venerdì, 28 Gennaio 2022

Costume & Società

Home Costume & Società Pagina 3
Notizie e tendenze sulla società, sul costume, sull’opinione pubblica e sul cambiamento generazionale

La casa sul mare celeste di T.J. Klune

Un toccante fantasy, dove magia e sentimenti si incontrano in un perfetto mix che scalda il cuore.

ROMANZO: La casa sul mare celeste – (The House in the Cerulean Sea) – Mondadori – Fantasy

Pagine 348

€ 18,00 cartaceo – € 9,99 ebook

TRAMA

Linus Baker è un assistente sociale impiegato al Dipartimento della Magia Minorile. Il compito che esegue con scrupolosa professionalità è assicurarsi che i bambini dotati di poteri magici, cresciuti in appositi istituti in modo da proteggere quelli “normali”, siano ben accuditi. La vita di Linus è decisamente tranquilla, per non dire monotona: vive in una casetta solitaria in compagnia di una gatta schiva e dei suoi amati dischi in vinile. Tutto cambia quando, inaspettatamente, viene convocato nell’ufficio della Suprema Dirigenza. È stato scelto per un compito inconsueto e top secret: dovrà recarsi su un’isola remota, Marsyas, e stabilire se l’orfanotrofio diretto da un certo Arthur Parnassus abbia i requisiti per rimanere aperto. Appena mette piede sull’isola, Linus si rende conto che i sei bambini ospitati nella struttura sono molto diversi da tutti quelli di cui ha dovuto occuparsi in passato. Il più enigmatico tra gli abitanti di Marsyas è però Arthur Parnassus, che dietro ai modi affabili nasconde un terribile segreto”.

LA NOSTRA OPINIONE

È sempre difficile parlare in modo distaccato e obiettivo di un libro che ci è piaciuto. Rischiamo di farlo con toni troppo personali. Per questo romanzo però pensiamo valga la pena correre il rischio.

La casa sul mare celeste” non è un fantasy come tanti. E’ un fantasy adatto anche a chi non ama questo genere.

Il romanzo primo della nuova collana Oscar Fabula recentemente inaugurata da Mondadori, è capace di conquistare il lettore sin dalle prime pagine. Con uno stile scorrevole e diretto la penna di Klune arriva direttamente al cuore.

Klune, che affronta spesso nei suoi libri il tema della diversità, è riuscito ad inserire l’argomento in un modo che tocca il cuore del lettore, attraverso l’innocenza e la purezza dei bambini. La sotto trama LGBT è stata inserita in modo altrettanto abile e fa quasi da sfondo al resto della storia.

Abbiamo avuto tra le mani una storia che sarà difficile dimenticare. Questa non è stata solo la nostra impressione, tanto è vero che numerosi lettori appassionati a questa storia in tutto il mondo hanno già iniziato a chiedere a gran voce un secondo romanzo.

Per il momento l’autore non sembra aver accolto questa richiesta. Klune è infatti impegnato nel lancio del suo nuovo romanzo intitolato “Under the Whispering Door”.

Il romanzo è al momento inedito in Italia, ma visto il successo de “La casa sul mare celeste”, possiamo aspettarci a breve un annuncio in merito da parte di Mondadori.

Non ci sono dubbi, questo romanzo è destinato a lasciare un segno indelebile nel cuore di milioni di lettori

Stranger Things: tutte le citazioni della cultura pop

Vi state preparando ad una nuova stagione di Stranger Things?

Oggi vogliamo parlare di citazioni, l’altra volta abbiamo parlato di Stephen King, oggi parliamo di cultura pop.

Ve li ricordate i mitici anni ‘80? Ebbene questa serie tv è un condensato degli stessi.

Curiosi?

Stranger Things: da Steven Spielberg a Nightmare

Steven Spielberg è una delle citazioni più famose di Stranger Things, stiamo parlando ovviamente di ET.

In una scena Mike trova Undici nel bosco che si aggirava nei dintorni della casa, proprio come l’alieno, e c’è anche una scena con le bici molto simile a quella del film.

Parliamo anche di Poltergeist, con le pareti di casa Freeling che giocano un ruolo essenziale nella comunicazione tra questo mondo e quello degli spiriti proprio come nella serie tv.

C’è spazio anche per Lo Squalo, nella terza serie che si ambienta durante il weekend del 4 luglio e l’incompetenza del sindaco Larry causa molti guai.

Abbiamo poi Alien: il mostro rapisce le sue vittime proprio come l’alieno del film chiudendoli nei bozzoli. Un chiaro omaggio al classico di Ridley Scott.

Ovviamente non potevano mancare i Goonies qui citati con la gang di ragazzini, e rispettivi fratelli e sorelle, inoltre il bulletto che tormenta Mike e i suoi amici si chiama Troy.

Arriviamo a Nightmare con i mostri che emergono da un mondo parallelo a quello reale, in modo molto simile al mostro creato da Wes Craven.

Stranger Things: tutte le citazioni della cultura pop

John Carpenter è un’altra evidente citazione in Stranger Things: Mike ha un poster de La cosa di John Carpenter che viene anche apertamente citato nelle musiche di Kyle Dixon e Michael Stein.

Altra citazione di Carpenter: i cilindri di vetro pieni di liquido verde trovati da Dustin nella base russa che ricordano quello che contiene il demonio in Il signore del male.

Abbiamo anche Ritorno al futuro citato nel settimo episodio, quando Dustin, Erica, Steve e Robin si nascondono in una sala che lo sta proiettando.

Come dimenticarci di Blob? Le persone possedute dal Mind Flayer si trasformano in un liquame.

