giovedì, 23 Settembre 2021

Mondo

Home Turismo Mondo
News e destinazioni del turismo nel mondo

10 musei da visitare almeno una volta nella vita (FOTO)

I musei sparsi in giro per il mondo superano i milioni, le opere esposte al loro interno i miliardi: sembra difficile dunque decidere quali siano quelli da visitare almeno una volta nella vita, ma grazie a Buzzfeed siamo in grado di suggerirvi 10 musei da non perdere.
Scopriamo insieme quali sono e dove si trovano.

EMP Museum

1

L’Experience Music Project and Science Fiction Museum non si può certo annoverare tra i musei tradizionali. Situato nel cuore di Seattle, l’Emp museum non solo conserva le collezioni di musicisti come Jimi Hendrix e i Nirvana, ma presenta straordinarie attività interattive e diverse esibizioni live. Presto numerosi artisti under 22 avranno l’occasione di cantare nel corso della sfida Sound off promossa dall’EMP.

Newseum

2

Per un giornalista o aspirante tale, c’è un museo assolutamente da non mancare: parliamo del Newseum. Per avere l’occasione di osservare macchine fotografiche e da scrivere d’epoca è sufficiente recarsi a Washington DC: è qui che si trovano 80 quotidiani tutti internazionali, che raccontano la storia mondiale. In più una delle sale del museo è dedicata al World Press Freedom (la libertà di stampa).

National Museum of Crime and Punishment

3

E se vi trovate a Washington Dc, tra i musei che vale assolutamente la pena di visitare c’è il National museum of Crime and Punishment. Sono esposti nella galleria più di 700 artefatti sulla storia del crimine in America.

Musei Vaticani

5

Anche il Bel Paese occupa un posto nella classifica grazie ai Musei Vaticani. Per perdersi tra le numerose gallerie sull’arte greca, etrusca, cristiana, occorre recarsi nella città del Vaticano. Alla fine del Tour potrete entrare nella Cappella Sistina ed ammirare la volta e le pareti dipinte da Michelangelo. Come affermò J.W.V. Goethe, senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un’idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere.

Tate Modern

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nel Nord Europa, in una delle capitali più cosmopolite del mondo, Londra, è possibile vedere da vicino le opere dell’arte moderna internazionale. Ciò che contraddistingue il Tate Modern è anche la vastità di collezioni temporanee che sono presentare al secondo e al quarto piano, mentre nei piani 3 e 5 si passa da Cézanne a Kandinsky attraverso i tormenti di Van Gogh.

Bakken Museum

6

Gli Stati Uniti invece amano lasciare di stucco gli appassionati di musei, sopratutto con il Bakken Museum, completamente dedicato all’elettrica e all’elettromagnetismo. Tra le attrazioni maggiori vi è il laboratorio di Victor Frankenstein e un acquario elettrico, casa per i pesci elettrici.

City Museum

7

Chi dice che nei musei sia proibito giocare e divertirsi? Al City Museum, a St. Louis, nel Missouri, l’interattività è la parola d’ordine se si vuole circolare tra i diversi parco giochi e architetture esposte. Questo museo è stato paragonato al Museum of Jurassic Technology, a Los Angeles.

Museum of Broken Relationships

8

Anche le relazioni terminate meritano un luogo unico in cui poter vivere per sempre. Si tratta del Museum of Broken Relationship, situato a Zagabria in Croazia. Tra le collezioni si vedono gli oggetti più comuni, che qui assumono un valore simbolico: peluche, album fotografici, ceramiche e persino un vecchio telefono cellulare per ricordare vecchi amori.

United States Holocaust Memorial Museum

Holocaust

La memoria è uno dei valori essenziali dei musei di tutto il mondo. Ancor più questo desiderio è accentuato all’Holocaust Memorial Museum, dove i visitatori possono visionare diverse documentazioni, studi e interpretazioni sulla storia dell’Olocausto. Per non dimenticare.

