martedì, 27 Febbraio 2024

Tendenze

Home Costume & Società Tendenze

Prima ti bacio, poi ci conosciamo (VIDEO)

Credit photo: www.cropped-magazine.de

Tutti abbiamo provato l’emozione di una conoscenza, quella intensa, che fa venire le farfalle nello stomaco e gli occhi a forma di cuore. Quella per cui abbiamo stressato le amiche per aiutarci a decidere il vestito adatto per ogni appuntamento, quella che ci ha fatto tenere il cellulare sempre vicino al comodino, quella che ci ha fatto venire l’ansia per ogni incontro, durante il quale dovevamo essere sempre super perfette.

Ma se tutto questo non avvenisse mai? Avete mai provato a pensare ad una relazione che inizia con un bacio e continua con la conoscenza? Forse solo in questo modo potrebbero venire meno l’imbarazzo, l’insicurezza e la timidezza, come ci dimostra il video “Kiss me now, meet me later” di Jordan Oram, un direttore della fotografia originario di Toronto.

Nel suo video-esperimento, postato su YouTube, diverse coppie, senza conoscersi e nemmeno vedersi perché hanno gli occhi coperti da una benda, iniziano a baciarsi, solo dopo pochi minuti che si sono avvicinati uno all’altra. Un bacio passionale, uno meno intenso, ma comunque si capisce che in ognuno di essi c’è un grande trasporto, nonostante entrambi non sappiano niente della persona che hanno davanti.

Un bacio senza implicazioni, dato per il piacere di assaporare le labbra di uno sconosciuto, e solo dopo capire se da tutto questo può nascere un interesse, un qualcosa di un po’ più importante per costruirci sopra una relazione stabile e duratura.

Solo una volta tolte le bende, infatti, si scopre veramente chi si nasconde dietro a quel bacio e a quelle labbra appena toccate. E, purtroppo, non sempre c’è la persona che si era immaginata.

Miss Italia e la gaffe sulla guerra: “Non mi sono spiegata bene” (FOTO)

credits photo: sorrisi.com

Alice Sabatini è la star del momento. Vincitrice della settantaseiesima edizione di Miss Italia a soli 18 anni, nelle ultime ore non si fa altro che parlare di lei. Purtroppo però, non solo in positivo.

Decisamente bellissima, ha attirato l’attenzione già dall’inizio della finalissima di Jesolo. Ma è solo pochi minuti prima dell’incoronazione che, probabilmente a causa della forte emozione, è incappata in una gaffe che il pubblico e il popolo del web non le ha perdonato.

credits photo: askanews.it
credits photo: askanews.it

È stato Claudio Amendola, giurato della serata, a porre la domanda che è costata tante critiche alla Miss. “In quale epoca vi sarebbe piaciuto vivere?”. La prima a rispondere è proprio la futura reginetta che sceglie il 1942, “per vedere realmente la Seconda Guerra Mondiale, visto che ne parlano i libri, pagine su pagine. Beh, la volevo vivere”. E non finisce qui. Conclude, peggiorando la situazione, con “tanto sono donna, il militare non l’avrei fatto, sarei stata a casa”. Insomma, siamo ben lontani dalla solita pace nel mondo.

Ovviamente il web si è scatenato immediatamente e, anche dopo oltre 24 ore, il clamore suscitato da queste affermazioni non si è ancora placato. Tutti i social network sono colmi di ogni tipo di commento, da quelli ironici a quelli velenosi. Come si è difesa la nuova Miss Italia?

credits photo: facebook.com/babygeorgetidisprezza?fref=photo
credits photo: facebook.com/babygeorgetidisprezza?fref=photo

Ad Urbanpost.it Alice ha ammesso di essersi spiegata male: “Non sono riuscita a espormi bene, considerando che sono stata la prima a essere intervistata. Non è stata una gaffe, in realtà mi sarebbe piaciuto essere come la mia bisnonna, che è ancora viva e mi parla sempre della seconda guerra mondiale. Avrei voluto provare ciò che ha passato lei in quegli anni, nel bene e nel male”.

In soccorso della Miss corre anche Vladimir Luxuria. La gaffe è stata causata chiaramente dall’emozione e dalla giovane età della reginetta. La frase incriminata va, quindi, contestualizzata e perdonata. Di certo non si può ricordare Miss Italia 2015 esclusivamente come la ragazza che voleva la Seconda Guerra Mondiale. È, soprattutto, la ragazza dai capelli corti che ha portato novità, freschezza e un nuovo modello di bellezza.

