giovedì, 23 Settembre 2021

Tendenze

Home Costume & Società Tendenze

Tatuaggi da sorelle (FOTO)

Credit: beauty.pianetadonna.it

Il legame tra sorelle è qualcosa d’imprescindibile.
Le sorelle condividono tutto: l’origine della vita, i genitori, le abitudini e gli spazi per gran parte del tempo.
Quale motivo migliore, dunque, per forgiare questo vincolo con un tatuaggio comune?
D’altra parte lo fanno gli innamorati – che tanto prima o poi si lasceranno, lo sappiamo tutti – perché non farlo con qualcuno che è “nostro” a prescindere?

Perché le nostre sorelle le conserviamo in un posto che si spinge oltre la pelle. Le nostre sorelle le portiamo nel cuore e scorrono nel sangue che condividiamo con loro.
Le nostre sorelle sono l’altra metà della vita e, per quanto a volte vorremmo spaccare tutte le loro scarpe e i loro trucchi, non possiamo proprio fare a meno di averle tra i piedi.

Noi di Blog di Lifestyle vi proponiamo qualche idea per imprimere sulla pelle l’amore che provate per il sangue del vostro sangue e lo facciamo con immagini di tatuaggi veramente dolci e simpatici dai quali potrete, se volete, trarre qualche spunto per fare un regalo a voi e alla vostra sorellina.

Vi ricordiamo, inoltre, che potrete condividere il risultato con noi o direttamente sul sito BoredPanda, dove avrete la possibilità di postare l’immagine dei vostri meravigliosi tattoo sotto a quelli già caricati.

Fiori: l’ultima tendenza chic per decorare l’albero di Natale (FOTO)

Parliamo ancora del periodo più magico e romantico dell’anno e delle nuove idee che tutti gli anni fanno del Natale una vera fiera del design e delle idee sempre più originali e innovative.

Normalmente, tra i cristalli di ghiaccio, le palline colorate, le lampadine perennemente ingarbugliate e la neve finta, l’ultima cosa che salterebbe alla testa di noi comuni mortali sarebbe andare a comprare fiori disidratati per decorare il simbolo più riconosciuto del Natale.
Per qualcuno, invece, ecco che fiori finti, veri o secchi sono diventati un ‘must’ per il loro sempreverde natalizio, nonché la nuova moda del momento.
Non è chiaro a chi si possa attribuire il titolo di precursore di questa tendenza chic, ma possiamo affermare con una certa decisione che il risultato sia straordinario e mozzafiato.

Sul sito Design Love Fest molti hanno seguito il tutorial dedicato alla nuova pratica degli addobbi e si sono lasciati trasportare dai petali per dare al loro bellissimo albero un’aria fresca, romantica ed elegante.

Quindi sì alle innumerevoli rose rosse, ai gigli dal candore accecante, alle margherite dai colori forti e decisi, alle stelle di Natale – perfette per l’occasione – alle peonie e alle magnolie voluminose e sgargianti, per avere un risultato sofisticato e originale.
La loro disposizione può essere altrettanto decisiva per il risultato. Si possono, infatti, alternare alle decorazioni già presenti, oppure si può ricreare una spirale di fiori misti o identici che circondi l’albero a partire dalla punta per arrivare alla base o, in alternativa, se ne possono usare pochi e grandi sparsi su qualche ramo.

Ecco di seguito gli alberi più belli decorati con i fiori, utili anche per prendere spunto per l’anno prossimo magari.

Storia del palloncino in lattice

palloncini in lattice

Oggi il palloncino rappresenta il modo più colorato e spettacolare di addobbare una location, grazie al colore, al volume e alla flessibilità di impiego di questo versatile oggetto. Ha avuto e continua ad avere un ruolo da protagonista neolle decorazioni in eventi come compleanni, matrimonio, etc..

Da cosa sono composti i palloncini e come vengono realizzati?

Prima di rispondere a questa domanda è necessario fare un salto nella storia, all’epoca in cui i palloni venivano realizzati in materiali molto diversi e più pesanti di quelli con cui siamo abituati a vederli oggi.

Prima della nascita dei moderni palloncini, questi venivano realizzati con materiali organici del mondo animale.  Così come per i palloni che si usavano per giochi di gruppo, quali l’antenato del calcio, non era raro vedere palloni e palloncini fabbricati con vescica e intestino di maiale essiccato.

Il materiale con cui sono fabbricati i moderni palloncini che siamo abituati a vedere ovunque fu inventato da  Michael Faraday, fisico britannico, il quale a seguito di esperimenti con idrogeno e vari gas creò il primo prototipo del lattice.