American Visionary Art Museum

10

I migliori arrivano sempre alla fine. L’American Visionary Art Museum , a Baltimora, offre un viaggio nell’outsider art, un mondo completamente nuovo in cui l’arte è sopratutto intuizione. Un intenso spettacolo anche per chi non si intende di sculture.

In fondo l’arte è sopratutto interpretativa e si associa alle sensazioni e riflessioni di chi guarda. Esplorate e immaginate sinché potete.

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

Dodici città per dodici stadi: in Brasile si sceglie tra tradizione, storia, innovazione e spettacolo. Ecco dove si disputeranno le partite dei Mondiali 2014.

Saranno 64 le gare in elenco, 12 gli stadi coinvolti, mille le emozioni assicurate. Alcuni impianti hanno fatto la storia del calcio brasiliano e internazionale, molti hanno visto nascere carriere mondiali, altri sono ancora in costruzione, tra proteste, spese pazze e corsa contro il tempo.

Qual è lo stadio più bello?

Arena de São Paulo – San Paolo

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

Ospiterà la partita inaugurale de Brasile, in campo contro la Croazia. Arriva, finalmente, per il Corinthians, uno stato tutto per sé. All’interno di un quartiere povero, porterà un notevole impulso allo sviluppo dell’area con la garanzia di posti di lavoro per centinaia di persone.
Spettatori: 65.000
Partite: 6 (match inaugurale Brasile – Croazia, Semifinale, altri 4 match)

Arena da Baixada – Curitiba

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

Lo storico Stadio Joaquim Américo Guimarães risale al 1914, dopo alcune modifiche alla struttura nel lontano ’99, sta subendo ulteriori operazioni di ingrandimento per ospitare quattro incontri del girone di eliminazione. Verrano aggiunte file di sedili per aumentarne la capienza, mentre al suo esterno ci saranno centri commerciali, palestre e negozi di ogni genere.
Spettatori: 40.000
Partite: 4 (gironi eliminatori)

Stadio Beira-rio – Porto Alegre

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

Da tutti conosciuto come il “gigante di Beira-rio”, a causa delle sue dimensioni, lo stadio di Porto Alegre è circondato da un paesaggio stupendo.
Spettatori: 50.000
Partite: 5 (4 di gironi eliminatori, quarti di finale vincente gruppo G e seconda gruppo H)

Stadio Maracanã – Rio de Janeiro

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

Come poteva mancare? Rio ospiterà la finale e altri sette match, tra gironi di eliminazione, ottavi e quarti di finale. Lo stadio Maracanà è il più famoso del Brasile, inaugurato per i Mondiali del 1950, e ospiterà anche le Olimpiadi 2016. Ben 73.531 spettatori per una spesa totale di 400 milioni di dollari.
Spettatori: 73.531
Partite: 8 (finale, ottavi di finale, quarti di finale e girone eliminatori)

Stadio Mineirão – Belo Horizonte

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

57.483 spettatori per sei partite all’ultimo respiro, quattro di girone, la prima degli ottavi e la prima semifinale.
Spettatori: 57.483
Partite: 6 (primo ottavo di finale, prima semifinale e quattro partite di girone)

Stadio Nacional – Brasilia

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

È lo stadio della capitale e ospiterà sette gare. 70.000 posti a sedere e spettacolo assicurato. Fu demolito e ricostruito a partire dal 2010, ma non ancora concluso.
Spettatori: 70.000
Partite: 7

Arena Pantanal – Cuiaba

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

È una delle tante progettazioni sostenibili di questo Mondiale, in una zona ricca di flora e fauna. La struttura è stata costruita con l’intento di ospitare tantissime manifestazioni nazionali e non: spettacoli, fiere e mostre. Può contare 40.000 posti circa ed ospiterà quattro partite.
Spettatori: 40.000
Partite: 4

Arena Fonte Nova – Salvador

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

L’arena si trova nell’incantevole centro coloniale portoghese di Salvador de Bahia, ricco di edifici considerati dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. L’impianto sorge al posto del vecchio Estádio da Fonte Nova; 55.000 posti per quattro gare dei gironi eliminatori, un ottavo e un quarto di finale e anche le Olimpiadi 2016. Come se non bastasse all’interno ci saranno un ristorante, un museo di calcio, negozi, parcheggi, alberghi e una sala da concerto.
Spettatori: 55.000
Partite: 6 (Quarto di finale, ottavo di finale, quattro gare eliminatorie)

