giovedì, 18 Agosto 2022

Mondo

Home Turismo Mondo Pagina 6
News e destinazioni del turismo nel mondo

Amsterdam: svelato il mistero delle case storte

Forse tutti ricordano Amsterdam come la capitale e la maggiore città dei Paesi Bassi, come uno dei maggiori centri rinascimentali in tutta Europa, come il posto in cui trovare i musei del maestro Vincent Van Gogh o la casa di Anna Frank. Amsterdam è l’una delle metae principali dei viaggi di ragazzi di tutto il mondo, perché è la patria del divertimento e della libertà. Vi possiamo trovare, appunto, non solo discoteche ma anche vari quartieri a luci rosse, e i famosi coffe-shop, autorizzati alla vendita di marijuana e cannabis. Insomma, un mix tra divertimento e cultura.

Ma non è tutto. Se si cammina per le strade di questa fantastica città, guardando all’insù, si può notare un particolare insolito: le case sono molto strette e hanno un’inclinazione verso l’esterno.

Amsterdam: il mistero delle case storte

Tutto questo accade perché, in passato, nei Paesi Bassi lo Stato aveva imposto una tassa sulla grandezza e sulla larghezza della casa. Quindi, più una casa era larga e grande, più spese aveva il proprietario di quella stessa casa. A questo punto, i cittadini olandesi pensarono bene di far edificare i loro appartamenti sviluppandoli in lunghezza, in modo tale da pagare molte meno tasse. In questo modo, i nuovi edifici presentavano scale strettissime e ripide, ma con un inconveniente: i traslochi erano quasi impossibili.

Per ovviare a questo imprevisto, sui tetti delle case storte veniva fissato un paranco con una carrucola per sollevare gli oggetti e, per evitare che il carico sbattesse contro i muri, questi ultimi vennero costruiti con un’inclinazione verso l’esterno. L’effetto ottico è strabiliante e sembra come se le case stessero cadendo. Gli abitanti facevano addirittura a gara per la struttura della casa, per le decorazioni delle facciate e per la forma assunta nella loro parte superiore.

L’edificio più stretto di Amsterdam si trova in via Singel, al numero 7, e misura solamente 101 centimetri.

Londra, la prima destinazione al mondo per TripAdvisor

prima destinazione al mondo
Credit: secretldn.com

Sappiamo bene quanto Londra sia una città meravigliosa, piena di tantissime attrazioni e posti da visitare, ma soprattutto sempre all’avanguardia. Non sapevamo però che è anche la prima destinazione al mondo per i viaggiatori di tutto il mondo. Questo almeno è quanto sostiene TripAdvisor, il sito principale di recensioni, che ha stilato questa classifica.

Il sole non sempre premia quindi, se consideriamo che subito dopo Londra in classifica troviamo città come Roma, Istanbul, Marrakech e Parigi. Ma perché Londra è la preferita da milioni di turisti in tutto il mondo?

Ecco alcuni dei motivi che fanno della capitale inglese la meta principale di chi ama viaggiare.

Anche se spesso viene descritta come una città grigia e piovosa, spesso il cielo di Londra regala spettacoli di colori tutti da ammirare. Eccone una prova.

prima destinazione al mondo

Londra poi è sempre una città all’avanguardia dicevamo, dove le mode arrivano prima, anzi è proprio qui che nascono le tendenze principali in fatto di moda, musica, cibo e tanto altro ancora che poi fanno il giro del mondo.

Se non ci siete mai stati allora, approfittate per un week end di primavera per visitarla. Concedetevi un giro sul Tamigi per ammirare il Big Ben e la Torre di Londra, o per fare dello shopping a Carnaby Street. E non dimenticate i musei. A Londra potete visitare infatti il British Museum, la National Gallery il Tate Modern e tanti altri ancora.

