martedì, 5 Luglio 2022

Cibo

Home Food Cibo
Notizie e informazioni sugli alimenti e sulla nutrizione

Food Reputation Map, ora si può misurare la reputazione degli alimenti

Credit Photo: bergamosostenibile.com

Cosa ti piace del cibo che mangi, o del tuo piatto preferito? Bella domanda.
Certo, i più golosi non rinuncerebbero mai a patatine fritte in quantità esagerate d’olio, mentre i patiti delle diete non si faranno mai mancare frutta e verdura, ma aldilà delle preferenze personali ci sono anche importanti fattori che sono trasmessi a livello culturale circa l’alimentazione.
“Alimentarsi – dice il professore di psicologia sociale Marino Bonaiutoè infatti certamente un fattore vitale, ma intorno al cibo ruotano da sempre anche aspetti connessi al piacere, alla socialità, alla convivialità”.

23 parametri. Questo il numero dei fattori che influenzano le scelte agroalimentari. Perché la scelta di un alimento e il suo successo – piuttosto che il suo insuccesso – sono anche una questione di reputazione, e a rivelarlo è uno studio accademico condotto dall’Università Sapienza di Roma grazie al finanziamento del Gruppo Nestlé nell’ambito del progetto Axìa.

Lo studio e il modello messo a punto, dopo ben tre anni di lavoro, dimostrano che anche i prodotti alimentari hanno una loro “reputazione” da guadagnare e da mantenere, e che essa è concretamente misurabile ed è frutto di una serie di fattori. A seguito di questa scoperta è, infatti, stata creata la Food Reputation Map, uno strumento che consente di misurare la reputazione di un qualsiasi alimento e produzione agricola.
Suona strano, no? Solitamente il concetto di reputazione si lega a persone e ad altri agenti sociali, poco ai prodotti, ma ancora meno al singolo alimento, sia esso inteso come singolo alimento o come prodotto finito di una lunga ricetta.

Eppure la reputazione alimentare esiste. Ed è la rappresentazione precisa di opinioni che ogni persona possiede delle caratteristiche attuali e presenti di un determinato cibo.
Il funzionamento è semplice: la Food Reputation Map basa la sua validità sull’analisi di dati raccolti su un totale di 4.770 italiani ed evidenzia tre macroaree di reputazione, 6 indicatori sintetici, per un totale di 23 parametri specifici che influenzano la nostra percezione nei confronti di un preciso alimento, evidenziando così quelli che possono essere considerati i punti chiave che ne stimolano – o scoraggiano – l’acquisto e quindi il relativo consumo.

Si tratta di aspetti connessi all’essenza del prodotto, agli effetti culturali, economici, ambientali, fisiologici e psicologici di un prodotto. “Si tratta del primo metodo scientifico – ha precisato il docente precedentemente citato – per delineare punti di forza di un prodotto alimentare in vista dell’approdo sui mercati esteri”.
Si accresce quindi la competitività dei prodotti “Made in Italy”, perché il nostro è lo Stato europeo con il maggior numero di prodotti agroalimentari di qualità (22%), seguito dalla Francia con il 17%, ma che – evidentemente – non sa sfruttare bene i suoi prodotti, perché esporta solo l’11% della propria produzione, contro il 19% dei cugini d’oltralpe.
Si punta sul “Made in Italy”, ancora.

[Credit: LaRepubblica]

Il gelato diventa fluorescente

È proprio lì, davanti al bancone dei gelati, tra mille gusti e colori, che ogni certezza umana si autodistrugge.

Cocco, yogurt, melone, mela verde, pesca, frutti di bosco, fino ad arrivare ai più golosi, cioccolato, nocciola, pistacchio, caffè, stracciatella. Cosa potrebbe spazzare via tutta questa indecisione? Solo un gelato unico. Uno mai provato, originale, nuovo. Uno che non esiste. O non esisteva.