Arena Pernambuco – Recife

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

Italia-Costa Rica, la seconda gara del nostro girone, si disputerà proprio in questo stadio. È un impianto moderno, a pochi chilometri dall’aeroporto, facilmente raggiungibile dai tifosi, comodo, super moderno e con una capienza di 45.000 persone.
Spettatori: 45.000
Partite: 5 (Italia – Costa Rica e altre 4 partite)

Stadio das Dunas – Natal

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

Il bellissimo stadio prende forma e nome dalle dune di sabbia che sono una delle principali attrazioni della regione. Italia-Uruguay una delle partite che si disputeranno qui. Lo stadio avrà una capienza di circa 42.000 posti .
Spettatori: 42.000
Partite: 4 (Italia – Uruguay e altre 3 partite)

Stadio Castelão – Fortaleza

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

Castelão o Gigante de Boa Vista, un nome una garanzia. La struttura è davvero gigantesca e sarà uno degli stadi più belli dal punto di vista “artistico” e dello spettacolo. Ha 58.704 posti e un parcheggio sotterraneo e due stazioni metropolitane per raggiungerlo facilmente. Inoltre al suo interno è stato costruito un tetto che copre tutti i livelli, ci sarà una zona VIP, un hotel, un cinema, ristoranti e un centro olimpico.
Spettatori: 58.704

Arena Amazonia – Manaus

Ecco i 12 stadi che ospiteranno i Mondiali 2014 in Brasile

Siamo nella foresta pluviale, dove un tempo sorgeva l’Estadio Vivaldo Lima. Sarà il palcoscenico della prima e difficilissima partita dell’Italia con l’Inghilterra. Girone complicato per la nostra nazionale che inaugurerà qui il suo percorso. Lo stadio è noto per l’efficiente rete di recupero dell’acqua piovana che verrà utilizzata per innaffiare il campo di calcio.
Spettatori: 56.500
Partite: prima partita della Nazionale Italiana

E tu quale stadio preferisci?

[Fonte: travel365.it]

Le città estere con i nomi più strani

Credits: leganerd.com

Di nomi strani, in giro per il mondo, se ne sentono a volontà. E anche quelli delle città non sono da meno. Ci sono nomi buffi, stravaganti e davvero bizzarri per essere quelli con sui si identifica un luogo in cui vivono delle persone: vi immaginate qual è il nome dei loro poveri cittadini? Forse meglio non pensarci.

Questi luoghi prendono spunto dalla letteratura, dalle figure retoriche, dal mondo preistorico e da quello sportivo. Ogni posto ha una storia da raccontare e un nome da offrire come biglietto da visita, anche se non sempre fa fare una bella figura.

Ma quindi quali sono i nomi più strani di città in giro per il mondo?

Partiamo dal nostro continente, ovvero dall’Europa. In Francia esiste Condom, in Austria Fucking e in Svezia Bastard. Per finire in bellezza, poi, c’è anche Batman, in Turchia.

Se ci spostiamo oltreoceano la situazione non cambia: i nomi sono sempre più strambi. Per esempio, sapevate che in Perù esiste un posto chiamato Sexy?
Per quanto riguarda gli Stati Uniti, poi, il divertimento è assicurato. In Ohio c’è Pussy Creek e in Michigan esiste Climax, mentre nel New Jersey il posto più strano ha nome Fairplay. Da non dimenticare, poi, anche Dinosaur in Colorado e Frankenstein in Missouri.

I nomi più buffi, però, sono quelli di due centri, piccoli e periferici, che si trovano sempre negli Stati Uniti, ma in due stati differenti: Why e Whynot. Il primo si trova in Arizona, il secondo, invece, in North Carolina.