Il Piccolo Principe, dove l’amicizia è essenziale

Credits: blogitalia.it

“Ma se mi addomestichi, avremo bisogno l’uno dell’altra. Per me tu sarai unico al mondo. Per te io sarò unica al mondo.” Quando eravamo piccoli e leggevamo “Il Piccolo Principe” pensavamo fosse solo una bella storia di un bambino che viaggia dal suo pianeta alla ricerca di un amico o qualcuno da amare. Riprendendo il libro, anni dopo, ci rendiamo conto della profondità di quel racconto: valori come amicizia, amore e morte sono spiegati in modo semplice attraverso frasi genuine e cariche di significato.

L’amicizia tra il Piccolo Principe e la volpe, ad esempio. Appena lo vede, il bambino è incuriosito da lui, ma in un primo momento, l’animale non vuole nessuna confidenza, perché non è addomesticato. Davanti la confusione del Piccolo Principe, la volpe gli spiega il significato della sua ultima parola, rispondendogli: “Creare dei legami”. Quando incontriamo gente nuova con cui sentiamo subito una sintonia, facciamo immediatamente amicizia e in quel momento quella persona per noi non sarà solamente una uguale a centomila, ma diventerà unica al mondo.

Abbiamo tutti bisogno di essere addomesticati e di creare dei legami perché la vita è breve e noiosa, e avere qualcuno vicino a noi, che renda i nostri giorni meno difficili e più divertenti, ci cambia. Come tutte le cose, l’amicizia però non avviene semplicemente, ma necessita pazienza: conoscersi giorno per giorno, così da scoprire il prezzo della felicità. “Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice.”

“Il Piccolo Principe” è più di un libro, ma un tesoro da custodire. Il valore dell’amicizia è spiegato attraverso gli occhi di un bambino e di una volpe, che ci insegnano come gli adulti abbiano dimenticato la verità più importante: il tempo passato insieme alle persone che amiamo. Come il Piccolo Principe diventa responsabile della sua rosa che ha curato con tanto affetto per molte ore, così anche noi siamo responsabili di tutti gli amici con cui abbiamo stabilito dei legami. Come facciamo a ricordarci di tutte quelle persone importanti che non vediamo più? Ce lo spiega la volpe: “Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”.

Miss Italia: cosa fa una reginetta? (FOTO)

credits photo: tvzap.kataweb.it

Miss Italia è il più famoso concorso di bellezza del Bel Paese, che, tra alti e bassi, tra critiche ed elogi, va avanti dal 1946. Anche quest’anno, i riflettori si sono accesi sulle donne più belle d’Italia, dando di nuovo voce alle polemiche e alla domande che molti ogni anno si pongono.

Innanzitutto, cosa fa una miss dopo aver vinto? E cosa spinge milioni di ragazze a partecipare, o almeno provare a partecipare, ad un concorso del genere? Qualcuno direbbe la pura vanità, le male lingue tirerebbero in ballo la superficialità ricordando le tipiche e banali risposte date da alcune aspiranti reginette alla domanda “cosa desideri?”. Si spazia dalla classica “pace nel mondo” alla più egoistica “non mangiarmi più le unghie”.

credits photo: tuttacolpadellamoda.wordpress.com
credits photo: tuttacolpadellamoda.wordpress.com

Eppure, se ogni anno, da ben 76 edizioni, donne provenienti da ogni angolo del paese si sfidano per ottenere la tanto desiderata fascia, significa che questo concorso offre ancora qualcosa di concreto oltre la fama passeggera. Probabilmente non è solo la soddisfazione di essere dichiarata la donna più bella d’Italia e l’indossare una bellissima corona, che spinge una ragazza a far giudicare il proprio aspetto fisico. Miss Italia, fin dall’inizio, rappresenta un vero e proprio trampolino di lancio per il mondo dello spettacolo.

Sono infatti numerose le miss, e non solo, che hanno dato il via alla propria carriera sfruttando la visibilità ottenuta grazie a Miss Italia. Solo per citarne alcune: Gina Lollobrigida, Sophia Loren, Anna Falchi, Martina Colombari, Miriam Leone, Cristina Chiabotto e la presentatrice di questa edizione Simona Ventura. Questo avviene perché Miss Italia offre numerose opportunità, stage e contratti lavorativi con i vari sponsor del concorso anche alle ragazze non vincitrici.

Credits Photo:Antonio Calanni
Credits Photo:Antonio Calanni

Spot pubblicitari, photoshoot, interviste e ospitate in tv saranno il pane quotidiano per la miss vincitrice. Tutto questo, se ben sfruttato, porterà ad una carriera brillante e soddisfacente.

In poche parole, non basta un bel fisico, occhi da cerbiatto e capelli fluenti, ma serve sapersi giocare bene le proprie carte, dimostrare di avere carattere e tanta ambizione per trasformare una vittoria dovuta alla bellezza in una carriera di successo nel mondo della televisione, della moda, del cinema o del teatro. E non deve mancare assolutamente la buona volontà, la voglia di studiare e di superare i propri limiti.