Ma per vedere i primi palloncini in lattice che siamo abituati ad ammirare oggi ovunque si è dovuto aspettare fino all’anno 1930, anno in cui Neil Tillotson creò i primi modelli con il lattice estratto dagli alberi della gomma.

Curiosa la storia dell’esperimento che ha portato alla creazione dei primi prototipi di palloncini in lattice.

Negli anni ’30 del 900 Neil Tillotson, riconosciuto come l’inventore del lattice,  immerse un pezzo di cartone con la sagoma di una testa di gatto nel lattice in forma liquida, creando il primissimo palloncino della storia.

Anche ai giorni nostri la fabbricazione dei palloncini in lattice deriva dalla gomma degli alberi di lattice denominati in latino Hevea Brasiliensis. L’estrazione avviene tramite l’incisione sull’albero che consente la fuoriuscita liquida della sostanza.

La produzione del palloncino avviene in fabbrica, partendo dallo stato liquido e dopo vari processi di lavorazione si ottiene il lattice per la fabbricazione dei palloncini.

Oggi i palloncini non sono soltanto una decorazione, ma esistono tantissmi impieghi d’uso. Da semplici addobbi, a oggetto di azione di marketing a lavoretti con il fai da te, fino ai mille giochi per bambini.

Il loro carattere allegro e colorato si presta bene a decorare qualsiasi ambiente e occasione, dai matrimoni, alle cresime, compleanni, feste Baby Shower, di benvenuto e una miriade di occasioni. Tutti amano i palloncini, portano spensieratezza e armonia.

Le grandi imprese hanno spesso utilzzato i palloncini per azioni di branding anche potenti, cospargendo città e strade con la propria marca.

Al di là del classico palloncino a tinta unita, ne esistono nel mercato di tantissime forme, misure e colori. La varietà infinita di questi addobbi si può notare nei cataloghi delle aziende specializzate in questo prodotto. Un esempio lampante della varietà che si può oggi trovare è quello di PallonciniMix, negozio online dedicato alla vendita esclusiva di ogni tipologia di palloncino. Entrando nel sito dell’azienda un menu con ben 30 categorie ci fa capire quanto siano versatili queste decorazioni.

Se siete quindi abituati a vedere i palloncini solo in feste di compleanno, date un occhio in rete e scoprite i mille ambiti in cui si possono utilizzare i palloncini.

Quando il pranzo lo prepara papà (FOTO)

credits photo: abcnews.go.com

Con il passare del tempo tutto cambia. Come tante altre cose, anche la famiglia si è evoluta e i ruoli di madre e padre son cambiati. La donna non ha più come compito solo quello di mamma e casalinga perfetta, ma spesso si divide tra lavoro, figli e hobby. Questo ha reso necessario una ridistribuzione dei ruoli che vede sempre più emotivamente coinvolti i papà.

I papà moderni lavorano, accompagnano i figli a scuola, al parco, a calcetto, a danza, a lezioni di inglese e, a volte, preparano anche il pranzo. Quando è un padre a prendere in mano la situazione, generalmente lo fa con molta creatività e i risultati possono essere davvero divertenti.

Ce lo dimostra LunchboxDad.com, blog gestito da un padre amorevole e con molta fantasia. Questo papà moderno prepara i pranzi per la sua bambina, che ha iniziato ad andare all’asilo, e lo fa con estro e genialità.

credits photo: LunchboxDad.com
credits photo: LunchboxDad.com

Nonostante le bellissime creazioni fatte con il cibo, questo papà ha ricevuto anche delle critiche. Infatti più volte si è sentito dire di aver troppo tempo libero a disposizione e di doversi trovare un vero lavoro.

In realtà, dietro questi pranzi, ci sono motivazioni piene di amore. L’uomo che gestisce il blog aveva da poco perso il padre a causa di un cancro e ciò ha avuto un forte impatto sulla sua vita. Per questo motivo stava cercando il modo giusto per far sapere alla figlia che la pensa anche quando sono lontani.

Il risultato sono stati dei pranzetti squisiti, colorati, sani e divertenti che la bimba si porta all’asilo e che ogni compagno invidia. Lo scopo era quello di incoraggiare e aiutare più genitori possibili a cercare modi creativi per far sapere ai propri figli che sono amati. Ci sarà riuscito? Noi crediamo di sì, basta guardare le foto per farsi venire la voglia di mettersi all’opera.