mercoledì, 7 Dicembre 2022

Cibo

Home Food Cibo Pagina 5
Notizie e informazioni sugli alimenti e sulla nutrizione

Mondiali 2014, i piatti tipici della cucina brasiliana

Svegliarsi la mattina, affacciarsi alla finestra e vedere il mondo verde-oro: questo succede ai tifosi precipitatisi in Brasile per sostenere la propria nazionale. E nonostante per pochi uomini sia possibile vivere solo di calcio, per altri invece è impossibile vivere senza cibo.

E una terra colorata e fresca come quella brasiliana, non può che riservare una cucina altrettanto sorprendente. Così ecco alcuni piatti tipici, dolci e salati, che, con Jobim di sottofondo, renderanno la pausa pranzo un momento degno di questi Mondiali.

Feijoada

Un piatto tipico e molto noto della cucina brazileira, prende il nome dal termine feijão, che significa “fagiolo”: ingrediente principale, il fagiolo nero accompagnato da spezie, aromi e carne di maiale, rende questo piatto davvero squisito.

Mondiali 2014, i piatti tipici della cucina brasiliana

Salpicão

L’aggiunta di uvetta e ananas, rende questa colorata insalata di pollo un piatto dal retrogusto agrodolce davvero speciale.

Mondiali 2014, i piatti tipici della cucina brasiliana

Bolinho de bacalhau

Letteralmente, crocchette di baccalà. Ricetta di importazione portoghese, questa frittura composta da baccalà, patate lesse, uova, cipolla e prezzemolo, è oggi un piatto tipico della cucina brasiliana.

Mondiali 2014, i piatti tipici della cucina brasiliana

Pão de queijo

È definito lo “snack nazionale” e lo si può trovare in tutti i forni e anche per strada: piccoli e soffici panini, i cui ingredienti principali sono la “polvilho azedo”, una particolare farina fermentata, e il formaggio, sono squisiti e facili da portare con sé.

Mondiali 2014, i piatti tipici della cucina brasiliana

Vatapá

Una ricetta diffusa più o meno in tutto il Brasile, è il vatapá, preparato con farina (a volte di riso), teste succose di pesce, latte di cocco, olio d’oliva e peperoncino. Lo si può accompagnare con gamberetti, baccalà e persino carni bianche.

Mondiali 2014, i piatti tipici della cucina brasiliana

Churrasco

Piatto d’importazione, il churrasco è l’equivalente di una grigliata mista italiana, servita su grossi spiedi cotti alla brace.

Mondiali 2014, i piatti tipici della cucina brasiliana

Goiabada

È come una cotognata, ma senza la cotogna: il suo ingrediente è la guava. La sua consistenza è simile a quella della marmellata, mentre il suo colore scuro è dovuto all’assenza di succo di limone antiossidante.

Mondiali 2014, i piatti tipici della cucina brasiliana

Brigadeiro

Questa bomba di calorie arriva direttamente dal sud del Brasile: mini tartufi rotondi al cioccolato, dal morbido cuore di latte condensato.

Mondiali 2014, i piatti tipici della cucina brasiliana

Dimmi che gelato mangi e ti dirò chi sei

Trovarsi davanti all’immenso bancone del gelataio e dover scegliere tra così tanti gusti è sempre molto difficile. E se ogni volta ci promettiamo di cambiare accostamenti, per provare nuovi sapori, tendiamo sempre a scegliere i soliti tre gusti, a cui non riusciamo proprio a rinunciare. Sembra però che ci sia una spiegazione a questa tendenza a rimanere fedeli alle proprie preferenze in fatto di gelato, poiché vi è un legame intrinseco tra i gusti preferiti e la propria personalità. Il cono non mente, anzi. La dice lunga sul tipo di persona o sul messaggio che si vuole trasmettere. Ovviamente non è possibile tratteggiare la complessità della personalità di ognuno, ma è interessante capire qualcosa in più partendo semplicemente dalle abitudini e dalle proprie preferenze.

Vaniglia

In una parola? Noioso. I tipi che scelgono questo gusto sono per lo più banali e prevedibili. Ma di cosa avete paura? Del gelataio di fiducia? Vabene amare le cose semplici della vita, ma non ci vuole un grande coraggio per assaggiare gli altri gusti.

dimmi che gelato mangi e ti dirò chi sei

Vaniglia con pezzetti di vaniglia

Basta qualche pezzetto di vaniglia per trasformare un gusto noioso in uno super chic. I tipi che lo scelgono sono sofisticati e di gran classe e queste caratteristiche sono apprezzate anche dagli altri. Sono esperti di vino e cucina e amanti della bella vita.

dimmi che gelato mangi e ti dirò chi sei

Fragola

O si ama incondizionatamente oppure si odia al punto da ritenere chiunque lo scelga un malato di mente. Chi ama questo gusto può essere considerato come un tipo coraggioso, a cui non interessa nulla di quello che pensano gli altri.

dimmi che gelato mangi e ti dirò chi sei

Cioccolato

È il gusto preferito dalle persone intelligenti, belle e amate. Depositari di grandi talenti, che suscitano spesso l’invidia degli altri, queste persone sono destinate ad avere molto successo nella propria vita.

dimmi che gelato mangi e ti dirò chi sei

Malaga

Inquietante accostamento di sapori. Non a caso chi lo sceglie viene visto come un potenziale serial killer. Attenzione quindi al messaggio che potreste trasmettere scegliendo questo gusto.

dimmi che gelato mangi e ti dirò chi sei

Menta e cioccolato

Se vi piacciono le barzellette e le citazioni dei film, se siete i primi a protestare per le ingiustizie del mondo ma tollerate meno di zero le stupidaggini altrui, questo è il gelato che fa per voi.

