sabato, 10 Aprile 2021

L'amore precario

Home Costume & Società L'amore precario

Kamasmart, guida al sesso in un’auto a due posti (FOTO)

Credits: amazon2e.appspot.com

Kamasmart – Le dimensioni non contano è il libro -o meglio, la guida- di Lorenzo Coltellacci e Guido Astolfi che, in modo molto scientifico, spiegano come fare sesso in un’auto di piccole dimensioni nel migliore dei modi. Perché non sempre la macchina è grande e la casa è libera e bisogna imparare ad arrangiarsi.

Questo esilarante manuale per coppie, che hanno a disposizione solo una macchina a due posti, contiene quindici posizioni illustrate a colori, mostrate nei minimi dettagli e calcolate nel poco spazio disponibile. Tra i due sedili, il volante che rende tutto più stretto e il freno a mano che ingombra, le 80 pagine di istruzioni, ricostruzioni e misurazioni di Kamasmart saranno in grado di rendere il momento di intimità di gran lunga più agevole.

Gli autori del libro sono due ragazzi di Roma di ventitré anni: Lorenzo, studente di Lingue, e Guido, laureto allo IED. I due hanno deciso di pubblicare questa simpatica guida solo dopo aver provato tutto ciò che hanno scritto insieme alle loro partner “in un parcheggio, vestiti, di giorno, domenica 11 agosto 2014, con la gente che passava e ci guardava male“. Quindi, tranquilli che non sono semplici supposizioni o esperimenti da provare: tutto è già stato collaudato.

Kamasmart, pubblicato da Magic Press Edizioni, ha venduto tantissime copie, tanto che quelle messe a disposizione su IBS e Amazon sono già esaurite, come ci fanno sapere Lorenzo e Guido sulla loro pagina Facebook. Proprio per questo, per venire in contro a chi ha macchine di piccole dimensioni, i due romani hanno assicurato che è in arrivo una ristampa.

Nel frattempo, per i più bisognosi o semplicemente per chi è curioso di vedere di cosa si tratta, ecco nella gallery qui sotto alcune pagine -con spiegazioni e disegni piuttosto espliciti- di Kamasmart, nome nato dalla fantasia degli autori, unendo le due parole Kamasutra e Smart.

9 cose, più 1, che dovreste sapere sulle relazioni

Credits: selflovebeauty.com

Le relazioni e la vita di coppia mettono in difficoltà molti. Per evitare inutili e dolorose auto analisi ecco ciò che tutti dovrebbero tenere presente quando i frequenta qualcuno o lo si aspetta:

1. Non state perdendo tempo se ancora non sapete cosa volete dalla relazione

Come potreste saperlo se non continuando a frequentarlo?

2. Come potreste perdere tempo con la persona che magari è destinata a stare con voi per sempre?

Conoscere qualcuno non è mai una perdita di tempo a maggior ragione se potrebbe essere la persona adatta a voi. Datele valore.

3. Ascoltate il vostro corpo

A volte il corpo lancia dei segnali chiari che dicono molto più di noi rispetto a ciò che magari pensiamo di provare. Fateci attenzione e assecondateli.

4. Se l’unica cosa che tiene in piedi la vostra relazione è il litigio, lasciate perdere

Non potete stare con qualcuno con cui combattete continuamente. Meglio lasciar perdere.

5. Non vale decisamente la pena stare con qualcuno che vi fa piangere

Un vecchio detto dice “trovatevi un uomo che vi rovini il rossetto, non il mascara”.

6. Non è mai troppo presto per cominciare a parlare, con il proprio partner, di ciò che si vuole nella vita

Potreste voler parlare del futuro dopo una relazione di cinque anni o dopo cinque mesi, nessun rapporto è standard, bisogna solo viversi.

7. Se qualcuno vuole stare con voi, starà con voi

Non perdete tempo a ricorrere qualcuno che sente di non amarvi più, perché molto probabilmente lo pensa davvero.

8. Non confrontate la vostra vita amorosa con quella di nessun altro

Voi siete unici, come le situazioni che vi trovate a vivere. Parlatene anche fino allo sfinimento con i vostri migliori amici ma non confrontate la vostra relazione con la loro.

9. Siate felici con qualcuno, ma non trasformatelo nella vostra ragione di vita

La vostra felicità deve moltiplicarsi, non dividersi.

Ma la cosa più importante di tutti da sapere sulle relazioni è: non abbiate fretta, da qualche parte nel mondo qualcuno vi aspetta.

Come sorprendere il vostro ragazzo a San Valentino

Manca pochissimo a San Valentino, ormai, e il panico da “regalo” comincia a salire. Zero idee, sempre le solite cose: è ora id cambiare. Il 14 febbraio è una data come tante altre, in realtà, ma sì sa, noi eterne romantiche abbiamo sempre qualcosa in serbo per i nostri uomini. Anche nella festa che loro odiano di più.

Come fare per sorprendere il vostro ragazzo a San Valentino? Niente banalità, viva l’originalità:

Completino sexy

Eh già, anche l’occhio vuole la sua parte: perché non presentarsi con un bel completino sexy nuovo di zecca? Il pizzo va sempre bene, magari nero o rosso.

Autista, al suo servizio

Trattatelo da re: andatelo a prendere con la macchina, da “veri uomini e gentiluomini”: un giro in centro, magari al parco, lo portate al bar per un caffè, e mi raccomando, apritegli la portiera.

Concerto

Perché on regalargli i biglietti per quel concerto a cui sogna da sempre di andare?

Sorpresa sotto casa

Torna tardi dal lavoro? È impegnato e non se l’aspetta? Bene, perché non fargli una sorpresa magari presentandosi sotto casa sua, o sul posto di lavoro o in stazione?

Cioccolatini

Ma chi l’ha detto che debbano essere solo gli uomini a regalare cioccolatini?

Ecco perché amiamo i bad boys (ma non dobbiamo sposarli)

D’altronde si sa: i “cattivi ragazzi”, o per meglio dire i bad boys, sono da sempre un pallino fisso delle donne di tutte le età. Belli e dannati, rudi, dallo sguardo penetrante. E magari anche in divisa, in completo elegante per un bel lavoro, capelli spettinati e barba perfetta. Inoltre, i “cattivoni” sono anche bravi amanti. Ma una regola è fondamentale da tenere bene a mente: ok per una notte o due, ok per una storia irrefrenabile e di passione ma mai, mai, pensare al matrimonio. Niente di serio, insomma.

Una nuova ricerca, a proposito, dice che le donne sono biologicamente attratte da uomini “scuri, dallo sguardo affascinante, pazzi, cattivi o pericolosi”. Secondo lo studio dell’Università di Liverpool su oltre 2.000 donne, si è scoperto che ciò che attira in una sorta di desiderio primitivo è di trovare un “forte” compagno. I tratti del viso che mostrano il “dark” della personalità – machiavellismo, narcisismo e psicopatia – sono al centro di tutte le attenzioni femminili verso il sesso maschile.

Questi aspetti così rudi e mascolini nei bad boys spingono fisicamente le donne verso di loro. Questi fattori, inoltre, caratterizzano allo stesso modo la loro attività e prestazione sessuale: i tratti di personalità insiti negli uomini si rispecchiano esattamente a letto. Gli esperti, quindi, consigliano e approvano questo tipo di relazioni. Ma, mai pensare di sposarli: non sarebbe un matrimonio fedele, duraturo, pacifico e sereno. Naturalmente ci sono delle eccezioni – si spera.