giovedì, 13 Maggio 2021

Cibo

Home Food Cibo
Notizie e informazioni sugli alimenti e sulla nutrizione

Ricette pesce facili: polpettine di granchio e salsa tartara

Ricette pesce facili

Ricette pesce facili: cosa c’è di meglio delle saporite polpettine di granchio? Magari accompagnate da un’ottima salsetta.

Oggi ricettine facili facili, qualcosa di veloce ideale sia per pranzo che per cena.

L’idea delle polpette di granchio mi è venuta grazie ad un anime in cui la protagonista riceve un granchio surgelato a casa e decide di prepararle.

Non potevo non provarle!

Ricette pesce facili: polpettine di granchio

Ingredienti:

  • 2 confezioni di surimi
  • 10 fette di pan carrè
  • 1 uovo
  • porro qb
  • latte qb
  • pepe qb
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • olio per friggere
  • pane grattugiato

Procedimento

Per prima cosa facciamo scongelare il surimi in acqua calda.

Priviamo il pan carrè delle coste ed affettiamo in piccoli pezzi la mollica. Poniamola in un insalatiere capiente.

Affettiamo il surimi ed uniamolo al pan carrè. Aggiungiamo l’uovo, un pizzico di pepe ed il prezzemolo. Affettiamo un pezzetto di porro ed uniamolo agli altri ingredienti.

Versiamo poco latte ed andiamo a frullare con il minimpimer. Se il composto è troppo asciutto aggiungiamo latte.

Mettiamo la padella con l’olio sul fuoco.

Con le mani bagnate andiamo a formare tante piccole palline (grandi come noci, che rotoliamo nel pangrattato. Le friggiamo finché diventano ben dorate e le adagiamo su carta assorbente.

Ricette pesce facili: salsa tartara

Ingredienti:

  • un quarto di cipolla bianca
  • 4 cetriolini
  • 2 cucchiai di senape
  • 200 gr di maionese
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato

Procedimento

Versiamo gli ingredienti nel boccale del frullatore ed andiamo a frullare finché non otteniamo una salsa morbida.

E’ una salsina che si sposa molto bene con le mie polpettine di granchio. Se invece preferite qualcosa di meno complicato, accompagnatele con della semplice maionese o solo con la senape, a piacere vostro.

Che profumino! Sono pronte!

http://116.203.40.97/seppia-ricetta-saporita-con-troccoli-90681.html

Gli alimenti che creano dipendenza

Che il cibo crei dipendenza lo si può desumere dal fatto che a volte, se si è incauti, sia lui a controllare noi in quanto ad assunzione.
Basti pensare alle dosi di cioccolato che spesso iniziano con ‘solo uno, uno soltanto‘ e poi finiscono con la confezione di cioccolata vuota nel cestino.

A dimostrarlo è stata l’università di Yale che ha studiato le quantità di sale, grassi e zuccheri tali per cui un alimento può essere definito droga. Gli studenti hanno, inoltre, creato – superando tutte le aspettative – una scala di dipendenza dei cibi, tra cui, appunto, la cioccolata.

Ecco i cinque alimenti più abusati da moderare, in vista di una salute più stabile.

La pizza

La favorita, simbolo tricolore del nostro Bel Paese.
Mai abusarne e ricordarsi di limitarne il consumo a una volta a settimana.

Il cioccolato

Extra-fondente non dà alcun tipo di problema: è utile al fine di una dieta sana ed equilibrata. Il cioccolato, infatti, come a tutti è ben noto stimola la produzione di endorfine e riduce il malumore e l’ansia da gola.
Quello da cui bisogna necessariamente guardarsi è quello riservato alla produzione industriale: nocivo e trattato chimicamente proprio per creare un ritorno all’acquisto.

Le patatine

Sia nel sacchetto che fritte in stick, le patatine solitamente contengono un ammontare di sale tale per cui la dipendenza diventa istantanea. Meglio dedicarsi alla produzione domestica, specie se trattata con olio di arachide od olio extravergine di oliva.

I biscotti

Un must da moderare. Spesso accompagnano colazioni, merende e spuntini notturni, ma nonostante tutto è meglio regolarli per quantità, prediligendo, quando possibile, quelli integrali.

Il gelato

Neanche a dirlo, sono proprio i gusti più naturali a fare del gelato un alimento da mangiare senza pensieri.
Meglio, in ogni caso, far riferimento a gelaterie artigianali, limitando quanto più possibile l’acquisto di prodotti confezionati.

Vien da sé che sia la verdura lo strato meno vincolante della piramide alimentari, così come le dosi minime consigliate suggeriscono.

È sicuramente evidente il fatto che non sia necessario correre ai ripari annullando completamente il consumo dei sopracitati; è saggio limitarli nelle dosi, consapevolmente con quanto appena indicato.