Caffè

Si tratta del classico gusto peace & love. Le persone che lo scelgono fanno tutto senza sforzo, vivendo in un’atmosfera tranquilla e rilassata, tipica dei surfisti o di chi va sullo skateboard.

Crema e biscotto

C’è un buona possibilità che la persona che preferisca questo gusto sia un vero nerd, ma nel senso buono della parola. Una persona che ama leggere, la più intelligente del gruppo, che probabilmente ha anche un sacco di libri, interi scaffali.

Vaniglia e nocciola

È un gusto classico, scelto dalle persone tradizionaliste, a cui piacciono i sapori di una volta. Detestano la tecnologia, i social network e gli SMS e rispettano tutte le regole, incluso il codice della strada. Insomma, una vera rarità.

Té verde

All’apparenza calmi e riservati, in realtà internamente siete un vulcano in ebollizione che quando esplode fa davvero paura. Inutile quindi nascondersi dietro uno stato di timidezza apparente. In gelateria tutte le carte verranno scoperte.

Vaniglia con pezzi di cioccolato

Le persone che scelgono questo gusto sono perennemente insoddisfatte per qualcosa ed esigenti fino all’inverosimile, ma almeno sanno quello che vogliono. I pezzi di cioccolato li salvano dalla noia.

Pistacchio

Il pistacchio è il gusto preferito del tipo sofisticato e altezzoso, che non può e non vuole passare inosservato.

dimmi che gelato mangi e ti dirò chi sei

Pandoro Oreo: facile da fare e super gustoso (RICETTA e FOTO)

credits photo: gnamgnam.it

Il pandoro Oreo è una ricetta molto semplice da realizzare ma molto gustosa, perché realizzata proprio con gli amatissimi biscotti.

Ecco la lista degli ingredienti di cui avremo bisogno per realizzare il nostro pandoro Oreo.

Ingredienti

– un pandoro
– 500g di mascarpone
– 200g di panna per dolci
– 100g di zucchero a velo
– 400g ca. di biscotti Oreo
– 1 cucchiaio di essenza di vaniglia
– Nutella q.b. (a piacere)

Procedimento

Per la crema Oreo:
Iniziate dividendo gli Oreo: bisogna separare la crema bianca dai biscotti, riducendo grossolanamente questi ultimi in pezzetti e conservando la crema a temperatura ambiente.

credits photo: mysia.info
credits photo: mysia.info

Lavorate bene il mascarpone con lo zucchero a velo, tramite l’aiuto di una frusta.
Dopodiché aggiungete al composto appena ottenuto la crema degli Oreo che avevate precedente messo da parte, e l’essenza di vaniglia. Continuate ad amalgamare il tutto delicatamente, aggiungendo a poco a poco i biscotti spezzettati.

Infine, unite la panna dopo averla montata a neve ferma, mescolando dal basso verso l’alto per non smontarla.

credits photo: elisadeli.wordpress.com
credits photo: elisadeli.wordpress.com

Per la farcitura:
Tagliate orizzontalmente il pandoro, ricavandone circa sei o sette strati dallo spessore simile.

credits photo: incucinaconpatty.blogspot.com
credits photo: incucinaconpatty.blogspot.com

Ad ogni strato aggiungete un abbondante strato di crema Oreo, e sovrapponete poi un altro strato di pandoro, poi un altro di crema Oreo e così via.

Una volta arrivati in cima decorate con dei ciuffetti di crema e qualche biscotto Oreo.
Se siete degli inguaribili golosi, potete dare un tocco finale ancora più goloso al pandoro, cospargendolo di Nutella a filo.

credits photo: gnamgnam.it
credits photo: gnamgnam.it

Et voilà…il vostro pandoro Oreo è pronto.
Il risultato finale sarà una vera delizia.

Hell’s Kitchen Italia: la ricetta dalla seconda puntata

tvblog.it

Nella seconda puntata di uno dei programmi di cucina più amati e seguiti – Hell’s Kitchen – che è finalmente sbarcato anche nella nostra penisola, lo chef Cracco ha illustrato una ricetta particolare, dove vi è un gioco di contrasti fra dolce e salato, fra morbidezza e croccantezza. Si tratta di
uno degli antipasti del menù della cucina: le noci di capesante dorate. Vediamone insieme la ricetta.

Noci di capesante dorate

Ingredienti
noci di capesante
olive fresche
mandorle a filetti
taccole
scalogno
zucchero a velo
olio

Preparazione: Per prima cosa aprire le capesante e far dorare il pesce in una piastra ben calda. Prendere poi le taccole, togliergli il filo e sbianchirle in dell’acqua bollente. Eliminare quindi la buccia dallo scalogno e affettarlo in pezzetti sottili. Metterlo quindi in una padella con dell’olio per farlo rosolare, aggiungendoci anche le taccole e le olive fresche denocciolate. Far cuocere il tutto, salare e aggiungere una spruzzatina di pepe. Nel frattempo prendere le mandorle tagliate sottili sottili e disporle su una teglia coperta da carta forno. Aggiungere mezzo cucchiaio di albume d’uovo, un po’ di zucchero a velo, un po’ di sale e mettere poi il tutto in forno a caramellare, in modo da ottenere un gusto leggermente dolce, salato e croccante. Servire infine le taccole come base del piatto, adagiarvi sopra le capesante e guarnirle con le mandorle.