giovedì, 25 Luglio 2024

In viaggio

Home Turismo In viaggio

Da Leon a Santiago: cosa mettere nello zaino

Da Leon a Santiago

Da Leon a Santiago: cosa mettere nello zaino?

Tutti quelli che fanno il cammino lo scrivono ovunque: il vostro zaino sarà la vostra casa, ci deve stare tutto il necessario ma deve essere leggero non una zavorra.

Questa estate mi sto documentando sul “camino de Compostela” (no, non perché vogliono farlo) per capire bene di cosa si tratta e perché attira così tante persone.

Da Leon a Santiago: quale zaino portare?

Lo zaino deve avere una capienza massima di 40 litri possibilmente in tessuto tecnico con una mantellina per la pioggia.

E’ importante usare lo zaino molto prima di partire per essere sicuri che si adatti bene alla schiena.

Da Leon a Santiago: cosa mettere nello zaino?

Sono necessari almeno 3 cambi: 3 pantaloni tra lunghi e corti, 3 magliette (tutto in tessuto tecnico), una camicia, una giacca leggera a maniche lunghe, un pile, una mantella per la pioggia, calze senza cuciture, cappello, costume (in estate), intimo senza cuciture.

Scarpe: un paio di sandali per l’estate e per la doccia, scarpe per camminare (collaudate e comode)

Cosa mettere nel beauty: sapone solido per corpo, bucato e capelli, spazzolino e dentifricio.

Accessori per doccia e bucato: mollette per stendere, corda (un paio di metri per stendere), telo bagno in microfibra.

Da non dimenticare: tagliaunghie, tappi per le orecchie, auricolare, cavo per caricare il telefono, spille da balia (per appendere allo zaino gli indumenti ancora umidi), sacco a pelo, torcia, coltellino svizzero, occhiali da sole, protezione solare, borraccia per l’acqua.

Contro le vesciche e tendiniti: cerotti, vasellina, antifiammatori, pomate all’arnica, ago e filo (pungere la vescica e far passare dentro il filo per assorbire l’acqua).

Pronto soccorso: antiepiretico, antidiarroico, sali minerali, tintura di odio, spray cicatrizzante.

Se dimenticate qualcosa potrete sempre acquistarla in cammino.

Vacanze del benessere, ecco alcune idee

Il turismo del benessere è molto ricercato perché le persone hanno sempre bisogno di passare del tempo immersi nella natura oppure approfittando di realtà come le terme per rilassarsi. Molti decidono di trascorrere invece ore ed ore in altri centri che si prendono cura del corpo. Nel corso degli ultimi anni sempre più resort sono disponibili per le Spa e per le terme. Sono anche numerosissime le start up che invece si preoccupano di portare avanti gli ideali del cicloturismo dando una nuova idea di vacanza. Ad esempio, sono nate diverse aziende anche online che permettono il noleggio delle bici, la cura del corpo. Diffusissime anche delle Applicazioni per dispositivi mobili che vi danno la possibilità di scoprire quelle che sono le principali offerte legate al mondo del benessere termale e non. Ecco alcune idee sulle vacanze del benessere che è possibile fare.

Alcune idee per le vacanze del relax

La tipologia di vacanze del benessere in più nota è quella delle terme che sono diffuse un po’ in tutto il territorio italiano. Dall’isola verde, Ischia, che è famosa per la presenza di terme naturali ma anche Montecatini, Fiuggi oppure le terme di Saturnia in Toscana. Molto spesso è possibile trovare delle attività e resort legati a questi posti davvero molto particolari. Tra le altre terme libere vi sono quelle delle Isole Eolie, i bagni di San Filippo, sempre in Toscana o il bagno Vignoni.

Le vacanze del benessere, il cicloturismo

Il cicloturismo si sta diffondendo sempre di più in Italia e grazie anche ad alcune applicazioni per dispositivi mobili, è possibile trovare le buste di tali percorsi più famosi del Belpaese per trascorrere una vacanza all’insegna del relax e della bellezza. Alcune offerte mettono a disposizione dei clienti, la possibilità di fare delle lunghe passeggiate in bici e di ritrovare il benessere. Ad esempio è possibile fare un tour della Maremma, sul percorso dell’Appia antica in bicicletta vengono anche le passeggiate nella Valle Aurina e la Val di Tures. Assurdo invece è immancabile in giro per il Salento, la scoperta delle spiagge più belle d’italia.

Partire in crociera: ecco tutto ciò che dobbiamo sapere

MSC Meraviglia

Quando si parte per una crociera, soprattutto se è la prima volta che si fa una vacanza del genere, ecco che ci balzano in testa mille dubbi. Prima di partire, ecco qui di seguito alcuni preziosi consigli che se utilizzati a dovere potranno rivelarsi perfetti per qualsiasi occasione. Quando si parte per una crociera scatta la questione bagaglio. Cosa mettere in valigia? La prima cosa importante dunque, è quella di informarsi, perché come tutti ben sanno le crociere non sono tutte uguali e di conseguenza se si opta per una navigazione tra i fiordi norvegesi, è chiaro che il clima sarà differente rispetto ad una crociera negli Emirati Arabi. Il consiglio che bene o male vale per tutti i tipi di crociera è quello di vestirsi a strati in modo tale da non soffrire troppo il freddo o il caldo quando si passa dalle cabine con aria condizionata fino a quando si scende sulla terra ferma.