Si, perché ci ha pensato Charlie Henry, un gelataio inglese, che si definisce “the edible inventor” per la sua invenzione: il gelato che si illumina. Ora quanti di voi vogliono ancora il classico cioccolato e vaniglia, quando potrebbero avere il cono fluorescente?

In commercio tra circa un anno, dopo aver superato i controlli riguardo l’assenza di pericolosità del prodotto e aver ottimizzato e raffinato la ricetta, il gelato psichedelico si imporrà tra le scelte davanti al bancone, nei gusti limone, vaniglia e aragosta.

Il gelato diventa fluorescente

Per riprodurre la luminescenza non è stata utilizzata alcuna sostanza tossica o nociva per la salute umana, ma è stato semplicemente replicato il processo responsabile dell’effetto nei pesci di profondità, nelle lucciole e nelle meduse.

I colori non bastano più e il gelato oltre ad essere buono deve essere anche splendido splendente. Dunque si accettano scommesse: mangiare il gelato al buio, sarà la nuova moda del prossimo anno.

Dieci spuntini della salute (FOTO)

Alcuni li avrete solo sentiti nominare, altri magari li conoscete già e, come il cioccolato, ne siete proprio ghiotte.
Blog di Lifestyle suggerisce dieci spuntini alleati della vostra salute.

Avocado

Dieci spuntini della salute (FOTO)

Gli avocado sono alleati della nostra salute poiché aiutano a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, riducendo il rischio di malattie cardiache e infarti. Questi frutti esotici sono infatti ricchi di magnesio e potassio, entrambi d’aiuto nel regolare la pressione sanguigna. Contengono inoltre più magnesio di venti altri tipi di frutta, inclusi banana, kiwi e fragola. È possibile utilizzarlo sia come ortaggio, nell’insalata insieme al pomodoro, o come frutta, mangiando col cucchiaino la sua polpa cremosa, magari aggiungendo un pizzico di sale e qualche goccia di limone.
Esiste anche l’olio di avocado, e pare che faccia meraviglie per il corpo. Una ricerca messicana ha indicato che quest’olio ha il potere di combattere alcune molecole d’ossigeno “cattive” che tendono a distruggere le membrane cellulari, le proteine e lo stesso DNA. Sei un salvezza, avocado!

Mele e miele

Dieci spuntini della salute (FOTO)

Il famoso detto popolare “Una mela al giorno leva il medico di torno” ha ragion d’essere: la mela è considerata un farmaco della natura, un rimedio per moltissimi problemi, date la sue innumerevoli proprietà benefiche. È infatti ricca di vitamine, povera di grassi e proteine, facilita la digestione, protegge le mucose della bocca e dell’intestino, rinforza capelli e unghie, abbassa il colesterolo cosiddetto “cattivo” e aumenta quello buono, anche in pochissimo tempo, ed è considerata preziosa nella prevenzione di ictus e tumori.
Avete mai provato a mangiarla con il miele?
Se il miele è conosciuto come cibo degli dei un motivo ci sarà. Certo, il suo apporto energetico è di 320 Kcal per 100 gr. di prodotto, motivo per cui è controindicato per le persone che hanno problemi di diabete e per tutti coloro che vogliono intraprendere una dieta ipocalorica. Ma allo stesso tempo sono molteplici le sue proprietà terapeutiche: antinfiammatorio per la gola, antiasmatico, antisettico. Un cucchiaino di miele e tornano subito le energie. Mele e miele, connubio perfetto.

Semi di zucca

Dieci spuntini della salute (FOTO)

I semi di zucca, nonostante le loro piccole dimensioni, possono essere considerati come un alimento ricco di proprietà benefiche e come uno spezza fame salutare, da sostituire ai classici snack confezionati, da consumare crudi oppure tostati in forno. Sono ottimi anche caldi e possono essere conditi con un pizzico di sale. Tra i componenti nutritivi presenti nei semi di zucca vi è il magnesio, un elemento che contribuisce a regalare al nostro organismo una sensazione di relax. Il magnesio è infatti considerato come una sostanza naturalmente calmante e rilassante, oltre ad essere ritenuto benefico per la corretta attività cardiaca. I semi di zucca presentano un contenuto elevato di proteine altamente digeribili che contribuiscono a mantenere regolari i livelli di zuccheri nel sangue, quando essi vengono consumati nel corso della giornata come snack. Mantenere i livelli degli zuccheri stabili può essere fondamentale quando si cerca di perdere peso. Ecco perché i semi di zucca sono spesso consigliati anche a chi segue una dieta dimagrante.