Citato anche Ghostbusters, quando i ragazzini si travestono da Acchiappafantasmi per Halloween, altra citazione si ritrova quando Steve sta guidando per raggiungere Cerebro e ascolta la canzone con cui i ghostbuster animano la Statua della Libertà.

Spencer: le news sul film dedicato a Lady Diana

C’è molta impazienza per il film Spencer, un omaggio all’indimenticabile Lady Diana.

Il film molto atteso è diretto da Pablo Larraín e scritto da Steven Knight, la protagonista, come già sappiamo, è Kristen Stewart.

Il film sarà presentato il prossimo 3 settembre in anteprima mondiale alla Mostra del Cinema di Venezia.

Nel mentre è stato rilasciato il primo post ufficiale e le prime foto di Kristen nei panni della principessa triste.

Spencer: esce il primo poster ufficiale

Il primo poster ufficiale del film Spencer ritrae Kristen, che interpreta Lady Diana, di spalle, chinata come in un pianto inconsolabile. Indossa un pomposo abito da sposa, quindi il riferimento sono le nozze reali con il principe Carlo.

In quel giorno Lady D. si sarebbe accorta che Carlo amava Camilla e che il suo sarebbe stato un matrimonio infelice. Si dirà poi che lo stesso Carlo, le abbia detto di non amarla il giorno prima delle nozze. Ricordiamo che Camilla partecipò al matrimonio, vestita di bianco.

Spencer: le news sul film dedicato a Lady Diana

Nel primo poster del film Spencer, notiamo che Kristen Stewart indossa un abito nuziale, che però non è identico a quello reale. Questa scelta è stata dettata dal non voler replicare gli abiti originali, ma condensare in un nuovo look lo spirito della principessa.

Jacqueline Durran, la costumista, ha preso spunto da diversi look di Lady D. per reinterpretare gli outfit in versione un po’ più moderna, sempre attenta ai dettagli iconici degli abiti di Lady D.

In questo abito da sposa sono stati ripresi il maxi strascico, i ricami gold e l’aspetto sontuoso.

In un’altra foto ufficiale Kristen/Diana sfoggia il caschetto biondo, veletta sugli occhi, sguardo triste e testa leggermente inclinata, una somiglianza straordinaria.

Il film sarà ambientato nel 1991 e tratterà il lasso di tempo in cui Diana, decide che il suo matrimonio è finito.

Si prevede che il film esca nel 2022, o sul finire del 2021, ancora non ci sono notizie ufficiali.

Come sarà accolto dalla casa reale?

Una ricerca svela come sono cambiate le abitudini di gioco ai tempi del Covid-19


Quando sarà finita l’emergenza sanitaria sarà tutto più chiaro: il mondo è definitivamente cambiato.


Quel che rappresentava la vita di prima è oggi un solo ricordo sbiadito: tutto è mutato e si è imposto come una sorta di nuova normalità: Se i social erano trendy, oggi sono i canali che conducono la vita.

In una sola parola sono cambiate le abitudini di gran parte del mondo.

Lockdown, come cambiano le abitudini nel settore dei giochi

A cambiare sono stati tutti i settori industriali ma uno in particolare ha vissuto una vera e propria fase di stravolgimento generale, venendo radicalmente cambiato.

Si tratta del mondo del gioco d’azzardo, che al di là di quel che si pensa si è rivelato essere il settore tra i più in crescita nell’anno della pandemia e delle restrizioni che hanno caratterizzato il 2021 e l’anno attuale, grazie al processo di innovazione tecnologica del gioco online

Questo per un motivo: si è creata una sorta di migrazione, prima temporanea e poi definitiva, dai luoghi del gioco fisico a quelli online. Così il gioco digitale ha potuto prosperare, venendo peraltro scoperto da molti neofiti mai prima di quel momento coinvolti nelle dinamiche del gioco a distanza.

Lo conferma uno studio sulle abitudini dei giocatori in ambito di gambling. Quel che è emerso è un quadro che fotografa alla perfezione un avvenuto cambio di scenario.

Luiss-Ipsos, la ricerca: il 22% dei giocatori “migrato” sull’online

Dalla ricerca è emerso che il 12% dei giocatori ha continuato in tutta serenità a giocare allo stesso gioco; di contro il 25% se ne è invece allontanato mentre il 22% del totale ha deciso di continuare a giocare, ma alle versioni online dei propri giochi preferiti, sfruttando dunque i casinò online.

Un minimo 8% ha cambiato sede di gioco così da poter continuare ad utilizzare il proprio titolo preferito presso un altro luogo fisico.

Sono dati che tengono conto di slot machine, VLT, scommesse sportive e virtuali in punti vendita ma anche poker ed altri giochi di carte a vincita in denaro. La pandemia non ha invece cambiato chi veniva già dall’universo online. Da marzo 2020 il 43% degli utenti ha continuato a giocare con la stessa frequenza, il 28% ha invece giocato con frequenza maggiore. Ciò forse si spiega per via dell’aumento di tempo a disposizione, poiché anche l’aumento graduale delle restrizioni si è fatto sentire.

Il 14% degli utenti ha giocato con minore frequenza, mentre è stato registrato un 15% di nuovi giocatori online, ovvero utenti online non abituati a giocare in rete prima dello scoppio dell’emergenza sanitaria.

Dati inconfutabili che Fabio Schiavolin, numero uno di Snaitech, analizza meglio da altro punto di vista. Quello che emerge sempre dalla ricerca: l’inconsapevolezza di fronte all’eventuale illegalità del gioco. Un fenomeno da debellare, contro cui si sono unite tutte le forze, non ultima quella dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Nei confronti di un nemico che costituisce ad oggi la più grande minaccia per i giocatori, gli operatori e lo stato di salute di un’intera filiera.