Menù di Natale: ecco quello tipico (FOTO)

credits photo: danoncredere.it

Per gli amanti del buon cibo il Natale è la festa più bella. L’aspettiamo ogni anno per poter mangiare tante cose buone e super caloriche senza sentirci troppo in colpa. Antipasti, primi, secondi, contorni, dolci, frutta e vino in quantità. Non ci facciamo mancare proprio niente perchè, in questi giorni, anche la dieta va in vacanza. Ma qual è il menù tipico del pranzo di Natale in famiglia? Se ci state ancora pensando potete prendere ispirazione da questo. Le parole d’ordine sono semplicità e genuinità.

Antipasto

credits photo: finedininglovers.it
credits photo: finedininglovers.it

Si parte con un antipasto semplice e misto. Salumi, formaggi, mozzarelline e finger food. Un’amica preziosa è la pasta sfoglia, che ci può aiutare a creare tantissime sfiziosità, come i cannoli ripienti alla crema di salmone e formaggio spalmabile.

Primi

I primi sono i veri protagonisti dei pranzi di Natale. Noi ve ne proponiamo due: potete farli entrambi, riducendo le porzioni, o optare per uno solo. I tortellini in brodo sono immancabili su molte tavole italiane, sorprattutto quelle emiliane, nel giorno di Natale. I tortellini ideali sono quelli fatti a mano, magari dalla nonna o zia esperta. Accanto al piatto di tortellini non può mancare una porzione di cannelloni. Ci sono mille modi diversi di riempirli: carne e sugo, peperoni, radicchio e zabaione, ricotta e spinaci. Basterà scegliere quello che più gradite.

Secondo

credits photo: cucchiaio.it
credits photo: cucchiaio.it

Come secondo proponiamo agnello al cartoccio. Facile da preparare ma veramente molto gustoso. Basterà condire la carne con un mix di olio e spezie (prezzemolo, salvia, rosmarino o timo), metterla nel cartoccio di carta stagnola, bagnarli con vino bianco e infornare.

Contorno

credits photo: incucinaconkristina.blogspot.com
credits photo: incucinaconkristina.blogspot.com

Tra i contorni non possono mancare le patate al forno, che rendono felici grandi e piccini. Noi, però, vi proponiamo un’alternativa a quelle classiche tagliate a cubetti: patate al ventaglio. Sbucciate le patate, tagliatele a metà per lungo, lasciatele bollire e poi fate dei taglietti sulla parte arrotondata. Posatele su una teglia con carta da forno, condite con olio e ariosto e lasciate in forno finchè non assumono un colorito dorato. Immancabile anche un’insalata leggera.

Dessert

credits photo: ricettedicasa.myblog.it
credits photo: ricettedicasa.myblog.it

Anche dopo un pranzo sostanzioso come quello natalizio c’è sempre posto per il dessert. In questo caso optate per i dolci tipici di Natale: pandoro, panettone o tronchetto. Potete aggiungere qualche variante, come creme, panna o cacao. In ogni caso, farete un figurone.

Concludete il tutto con frutta, frutta secca e spumante. Ora inizia la vera sfida: digerire

Halloween: paurose idee commestibili (FOTO)

photo credits: el correo

Halloween è una festa ormai acquisita ed interiorizzata da noi italiani. Da circa quindici anni, infatti, la tradizionale festa inglese ed americana del 31 ottobre si è insinuata anche in altre culture e paesi.
Risulta quindi molto facile, ritrovarsi ad organizzare una festa a tema per il giorno più pauroso dell’anno. Se la festa la organizzate in casa vostra, vi serviranno sicuramente delle idee per il buffet.
Anche l’angolo del cibo, infatti, richiede una certa atmosfera ed un aspetto a tema Halloween.
Con alcuni semplici trucchi che vi sveleremo, potrete trasformare dei semplici ingredienti, che normalmente tenete in frigo, in degli stuzzichini mostruosi e che lasceranno a bocca aperta i vostri ospiti.

Mummie

1
Queste simpatiche mummie sono semplicissime da preparare. Basta munirsi di una fetta di pane per toast, cospargerla di pomodoro, decorarla con qualche strisciolina di mozzarella o formaggio e ricreare gli occhi della spaventosa mummia con due pezzetti di olive nere.

Dita mozze

photo credits: el correo
photo credits: el correo

Ancora più semplici e d’effetto sono queste dita mozzate. Wurstel per ricreare il dito, ketchup per l’effetto sangue e mandorle per le unghie. Geniale.

Occhi insanguinati

photo credits: cocinafacilisimo
photo credits: cocinafacilisimo

Per riprodurre questi occhi insanguinati servono tre ingredienti: uova sode, olive nere e ketchup.
Dopo aver lessato le uova, sgusciatele e tagliatele a metà, inserite un’oliva nera tagliata a metà-servirà per ricreare la pupilla– e decorate con il ketchup immaginando di creare vene e capillari intorno all’iride.

Manici di scopa

2
Se volete aggiungere un po’ di dolce al vostro buffet, ecco un’idea veloce: bastano dei cioccolatini bassi ed i classici stuzzichini da aperitivo. Collegateli ed il gioco è fatto.

La riuscita della festa è assicurata ed il buffet non vi deluderà. Buon Halloween.