Budino di semi di chia

Dieci spuntini della salute (FOTO)

I semi di chia sono considerati un superfood grazie alle loro numerose proprietà nutritive. Contengono infatti fibre, omega 3 e proteine: apportano tutti i 9 aminoacidi essenziali. Una miniera di benessere racchiusa in un granello: aiutano a mantenere il colesterolo sotto controllo, ad aumentare i livelli di energia, supportano il sistema immunitario e quello digestivo. Assorbono liquidi per una volume pari a 9 volte il proprio peso e questa caratteristica li rende perfetti per garantire un ottimo livello di idratazione al corpo.
Sapete come preparare un gustoso e nutriente budino di chia in pochi minuti?
Semplicemente aggiungendo 3 cucchiai da tavola di semi di chia a mezza tazza di liquido, come ad esempio: latte di cocco, latte di soia alla vaniglia o al cioccolato ma anche a frullati. Aggiungete anche un pizzico del vostro dolcificante naturale preferito, mescolate bene, lasciate riposare in frigorifero per qualche ora prima di servire e il gioco è fatto.

Yogurt greco e frutti di bosco

Dieci spuntini della salute (FOTO)

Lo yogurt greco è uno di quei prodotti di cui poche persone conoscono i miracolosi benefici in una dieta: con una consistenza densa e cremosa, lo yogurt greco può trasformarsi in un alleato affidabile della silhouette e della salute, perché agisce direttamente sui piccoli problemi che impediscono di avere un aspetto filiforme, esattamente come desideriamo.
A differenza di altri prodotti lattiero-caseari che si trovano sul mercato, lo yogurt greco è meno elaborato e mantiene più qualità nutrizionali. Favorisce la combustione dei grassi, scaccia la fame, ha un basso contenuto di calorie e migliora il transito intestinale. Proprio per questo motivo, i nutrizionisti dicono che dovrebbe sempre trovarsi sulla nostra lista della spesa.
È un prodotto versatile e si può usare in decine di modi. Certo, bisogna stare attenti ai prodotti con i quali si combina: se vogliamo perdere peso, possiamo preparare una deliziosa insalata tzatziki con yogurt greco magro, aglio, cetrioli e un po’ di olio d’oliva. Nei giorni in cui sentiamo il bisogno di rinfrescarsi, possiamo preparare un frullato con yogurt greco e frutti di bosco, ricchi di vitamine, fibre e sali minerali.

Foglie di cavolo

Dieci spuntini della salute (FOTO)

Il cavolo è ricco di sostanze nutritive, ferro, vitamine e minerali che favoriscono il benessere del corpo e anche la salute dei capelli, rendendoli più forti e lucidi.
Avete mai provato a fare delle deliziose e croccanti patatine di cavolo? È semplicissimo. Basta disporre su una teglia le foglie del cavolo tagliate a pezzetti, spennellarle con un po’ di olio, una spolverata di sale e semi di sesamo ed infornarle per 15 minuti a 200 gradi. Il risultato sarà sorprendente.

Cioccolato fondente

Dieci spuntini della salute (FOTO)

Ebbene si, anche il tanto amato cioccolato è nella lista. Tra i componenti del cioccolato fondente che hanno riscosso maggiore interesse per le loro proprietà benefiche ci sono, primi fra tutti, gli antiossidanti. Questi proteggono e riparano le cellule dall’ossidazione causata dai radicali liberi, molecole pericolose per l’organismo poichè danneggiano le cellule e possono essere causa di malattie croniche come il cancro. Il cioccolato fondente è inoltre ricco di rame, zinco e ferro, minerali che promuovono il processo di crescita del rinnovamento cellulare e aumentano inoltre il flusso d’ossigeno e sangue al cuoio capelluto, che rende i capelli più sani e forti.

