lunedì, 12 Aprile 2021

Cibo

Home Food Cibo Pagina 35
Notizie e informazioni sugli alimenti e sulla nutrizione

Ecco gli alimenti da non conservare in frigorifero in estate

Con l’arrivo del caldo estivo si pensa che il luogo più sicuro per conservare gli alimenti, garantendo loro una durata maggiore, sia il frigorifero.
Non è così in realtà, poiché questo non accade per tutti i cibi, specialmente per frutta e verdura. Anzi, molte volte è l’esatto contrario.

La dicitura “conservare in un luogo fresco e asciutto” non indica necessariamente il mobile più fresco per eccellenza, ma alcune volte indica un luogo lontano dalle fonti di calore e umidità.

Ecco quindi quegli alimenti che non bisogna assolutamente conservare nel frigo di casa:

Pomodori

Primo fra tutti gli alimenti è il pomodoro, chiamato anche pomidoro.
Questa succosa verdura dal colore rosso intenso non va assolutamente tenuta in frigo in estate.
Perchè? Semplice, i pomodori perderanno tutto il loro sapore in quanto l’aria fredda del frigo interrompe il processo di maturazione, e la maturazione è ciò che dà ai pomodori più sapore. Il frigorifero, inoltre, altera la consistenza del pomodoro. Meglio conservarli in un contenitore in luogo scuro e a temperatura ambiente, o in un cesto sul tavolo.

Patate

La verdura che amano sia i grandi che i piccini, ma da non conservare in frigorifero.
Il freddo trasforma gli amidi delle patate in zuccheri più rapidamente, facendola diventare più dolce.
In questo modo si alterano gusto e qualità.
Andrebbero conservate in un sacchetto di carta in un luogo fresco, come ad esempio una cantina, un garage o una dispensa.

Basilico

Ottimo in tutti i piatti, il basilico è uno degli alimenti da non conservare nel freddo frigorifero, in quanto appassirà più velocemente ed assorbirà tutti gli odori del cibo.
Meglio tenerlo fuori, in una tazza di acqua fresca.

Cipolle

Le cipolle funzionano come l’aglio: assolutamente da conservare in un luogo asciutto e fresco, no al frigo.
Se si mettono in frigorifero l’umidità finirà per farle diventare morbide e ammuffite, quindi bisogna conservarle come le patate, ma lontane da esse perchè se no entrambe si deterioreranno più velocemente.

Pane

A chi viene in mente di mettere il pane in frigo per far sì che la sua consistenza non si alteri ci vuole un bel cartellino rosso. No al frigo per il pane, ovviamente va conservato al fresco, lontano da umidità e fonti di calore. Meglio conservarlo all’aperto, al massimo, coperto da un panno. Se di pane ce n’è a volontà in casa si può congelare, ma deve essere ben coperto.

Avocado

Se si vuole che l’avocado maturi, sicuramente non andrà messo in frigorifero. Tuttavia, se è già maturo e non si desidera utilizzarlo subito si può conservare in frigo.

Caffè

Il caffè in frigorifero tenderà ad assorbire tutti gli odori provenienti da altri alimenti, perdendo il suo naturale aroma. Per questo motivo è assolutamente sconsigliata la conservazione in frigo.
È meglio conservare il caffè in un luogo fresco e buio, dove manterrà il suo sapore e la sua freschezza; è anche possibile congelare grandi quantità di caffè in freezer.

Miele

Mantenere il miele in frigorifero può portarlo alla cristallizzazione, quindi va conservato, ben chiuso, in un luogo fresco e asciutto, come la vostra dispensa.

Mele

Questo frutto non va assolutamente conservato in frigo perchè diventerebbe molle e perderebbe il suo succoso sapore.
Come conservarlo? In una cesta sul tavolo, a mo dì pomodoro, o in una ciotola al fresco e non esposta all’umidità.

Agrumi

Al contrario di chi ripone limone e arancio, e simili, in frigo perchè così “stanno al fresco e non ammuffiscono” vanno lasciati fuori da questo per far sì che le loro qualità rimangano integre e non si alteri il gusto.
Il frigo li renderà solo più amari; vanno quindi lasciati in un luogo fresco anche assieme ad altra frutta.

Banane

Le banane temono il frigorifero: conservarle al freddo vuol dire farle marcire molto più in fretta.
Quindi basterà metterle assieme ad agrumi e mele per conservarle più a lungo.

Quando l’amore finisce, anche sulle torte e sulle bomboniere

Zucchero, tanto zucchero, quando si è in coppia con la propria dolce metà. E oltre allo zucchero, tante idee e opinioni su un impellente quesito. Come festeggiare la nuova libertà dopo la rottura? Ovvio, esattamente come si è fatto al matrimonio, con le torte.

E la fantasia dei cake designers si è dilettata, stupendo tutti con divertenti soluzioni. Uno sposo decapitato, la sposa a penzoloni giù dal primo piano di pandispagna, rivoli di sangue che scorrono lungo le pareti del dolce: ce n’è letteralmente per tutti i gusti.

Perché l’amaro di una delusione amorosa va compensato con la panna. Ma, soprattutto, va compensato con l’ironia. E trasformare un momento di unione, gioia e convivialità, come quello del taglio della torta, in un momento per festeggiare una separazione, risulta essere oltremodo originale.

Negli ultimi anni la tendenza d’oltreoceano è stata sempre più apprezzata dagli europei, diventando quasi una consuetudine, nei casi in cui sdrammatizzare è d’obbligo. E dopo il taglio della torta? Tutto normale, bomboniere e gadget per i neo single, per ricordare agli ospiti di essere stati vicini in un momento in cui l’amore era lontano.

Se è difficile dimenticare il dolore del fallimento di una relazione, altrettanto difficile sarà dimenticare il simpatico soggetto sulla torta.