giovedì, 25 Luglio 2024

In viaggio

Home Turismo In viaggio

Cuba e i suoi abitanti, tutto racchiuso in una macchina fotografica (FOTO)

credits to Timur Tugalev

Cuba ha proprio rapito i cuori di ogni persona, di ogni città, di ogni nazione del Mondo. E l’ha fatto anche con Timur Tugalev. Timur vive ad Edimburgo, in Scozia; gli piace essere il regista di avventure intorno al mondo: di professione fa il viaggiatore.

State per partire per Cuba? Anche se la risposta è no, almeno una volta nella vita, tutti abbiamo sognato di prendere l’aereo e di volare sull’oceano per raggiungere l’isola dei sogni. Timur Tugalev l’ha fatto, decidendo di fotografare ogni luogo nascosto e di catturare ogni sguardo sfuggente per documentare la vita di persone che vivono a sei fusi orari di distanza da noi. Tutte le foto sono state scattate in posti diversi tra cui L’avana, Viñales, Trinidad e Cienfuegos.

Cuba è mille colori e vicoli nascosti, è il suono della Rumba, è il sapore del Rum. Cuba è la paura che ti assale quando ti trovi lontano dal tempo della tua casa.

Le foto di Tugalev sono opere d’arte, quadri grandiosi, sguardi che parlano, mano che si tendono. La sua macchina fotografica e l’incessante voglia di viaggiare e di immergersi non nel mare di Cayo Largo ma nella vita dell’isola, hanno catturato momenti bellissimi, illuminati da luce caldissima, colorati di colori brillanti.

Una bambina che trattiene la risata con la mano davanti la bocca e un uomo che legge vicino al mare. Tugalev tutta questa poesia è riuscita a racchiuderla in uno scatto. Quella risata noi la riusciamo a sentire benissimo, quell’uomo legge così a voce alta che le sue parole arrivano fino a noi.

credits to Timur Tugalev
credits to Timur Tugalev

La sua Cuba è un bambino che è riuscito a pescare ed è felice; è una scuola, un po’ malandata, che ci dice che sì, cultura resiste all’abbrutimento dei tempi e degli anni; è un uomo solo, con un sigaro e il suo asinello.

credits to Timur Tugalev
credits to Timur Tugalev

Le macchine anni 50, quelle dei film, nell’isola caraibica esistono davvero. E sono bellissime e camminano per le strade dissestate e sbuffano ad ogni fosso. Il momento più cubano e più bello è proprio stato rubato all’interno di una di queste auto: 10 e lode.

credits to Timur Tugalev
credits to Timur Tugalev

Attualmente Timur Tugalev sta lavorando ad un film su questo straordinario viaggio e se pure non siamo mai stati a Cuba, possiamo dire, e possiamo dirlo forte, che con queste foto ci siamo andati abbastanza vicino.

Porte e finestre, il tema di un viaggio in giro per il mondo (FOTO)

La fotografia ed il viaggio sono un binomio inscindibile, ma il racconto di un’esperienza di viaggio attraverso le immagini fotografiche non si esaurisce nella semplice scelta della tecnica da usare, dell’inquadratura, della luce o dell’obiettivo adatti, ma nell’esprimere di volta in volta un personale modo di vedere il mondo, un particolare stile attraverso il quale il fotografo rappresenta l’esperienza vissuta. Secondo il fotografo André Vicente Gonçalves sono i dettagli a fare la differenza e ad essi dobbiamo dare valore, perché ogni volta ci arricchiscono di nuove emozioni. Il valore intrinseco delle cose sta dietro al più piccolo dei particolari, che solamente un occhio curioso riesce a cogliere.

Così, attraverso il suo viaggio in giro per l’Europa, il giovane ragazzo portoghese ha voluto raccontare tramite delle immagini la sua visone del mondo. Sono porte e finestre le protagoniste delle sue foto, che con le loro particolarità e i loro differenti stili architettonici ci descrivono l’identità di ogni città e ci dicono molte cose sui proprietari delle case in cui si trovano.

