lunedì, 26 Febbraio 2024

Mondo

Home Turismo Mondo
News e destinazioni del turismo nel mondo

Le città estere con i nomi più strani

Credits: leganerd.com

Di nomi strani, in giro per il mondo, se ne sentono a volontà. E anche quelli delle città non sono da meno. Ci sono nomi buffi, stravaganti e davvero bizzarri per essere quelli con sui si identifica un luogo in cui vivono delle persone: vi immaginate qual è il nome dei loro poveri cittadini? Forse meglio non pensarci.

Questi luoghi prendono spunto dalla letteratura, dalle figure retoriche, dal mondo preistorico e da quello sportivo. Ogni posto ha una storia da raccontare e un nome da offrire come biglietto da visita, anche se non sempre fa fare una bella figura.

Ma quindi quali sono i nomi più strani di città in giro per il mondo?

Partiamo dal nostro continente, ovvero dall’Europa. In Francia esiste Condom, in Austria Fucking e in Svezia Bastard. Per finire in bellezza, poi, c’è anche Batman, in Turchia.

Se ci spostiamo oltreoceano la situazione non cambia: i nomi sono sempre più strambi. Per esempio, sapevate che in Perù esiste un posto chiamato Sexy?
Per quanto riguarda gli Stati Uniti, poi, il divertimento è assicurato. In Ohio c’è Pussy Creek e in Michigan esiste Climax, mentre nel New Jersey il posto più strano ha nome Fairplay. Da non dimenticare, poi, anche Dinosaur in Colorado e Frankenstein in Missouri.

I nomi più buffi, però, sono quelli di due centri, piccoli e periferici, che si trovano sempre negli Stati Uniti, ma in due stati differenti: Why e Whynot. Il primo si trova in Arizona, il secondo, invece, in North Carolina.

Viaggio in aereo: le indecenze dei passeggeri (FOTO)

PassengerShaming.com

Un viaggio in aereo – che sia di un paio d’ore o una traversata oceanica – vorrebbe essere per molti un modo per rilassarsi, leggendo un buon libro o schiacciando un pisolino. Ma dopo i primi 10 minuti di tragitto, puntualmente, spunta lui: il vicino disturbatore. Che sia un vecchietto logorroico, un neonato con le corde vocali di Pavarotti o bambini indisciplinati che corrono da una parte all’altra dell’aereo inseguiti da genitori affannati e paonazzi, il viaggio sopra le nuvole non riesce quasi mai ad essere un momento di pace e tranquillità.

A testimoniarlo non sono solo i passeggeri ma gli stessi assistenti di volo. L’ex hostess Shawn Kathleen – spettatrice di diversi comportamenti indecorosi – ha deciso di porre un limite a tutto questo: per denunciare i pessimi comportamenti tenuti da alcuni viaggiatori, ha creato un sito apposito dove vengono pubblicate le foto dei passeggeri irrispettosi.

E così sulla pagina ‘Passenger Shaming’ se ne vedono di tutti i colori: da uomini che stanno seduti a gambe incrociate e piedi nudi a turisti che dormono scambiando il proprio sedile per una sdraio. C’è poi l’anziano signore che – dati i suoi molti impegni da pensionato – non è riuscito a farsi manicure e pedicure prima di partire: quale occasione migliore quindi se non quella di un noiosissimo viaggio in aereo per tagliarsi unghie di mani e piedi?

Presto detto anche per quei passeggeri che il picnic prima della partenza proprio non hanno fatto in tempo ad organizzarlo; e così il velivolo diventa per questi soggetti il luogo migliore dove mangiare in quantità e lasciare poi cartacce, bottiglie di plastica e addirittura pannolini sporchi sotto i propri sedili.

Ma i pannolini sporchi hanno la loro giustificazione: il bagno era infatti inagibile. Perché? Semplicemente perché occupato da un lui e una lei che, presi dal desiderio e dalla voglia di compiere un atto proibito, incapaci di attendere fino all’atterraggio del velivolo, si sono visti ‘costretti’ a consumare un rapporto sessuale nel bagno dell’aereo. Lasciando poi come ricordo e invito per i prossimi passeggeri il preservativo utilizzato.

In tutto questo solo una cosa viene da dire: non c’è veramente limite al peggio. E all’indecenza.

Wi-fi a bordo, rimanere connessi in volo è una realtà

credits photo: sosviaggiatore.it

Ottime notizie per chi non riesce a vivere senza essere connesso al resto del mondo neanche per pochi istanti. Infatti, secondo un sondaggio condotto dalla società di raccolta dati Routehappy i voli che offrono una connessione Wi-fi sono in costante aumento. Negli Stati Uniti d’America già il 66% dei voli nazionali offre il servizio Wi-fi a bordo, tre volte di più rispetto a 18 mesi fa.

Robert Albert, amministratore delegato della Routehappy, ha dichiarato alla CNN che la possibilità di connessione durante un viaggio sembra il servizio che la maggior parte dei viaggiatori ricercano mentre stanno scegliendo la compagnia con cui viaggiare. In poche parole, è un servizio che gli utenti cominciano a ritenere indispensabile.
Le compagnie aeree, perciò, stanno cercando di adattarsi alle nuove richieste dei viaggiatori sperimentando diversi modi attraverso i quali i loro clienti possano connettersi in volo con costi fissi o, preferibilmente, gratis.

Routehappy ha successivamente analizzato diversi voli che offrono il servizio in una tipica giornata di viaggio di metà settimana per poter stilare una lista di quelli in cui la connessione è migliore per qualità e potenza. Attraverso questa analisi è risultato evidente che la qualità e la velocità di connessione sta migliorando su tutta la linea. Però, seppur in continua crescita, sono ancora pochi i voli che possiedono i servizi internet a bordo.

United è la compagnia che ha avuto il maggior tasso di crescita, triplicando la connettività in solo 18 mesi sui voli nazionali, però solo il 20% dei suoi voli possiede i servizi internet a bordo. A livello internazionale Nordic Airlines Icelandair e Norwegian sono le compagnie con la miglior connettività wi-fi. Infatti, offrono il servizio di connessione Wi-fi in più dell’80% dei loro voli. Per chi viaggia negli Stati Uniti la società di raccoltà dati ha stilato la seguente lista di voli che offrono il miglior servizio di connettività Wi-fi: Virgin America, Southwest, JetBlue, Delta, Alaska, American/US e la già citata United.

Russia: il Natale ortodosso è come una favola (FOTO)

Il Natale ortodosso russo è terminato qualche giorno fa, ma la favola ha fatto diventare realtà rimane e rimarrà nel cuore di moltissimi, tra russi e turisti.

Mosca, oltre ad essere la capitale della Russia, è il crocevia tra l’antico moderno, tra l’esistenza pacifica e la frenesia della vita cittadina. È la capitale magica dell’inverno sopratutto se si vede con gli occhi della fotografa Kristina Makeeva, che è stata in grado di catturare la città come mai nessuno prima. Le sue foto mostrano luoghi come la Piazza Rossa e il Cremlino, sia innevati che addobbati di luci colorate.

Ogni immagine è unica nel suo genere, giochi di luci e colori, persone, animali, felicità e Natale; tutte queste foto creano emozioni incredibili soltanto guardandole attraverso lo schermo del computer.
Vedere per credere.

[Credit photos: boredpanda.com]