Cantalupo

Dieci spuntini della salute (FOTO)

Il melone cantalupo ha proprietà dissetanti, diuretiche e rinfrescanti. La presenza di vitamina A conferisce al melone proprietà antiossidanti in grado di apportare benefici nel contrastare l’attività nociva dei radicali liberi. La presenza di betacarotene nel melone stimola l’organismo alla produzione di melanina, il pigmento principale della nostra pelle, mentre la vitamina B svolge un ruolo attivo nei confronti degli stati depressivi. Anche le ossa traggono benefici dall’assunzione del melone, infatti l’abbondanza di fosforo e di calcio svolgono un’attività protettiva nei confronti dell’osteoporosi. Infine, la buona percentuale di potassio presente nella sua polpa ha effetti benefici sulla circolazione e sulla pressione arteriosa. Un vero toccasana insomma.

Burro di mandorle

Dieci spuntini della salute (FOTO)

Le mandorle si possono facilmente utilizzare in quasi tutte le ricette, dolci o salate, e sono sempre irresistibili. Sono inoltre senza glutine, hanno un indice glicemico basso, contengono grassi buoni, sono altamente proteiche, nutrienti e anche, made in Italy. Per preparare un ottimo burro di mandorle fatto in casa ecco cosa occorre: mandorle, un robot da cucina, e tanta pazienza. Basterà intiepidire il forno a 30-50 gradi e riscaldare, ma non tostare, le mandorle per qualche minuto. Successivamente frullarle fin quando non si saranno del tutto polverizzate rilasciando il loro tipico olio che andrà a formare una crema morbida e omogenea.

Dolce &Gabbana celebra i 25 anni di Magnum

Magnum e Dolce & Gabbana hanno deciso di presentare il mitico gelato in una veste totalmente inedita e super glamour.
L’occasione? I 25 anni dell’iconico gelato che si colora di moda e fantasia.

Piacere, sensualità e italianità sono gli elementi distintivi di questa collaborazione che nasce dalla condivisione profonda di valori e filosofia e che hanno portato alla nascita di una nuova esperienza del gusto all’italiana.

Soffice gelato alla vaniglia ricoperto da uno strato di cioccolato bianco. Un morso e, mentre il guscio croccante si spezza con gusto, il palato viene sorpreso da pepite di cioccolato fondente e granella di pistacchio” viene così descritto questo favoloso gelato Limited Edition.

È un piacere per i cinque sensi la nuova Limited Edition Magnum, che risulta essere molto più di un gelato.
Ha i colori della Sicilia e lo stile inconfondibile di due maestri dell’alta moda: Domenico Dolce e Stefano Gabbana, e sarà disponibile a partire dal mese di giugno nei bar.

Ma anche la confezione non è da meno: si presenta come uno scrigno in cui il bianco intenso della zagare, il verde smeraldo dei fichi d’India e il corallo dei loro frutti maturi e succosi, fanno da sfondo al tipico carretto siciliano e alle sue sgargianti decorazioni.
Il Magnum di Dolce & Gabbana è un viaggio nel piacere e nelle tradizioni di questa terra unica, da sempre fonte di ispirazione dei due stilisti.

Un preludio a un’esperienza di gusto squisitamente tricolore, nata dalla collaborazione tra due aziende, Unilever con Algida e Dolce & Gabbana che condividono la stessa filosofia e gli stessi valori.
Con questa esclusiva iniziativa, Stefano e Domenico ci regalano una dolce fuga dalla quotidianità grazie alla quale ci concedono attimi di puro gusto e ci immergono in un vero e proprio regno del piacere” ha commentato Giorgio Nicolai, direttore marketing Algida Unilever durante la presentazione milanese degli stilisti.

Non rimane altro che preparasi ad un viaggio nei sapori della Sicilia immersi in un tour d’alta moda.