Windows of the world e Door’s of the world sono i nomi dei due ambiziosi progetti realizzati dal fotografo, che ha trasformato due oggetti comuni in vere e proprie opere d’arte, attraverso un collage di foto colorate e vivaci, che ci permettono di arrivare all’essenza della realtà guardandola con occhi differenti.

Il suo lavoro ha già raggiunto un traguardo importante, dato che le fotografie di Windows of the World sono state esposte a Brasov, in Romania, nell’ agosto 2015 in occasione del Festival della Cultura Urbana.

André ha fotografato 20 paesi fino ad oggi, ma questo specifico progetto comprende solo il Portogallo, l’Italia, la Spagna, l’Austria, l’ Inghilterra e la Romania. Il prossimo obiettivo è quello di fotografare tutti i paesi del mondo, partendo dalla Russia e dalla Cina. I piani futuri includono anche la pubblicazione di un libro e numerose mostre.

Osservando i colori, i materiali, gli archi, le linee, i decori delle opere di André possiamo provare anche noi a percorrere i migliaia di chilometri dei suoi viaggi, sentire decine di lingue, l’odore del cibo che filtra da queste porte e finestre che abbelliscono e valorizzano le strade e i quartieri di queste città.

Le finestre del mondo

Trento
trento

Evora
evora

Ericeira
ericeira

Venezia
venezia

Burano
burano

Alpi
ALPI

Le porte del mondo

Spagna
spagna

Romania
romania

Inghilterra
inghilterra

Portogallo
PORTOGALLO

Il passato e il presente dei Casinò

Per molte persone i giochi dei Casinò sono un vero e proprio passatempo, basti pensare alla quantità di piattaforme online che sono nate negli ultimi anni. Partendo dal principio, in passato per poter accedere ai Casinò bisognava prima di tutto aver compiuto la maggiore età, così come oggi, e spesso era necessario avere un determinato dress code. Il che dipendeva e dipende tutt’oggi anche dall’ambiente che si vuol trovare.

Vacanze d’azzardo: dai casinò di terra a quelli online

Per queste vacanze estive, molte persone scelgono come meta città di casinò di terra per divertirsi e puntare qualche soldo sperando nel bacio della Dea bendata. Tra le destinazioni più in voga troviamo senza dubbio le scintillanti città di Las Vegas e Atlantic City, entrambe negli Stati Uniti, considerate dei templi del divertimento e dell’azzardo.

Spostandoci invece in Asia, Macao è una delle regioni con il maggior numero di nuovi e già celebri casinò, tra cui il Casino Sands, uno dei più grandi al mondo. Senza andare troppo lontano, anche in Europa abbiamo dei casinò molto famosi, il più celebre dei quali è certamente quello di Montecarlo, nel Principato di Monaco. In Italia possiamo vantare il casinò di Venezia, in Francia si può visitare uno dei più lussuosi, ovvero l’Aviation Club de France. Un altro casinò europeo tra i più grandi è il Lisboa casino di Lisbona.

Tuttavia, se non si ha la possibilità di visitare una città con un casinò reale, si può sempre optare per uno dei tanti siti con ampie offerte di giochi. Per questo con il passar del tempo sono nate le prime piattaforme di Casinò online, le quali consentono di poter accedere a tutti i giochi che sono presenti anche fisicamente nelle varie città. Quindi il giocatore oggi può accedere tranquillamente da casa effettuando una semplice iscrizione e collegando il suo conto al suo profilo sui casinò online regolati dall’AAMS

Questa nuova moda per molti è considerata pericolosa, in quanto con il potere di internet, vi possono accedere anche dei ragazzini, ma come i minorenni non possono entrare nei casinò di terra, non è possibile nemmeno online: per autenticare i propri account, è necessario inserire tutti i dati veritieri e in più una fotocopia o uno scan della propria carta d’identità o altro documento di riconoscimento. Il tutto per consentire di monitorare i giocatori e di bandire il gioco tra i minorenni.

In conclusione, buone vacanze a tutti gli appassionati dei giochi di casinò, di terra o virtuali!

Viaggiare da soli: vantaggi, sfide e suggerimenti per i viaggiatori singoli

Immaginatevi di organizzare un viaggio con degli amici: avete pianificato tutto con cura, avete prenotato il volo da Milano e persino trovato un parcheggio Malpensa perfetto, in ottima posizione ed economico.