Quando si prepara la valigia bisogna altresì tener conto di diverse situazioni, ovvero: la navigazione vera e propria, le escursioni e le cene. Quando la nave è in mezzo al mare è bene vestirsi con un abbigliamento comodo, mentre per la sera è utile portare qualche capo elegante . Ma in alcune crociere ci sono altresì delle serate di gala che richiedono un dress code ben preciso. Naturalmente questo dipenderà dalle diverse compagnie. Per quanto riguarda le escursioni invece, la scelta dell’abbigliamento dipende molto dalla destinazione. Ovviamente ci sono alcune regole imprescindibili, del tipo, l’uso della crema solare, gli occhiali da sole, un cappello da portare con sé, senza dimenticare un marsupio o un piccolo zaino dove riporre documenti e soldi. Se poi qualcosa la dovreste dimenticare, non c’è alcun problema, perchè sulla nave ci sono tantissimi negozi dalla boutique d’abbigliamento alle profumerie.

Una cosa è certa: i servizi non mancano di certo!

E per chi vuole portare un neonato in crociera? Nessun problema, perché basta solamente avere qualche piccolo accorgimento e si potrà partire in totale sicurezza. La maggior parte delle navi ammette a bordo neonati a partire dai sei mesi d’età. Ma ci sono navi che accettano bimbi più piccoli, purché si abbia con sé un certificato medico. Anche perché a bordo non ci sono pediatri ma soltanto medici di turno. Poi è bene portare con sé una piccola vasca gonfiabile, in quanto a bordo molto spesso la vasca non c’è. Un’altra questione riguarda l’alimentazione. Alcune compagnie di navigazione forniscono scalda biberon e omogeneizzati. Se si necessita di un menù specifico perché è stata diagnosticata una intolleranza alimentare in questo caso bisogna farlo presente in fase di prenotazione. Da non dimenticare da portare con sé salviettine e pannolini.

Moltissime sono le offerte che si possono trovare in questo periodo dell’anno, e allora perché non approfittarne subito? Partire con crociere msc può offrire tutto il meglio che si possa desiderare dalla propria vacanza!

OFFERTE PER IL MADAGASCAR

Il Madagascar è un’isola nell’Oceano Indiano, affacciata sulla costa orientale dell’Africa ed è composta a sua volta da una serie di isole, di cui la principale occupa la superficie maggiore ed è anche la quarta più grande del mondo. Si tratta di una delle 47 nazioni al mondo completamente senza un territorio che sia sulla terraferma di un continente.

Il fascino del Madagascar è innegabile, per questo è una meta imperdibile per gli amanti dell’avventura e della scoperta di luoghi suggestivi. Basti sapere che il Madagascar è una nazione di grande valore naturalistico, in quanto vanta una biodiversità che racchiude il 5% delle specie conosciute tra vegetali e animali, di tutto il mondo.

La capitale del Madagascar, in forte espansione economica, è Antananarivo, nella quale vivono un milione di abitanti. Il motto del paese è Patria, Libertà, Progresso.

La natura del Madagascar cattura l’anima dei suoi visitatori, la purezza dell’ambiente crea un contatto unico, difficile da ritrovare in altre parti del mondo. Il territorio è in gran parte incontaminato e selvaggio ma le popolazioni native si mostrano estremamente accoglienti, verso coloro che desiderano conoscere quell’ habitat. La fierezza del popolo del Madagascar e il suo attaccamento alle tradizioni e alla cura della propria terra sono parte del fascino di un viaggio sull’isola.

Le modalità per visitare il Madagascar sono molteplici e possono esaudire le esigenze di vari tipi di viaggiatori, i percorsi creati dalle Offerte Alpitour permettono di avere diverse soluzioni, per esplorare questo incantevole paese.

Alpitour offre escursioni con una totale immersione nella natura, approdando a bordo di piroghe nella spiaggia di Ambatozavavy si raggiunge a piedi la spiaggia di lokobe per poi addentrarsi nella foresta, alla scoperta delle piantagioni di caffè, di pepe, di vaniglia, con la possibilità di incontrare lemuri e camaleonti. Oppure ci si può rilassare a Nosy Iranja, una lingua di sabbia bianchissima in cui le tartarughe vanno a deporre le uova, rientrando poi si può passare accanto al Pan du Sucre, con la probabilità stavolta di incontrare i delfini.

Un’altra escursione invece può racchiudere due tipi di percorsi ed essere completa, dal mare alla terra, scoprendo e accarezzando con lo sguardo la fauna e la flora del posto. Si può visitare la riserva marina di Tanikely per poi entrare nel parco naturale dell’isola di Nosy Komba. Il canale del Mozambico offrirà un bagno in un mare cristallino, per infine rilassarsi e degustare la cucina del posto nel ristorante Jardine Vanille, sull’isola di Komba.

Il tramonto e il paesaggio sono meravigliosi e unici dalla vetta del Mont Passot, il quale si raggiunge con un’escursione all’interno dell’isola maggiore. Durante il percorso, si visitano villaggi rurali, si costeggiano risaie, campi di canna da zucchero, bananeti, per entrare in contatto con la natura del Madagascar ma anche con la sua vita quotidiana. Sempre immersi in un mondo lontano ma in piena armonia con la bellezza della creazione naturalistica e con il resto del mondo.