10 luoghi meravigliosi sparsi per il Mondo (FOTO)

credits: wset.wine-me

Il paradiso terrestre esiste davvero ed è sparso un po’ in giro per il Mondo, lontano dagli occhi, lontano dal cuore. Esistono dei luoghi meravigliosi che, probabilmente, molti di voi non avranno mai sentito nominare. Ecco i 10 luoghi più belli e inusuali di sempre.

1. La duna di Pilat

credits: telegraph.co.uk
credits: telegraph.co.uk

La duna di Pilat è la duna più alta d’Europa, la sua altezza varia di volta in volta e oscilla tra i 100 e i 120 metri. Si trova in Francia a 40 miglia da Bordeaux. La Dune du Pilat è abbastanza giovane, nel 1855 misurava solo 35 metri. È visitata da più di un milione di persone l’anno, è infatti inserita nel circuito turistico del Grand Site National di Francia.

2. Il negozio di Prada nel deserto

credits: telegraph.co.uk
credits: telegraph.co.uk

Prada Marfa è uno store permanente del famoso marchio italiano nel deserto americano, realizzato dagli artisti danesi Michael Elmgreen e Ingar Dragset e inaugurato nel 2005. Sorge precisamente nella contea di Jeff Davis in Texas, vicino la U.S Route 90, a circa 60 km dalla città da cui prende il nome, Marfa. Il marchio Prada non ha solo concesso agli architetti di usare il suo logo ma ha anche fornito una parte della collezione di borse e scarpe F/W 2005.

3. Andy Warhol in Slovacchia

credits: telegraph.co.uk
credits: telegraph.co.uk

Avete mai sentito parlare della città di Medzilaborce? Probabilmente no, eppure, nonostante i suoi 7 mila abitanti, è la seconda città del Mondo che ha la collezione più ricca -circa 160 dipinti- di Andy Warhol. Il motivo è molto semplice. Vicino a Medzilaborce, si trova il piccolo villaggio di Mikovà, che Andrej Varchola lasciò nel 1913 per trasferirsi a Pittsburgh, dove fu presto raggiunto dalla moglie Julia. Andrej e Julia chiamarono il loro figlio, molto fantasiosamente, Andrej, quello che, dopo qualche anno, sarebbe diventato il re della pop art.

4. Zucca gigante in Giappone

credits: telegraph.co.uk
credits: telegraph.co.uk

Tappa obbligatoria per i viaggiatori d’élite appassionati di arte contemporanea, l’isola di pescatori del Giappone, Naoshima, è riuscita in pochi anni a diventare un’importante meta turistica. La sua più famosa icona è la zucca gialla gigante con i pois, realizzata da Yayoi Kusama. La zucca si trova in riva al mare e a volte, a causa dell’alta marea, è anche sommersa dall’acqua. Dal 2010 Naoshima fa parte delle 12 isole del Giappone che partecipano alla Setouchi Triennale, una mostra artistica che si svolge ogni tre anni.

5. Spiaggia tropicale in Germania

credits: telegraph.co.uk
credits: telegraph.co.uk

Il paradiso in un hangar: l’isola tropicale della Germania si trova nella regione del Brandebrugo. Al suo interno le temperature oscillano tra i 25 e i 28 gradi centigradi. È un paradiso artificiale creato a 60 km da Berlino. Aperto giorno e notte, la struttura ha proprio tutte le caratteristiche di una spiaggia dei tropici

6. Il giardino dei miracoli a Dubai

credits: telegraph.co.uk
credits: telegraph.co.uk

Aperto il 14 febbraio del 2013, il Miracle Garden è un enorme giardino con circa 45 milioni di fiori che sbocciano dando vita a cuori, stelle e igloo. Il giardino è circondato dal deserto.

7. La città fantasma nel bel mezzo dell’Amazonia

credits: telegraph.co.uk
credits: telegraph.co.uk

La città, chiamata Fordlandia, fu creata quanto più somigliante possibile al Far West americano, sulle rive del fiume Tapajos. Purtroppo, la città utopica ideata da Henry Ford, non conobbe mai i suoni della vita umana, rimanendo per sempre disabitata.

