il primo posto nella classifica degli uomini più ricchi del mondo, Jeff Bezos. Inizialmente, il più noto e importante e-commerce di internet era semplicemente una libreria online, ma ci mise poco ad allargare la gamma di accessori venduti. Oggi, su Amazon, si trova praticamente qualunque prodotto: dall’abbigliamento all’elettronica, dai mobili ai giocattoli, dai software agli elettrodomestici, passando per DVD, CD e tanto altro. Senza contare i numerosi programmi ad esso correlati, come Prime, Music, Alexa, Twitch e le varie affiliazioni, che fanno di questa azienda in assoluto la più produttiva di internet e non solo. Ciò che rende Amazon così forte e, di conseguenza, uno dei siti più visitati e utilizzati al mondo è, senza dubbio, la politica aziendale imposta da Bezos, che mette la soddisfazione del cliente davanti a tutto, generando anche diverse polemiche relative alle condizioni di lavoro dei dipendenti.

Per quanto famoso e potente, però, l’e-commerce più visitato al mondo non è comunque il sito internet che ricopre la prima posizione della classifica. Quella è saldamente occupata, e in maniera anche piuttosto scontata, da Google.com: il motore di ricerca più utilizzato in assoluto è infatti un vero e proprio sito web, sebbene in pochi lo sappiano, ed è naturalmente il più popolare di tutta la galassia online. Nonostante esista qualche tentativo di concorrenza, almeno in occidente ha ben pochi rivali; l’unico che può tenergli testa, e che infatti rientra a pieno titolo nella top ten dei siti più popolari, è il suo alter ego cinese ovvero Baidu.com, che è ovviamente anche il primo sito web visitato nel paese più popolato del mondo.

Il secondo posto, soprattutto tra i siti più visitati in Italia, non poteva che essere occupato da un social network e, nella fattispecie, Facebook.com, la prima creazione di Mark Zuckerberg. Nonostante la crescente popolarità di applicazioni come Tik Tok o Snapchat, il prodotto di punta dell’azienda Meta continua ad essere considerato il social per antonomasia, soprattutto da quelle generazioni non più giovanissime che lo hanno visto nascere e non lo hanno mai lasciato. Anche la relativa applicazione è tra le più scaricate al mondo: è veramente difficile trovare al giorno d’oggi un solo smartphone che non abbia installato Facebook. Lo stesso discorso vale per YouTube, appartenente a Google, che in alcuni cellulari Android è addirittura già preinstallato. Stando agli ultimi dati disponibili, la piattaforma di video è praticamente il secondo sito web più visitato al mondo; in Italia occupa invece la terza posizione, proprio dietro Facebook.

Anche il settore dell’intrattenimento ludico ha la sua personale classifica: che si tratti di giocare gratis a Formula 1 o a carte e slot su piattaforme online come PokerStars Casino, per non parlare della possibilità di dilettarsi con gli scacchi su Chess.com, affrontando avversari da tutto il mondo, sono davvero numerosi gli appassionati che prediligono sempre di più utilizzare la possibilità offerta da questo genere di siti web, in cui basta una semplice registrazione per intrattenersi con il proprio passatempo preferito. Stesso discorso vale per alcune applicazioni: così come detto prima sui social network, è davvero difficile trovare uno smartphone che non abbia installato saghe come Candy Crash o Subway Surfers; i dati parlando infatti per entrambe di un miliardo circa di download in tutto il mondo.

E che dire di Wikipedia.org, che con oltre 45 milioni di pagine in 280 lingue differenti è divento una risorsa imprescindibile a livello globale. In Italia, se parliamo di fonti informative, gli tiene testa soltanto Repubblica.it, che tra versione web e applicazione risulta essere il giornale più letto online. Nella top ten della classifica globale si trova inoltre anche Twitter.com, soprattutto grazie al largo uso che ancora se ne fa negli Stati Uniti; nel nostro paese è invece ormai appannaggio di pochi, in particolare tra giornalisti, politici e personaggi pubblici. Diverso è invece il discorso relativo ad Instagram.com, e ovviamente alla sua applicazione (dal momento che è stato concepito per essere usato soprattutto su smartphone), che negli ultimi anni, complici anche i vari aggiornamenti e le novità introdotte come le Instagram Stories, ha spodestato diversi rivali nella classifica dei social più popolari. Nella sua versione business, è anche una fonte inestimabile di guadagno per influencer e imprenditori digitali; che pur senza i numeri di Chiara Ferragni, hanno ben compreso il potenziale del secondo prodotto di punta appartenente al regno di Mark Zuckerberg.