Tuttavia, proprio quando ormai è tutto pronto, un imprevisto costringe i vostri amici ad annullare il viaggio, lasciandovi soli. L’istinto iniziale potrebbe essere quello di rinunciare all’avventura, ma se invece decideste di non farlo, di partire lo stesso, potreste scoprire che questa inattesa solitudine si può rivelare invece una preziosa opportunità.

Viaggio in solitaria: pro e contro

Viaggiare da soli è un’esperienza che può essere incredibilmente gratificante e rivelarsi in grado di farvi vivere emozioni uniche, ma è importante essere consapevoli di tutti i suoi aspetti, sia positivi che negativi.

Sicuramente, uno dei principali vantaggi di un viaggio in solitaria è la libertà totale di scegliere. Senza condizionamenti, potete pianificare il vostro itinerario come desiderate, esplorare le mete che volete e rimanere il tempo che preferite in un luogo, anche se significa trascorrere l’intera giornata in un museo.

Inoltre, viaggiare da soli è un ottimo modo per riuscire a riscoprire se stessi. Questo tipo di viaggio, infatti, è in grado di mettervi in contatto con i vostri limiti e le vostre paure, affrontarle, diventando così un momento di crescita personale e di introspezione.

Inoltre, viaggiare da soli ci costringe a uscire dalla nostra cerchia e doverci obbligatoriamente interfacciare con il mondo circostante di persona. Questo può tradursi in un’ottima opportunità per fare nuove amicizie.

Fino ad ora può sembrare che viaggiare da soli sia qualcosa da fare assolutamente almeno una volta nella vita, e forse è proprio così, ma è importante conoscere anche alcuni svantaggi e problemi che potrebbero presentarsi.

La solitudine, infatti, non è per tutti: se si è abituati a condividere le esperienze con altri, la mancanza di quel legame speciale condiviso con amici o familiari può rendere alcune situazioni tristi o sconfortanti.

Inoltre, l’aspetto primario riguarda la sicurezza. Essere da soli in luoghi sconosciuti comporta un maggiore rischio, sia per quanto riguarda la sicurezza personale che il rischio di furto. È fondamentale, perciò, adottare precauzioni aggiuntive per proteggere se stessi e i propri beni.

Qualche consiglio per un viaggio da soli che sia perfetto

Alla luce di quanto abbiamo esaminato, il consiglio più prezioso per un viaggio in solitaria indimenticabile è quindi la meticolosa organizzazione. Quando si viaggia da soli, si diventa il solo responsabile dell’intero itinerario, dalla pianificazione degli spostamenti all’alloggio.

La gestione di imprevisti o situazioni di emergenza potrebbe richiedere decisioni difficili senza l’aiuto di compagni di viaggio, e il segreto per riuscire a farvi fronte è appunto sempre quello dell’organizzazione.

Inizia ad esempio prenotando hotel solo da siti e piattaforme conosciute e sicure, per non correre il rischio di restare coinvolto in qualche spiacevole inconveniente una volta che sarai arrivato sul posto.

Per quanto riguarda i trasporti, valuta le opzioni disponibili e prenota voli, treni, autobus o noleggio auto in anticipo per accedere a tariffe convenienti e soprattutto per avere ben chiaro di quale sarà l’itinerario.

Se deciderete di partire in aereo, preoccupatevi di trovare con anticipo il posto dove lasciare l’auto vicino all’aeroporto di partenza. Ad esempio se parti da Milano cercando online parcheggio Orio al Serio, se questo è il tuo aeroporto di partenza, troverai ottime opzioni di parcheggi vicino all’aeroporto che ti offriranno comodità e vantaggiose offerte: informandovi per tempo avrete modo di risparmiare e saprete di aver lasciato l’auto in un luogo affidabile. Infine, tenete sempre a portata di mano il cellulare e assicuratevi che sia carico e che permetta le telefonate anche da dove andrete. Non dimenticatevi, inoltre, di comunicare l’itinerario deciso a qualche amico e parente e tenerlo sempre aggiornato sui vostri spostamenti, così che in caso di necessità sappiano dove trovarvi.