Vacanze a settembre: le migliori mete low cost (FOTO)

Credit photo: www.ilgiornale.it

Dopo settimane o addirittura mesi di vacanze arriva il tanto odiato mese di settembre che porta con sé l’inizio della solita routine fatta di lavoro, studio e sport. Ma non per tutti perché c’è chi decide – per piacere o per esigenza – di viaggiare proprio durante questo mese e – diciamocelo – non è poi una così brutta scelta.

I numeri parlano chiaro: quest’anno sono più di 4 milioni gli italiani pronti a fare la valigia e partire a settembre, in confronto ai circa 3 milioni del 2014. Ma quali sono le ragioni che spingono i turisti a fare le vacanze proprio ora che tutti ricominciano con la vita di sempre?
Prima di tutto i prezzi: in tempo di crisi viaggiare in questo periodo è perfetto per chi vuole risparmiare dato che i prezzi si abbassano vertiginosamente rispetto all’alta stagione. E poi il minore affollamento: solo ora si può godere a pieno di una spiaggia deserta e visitare una città senza troppe persone ad intralciare il proprio percorso.

L’unica pecca delle vacanze a settembre è la meta: rispetto ai mesi precedenti la scelta deve essere più ragionata e tenere conto di vari fattori, primo tra tutti quello del clima. Non vorrete finire in mezzo ad un uragano su un’isola caraibica, vero? Ecco, quindi, alcune delle migliori mete, sia per il clima che per i prezzi, per una vacanza al top durante il mese di settembre.

Città europee

Credit photo: www.salutida.com
Credit photo: www.salutida.com

È sempre il momento giusto per visitare una capitale europea, e settembre lo è ancora di più: i costi dei voli sono estremamente bassi e la città è molto più tranquilla, senza milioni di turisti pronti a mettervi i bastoni tra le ruote. Le file per visitare le sue attrazioni si riducono e il clima è accogliente, per passare l’intera giornata camminando e scoprendo i segreti della città, capace di catturare il cuore dei propri turisti grazie alla sua storia, ai suoi monumenti e ai suoi paesaggi da togliere il fiato. Che aspettate? Barcellona, Budapest, Lisbona, Parigi, Istanbul e non solo sono pronte ad accogliervi a braccia aperte.

Mare e città

Credit photo: www.megalovacanze.it
Credit photo: www.megalovacanze.it

Se ciò che volete da questo settembre è un mix di cultura e relax le mete ideali sono la Croazia e la Grecia. Pienissime di turisti nei mesi di luglio e agosto – per le città pittoresche, il mare e le spiagge mozzafiato, il clima fantastico e i prezzi più che convenienti – durante il mese di settembre queste due località si svuotano, senza però per questo alzare i prezzi di vita e alloggi.

Sharm el Sheik

Credit photo: www.ilgiornale.it
Credit photo: www.ilgiornale.it

La mitica Sharm non passa mai di moda: da anni la località egiziana è una delle mete più ambite da milioni di turisti di tutto il mondo. E durante il mese di settembre lo diventa ancora di più, grazie al clima sempre perfetto per un tuffo al mare e i prezzi stracciatissimi. Feste sulla spiaggia, mare caldo, posti da cartolina e relax totale per chi sceglie di trascorrere qualche settimana nell’amata Sharm el Sheik.

Africa

Credit photo: www.africaexclusivesafaris.com
Credit photo: www.africaexclusivesafaris.com

Settembre è uno dei mesi consigliati per chi vuole godersi il continente africano. Clima caldo, safari, mare e deserto: il tutto ad un prezzo più basso del solito, grazie alla fine dell’alta stagione. Tra i vari paesi uno dei migliori sarebbe il Kenya, capace di unire l’amore per il mare e per il safari.

Foresta amazzonica

Credit photo: www.meteoweb.eu
Credit photo: www.meteoweb.eu

Tribù sconosciute e vegetazione fittissima per chi decide di visitare la foresta amazzonica. Una scelta molto saggia quella di partire nel mese di settembre e non in altri periodi dell’anno, essenzialmente per due motivi: i costi più bassi rispetto al periodo estivo e la presenza in misura molto minore delle fastidiosissime mosche e zanzare, capaci di trasformare la vacanza in un inferno.