8. La Little England in Cina

credits: telegraph.co.uk
credits: telegraph.co.uk

Quando pensiamo alla Cina ci vengono in mente i draghi rossi del Capodanno, gli involtini primavera, la seta, la festa delle lanterne, la pagoda e la Città Proibita. Certo è, che pensando al mondo orientale, non ci aspetteremmo di trovare una Little England a 20 miglia di distanza da Shanghai. La “Thames Town” riprende l’archittetura inglese vittoriana. Di fatto la città non è abitata, contrariamente a quanto si è soliti pensare, ma fa da scenario a numerosi matrimoni.

9. Il deserto di Tabernas in Spagna

credits: telegraph.co.uk
credits: telegraph.co.uk

La regione dell’Almeria a sud-est della Spagna è stata il set di numerosi film come “Indiana Jones” e “Cleopatra”, si trova anche un piccolo parco a tema chiamato “Mini-Hollywood”. Sembra come se un pezzo di Arizona sia stato trasportato nel vecchio continente. Tra scogliere, mare, deserto e montagna, in questa zona della penisola iberica proprio non manca nulla.

10. Il vulcano verde in Francia

posti meravigliosi sconosciuti

Qualcuno sapeva che la Francia ne avesse uno? Il vulcano in questione è molto diverso da quelli a cui siamo abituati, molto differente dal Vesuvio o da quelli delle isole americane del Pacifico, le Hawaii. Il vulcano verde francese è il Puy de Dôme nella regione di Chaîne des Puys nel Massif Central

Tutti i luoghi di “Orgoglio e pregiudizio” (FOTO)

Credits: www.dietrolequinteonline.it

Orgoglio e pregiudizio” è il romanzo che ha reso la scrittrice Jane Austen famosa a livello internazionale. Un libro che ha catturato milioni di lettori, grazie agli affascinanti personaggi, alla coinvolgente storia e ai luoghi in cui tutto il racconto è stato ambientato.

Dopo tutto, la Austen dava un’importanza immensa alle location dei suoi romanzi, considerato il grande amore che aveva nei confronti della sua terra e di tutti i posti che hanno caratterizzato la sua infanzia. Tutto ciò che lei ha vissuto si ritrova nei suoi scritti e “Orgoglio e Pregiudizio” ne è uno degli esempi più eclatanti.

Ecco, quindi, tutti i luoghi che hanno ispirato la Austen e in cui sono stati girati alcuni dei film che sono stati prodotti.

Basildon Park

Basildon Park è la dimora del signor Bingley. L’edificio si trova vicino alla bellissima Bath, nel Berkshire, ed è affacciato sul Tamigi e circondato da un parco. La famosa abitazione e il grande parco sono entrambi aperti al pubblico.

Credits: downtonabbey.wikia.com
Credits: downtonabbey.wikia.com

Groombridge Place

La Longborn, ossia la casa della famiglia Bennet, si trova a Tunbridge Wells, una cittadina che fa parte della contea del Kent. Come Basildon Park, si trova in un giardino che viene aperto al pubblico solo in estate, mentre la casa è privata.

Credits: mapio.net
Credits: mapio.net

Castello di Chatsworth

Il castello in cui abita la famiglia dell’affascinante Darcy, il protagonista maschile di “Orgoglio e pregiudizio”, si trova nel Derbyshire, vicino alla cittadina di Bakewell e al parco nazionale Peak District. L’edificio è proprietà privata dei duchi del Devonshire.

Credits: www.theitalianeyemagazine.com
Credits: www.theitalianeyemagazine.com

Burghley House

Burghley House si trova nel Lincolnshire: è un’edificio maestoso, costruito durante il ‘500, esempio delle residenze in stile elisabettiano. La dimora, in “Orgoglio e pregiudizio”, ospita Lady Catherine de Bourg, la zia del signor Darcy.

Credits: commons.wikimedia.org
Credits: commons.wikimedia.org