giovedì, 19 Maggio 2022

Costume & Società

Home Costume & Società Pagina 3
Notizie e tendenze sulla società, sul costume, sull’opinione pubblica e sul cambiamento generazionale

I mini-tattoo ispirati a Harry Potter (FOTO)

Ami Harry Potter e i tatuaggi sulla pelle, ma non vuoi disegni grandi o troppo colorati? Ecco, i mini-tattoo ispirati al maghetto più famoso del mondo: belli, simpatici, divertenti ma, soprattutto, piccolissimi. Potrai nasconderli sotto maglioncini, felpe e jeans e mostrare solo quando, come e a chi vorrai tu. Per avere la magia sempre con te e sentirti anche tu con i super poteri.

Uno dei punti del corpo più scelti per farsi i mini-tattoo di Harry Potter è, sicuramente, il polso. Amatissimo soprattuto dalle ragazze anche il polpaccio; la caviglia e le dita sono altri due punti molto scelti soprattutto dalle più giovani: perfetti soprattutto d’estate, quando si indossano delle cavigliere o dei braccialetti colorati, e per mettere in risalto gli anelli alle dita, soprattutto se d’oro o d’argento.

Il simbolo dei doni della morte è un soggetto molto gettonato e per questo, a volte, può diventare banale. Tantissimi inoltre quelli che scelgono frasi tratte direttamente da libri e film, tatuaggi ispirati ai personaggi e alle decorazioni/elementi più popolari della saga, titoli e parole tratti dagli incantesimi, dai dialoghi, dalle fan-fiction sul maghetto.

Resta, comunque, una cosa certa: che Harry Potter continuerà ad essere amato in eterno, e soprattutto inciso in qualsiasi parte del corpo umano.

Jamie Dornan nominato l’uomo più sexy del mondo

Jamie Dornan è l’uomo più sexy del mondo. 80.000 lettori di Glamour UK hanno deciso che è proprio Mr. 50 Sfumature di Grigio il più sensuale del globo, dando a Jamie Dornan la medaglia d’oro, ma seguito da vicino da Benedict Cumberbatch e da Tom Hiddleston, che occupano rispettivamente il 2° e il 3° gradino del podio.

Nella top ten degli uomini più sexy del pianeta troviamo anche Robert Pattinson, Harry Styles (classificatosi al settimo posto) e Jared Leto (in nona posizione). Come dimenticarsi di loro?
Non solo giovanissimi, idoli delle ragazzine e personaggi ancora semi-sconosciuti: nella classifica degli uomini più hot del mondo troviamo anche l’intramontabile Johnny Depp, che si porta a casa il 12esimo posto in classifica a ben 51 anni; il suo collega Matt Bomer (che troveremo a luglio al cinema con Magic Mike XXL, un film tutto da vedere) si piazza in 21esima posizione.

Ecco la top ten ufficiale, con i nomi più gettonati, scelti dai lettori della rivista Glamour UK e che hanno dato la corona a Jamie Dornan, il protagonista del tanto discusso 50 Sfumature di Grigio:

1. Jamie Dornan
2. Benedict Cumberbatch
3. Tom Hiddleston
4. Robert Pattinson
5. Henry Cavill
6. Theo James
7. Harry Styles
8. Jamie Campbell Bower
9. Jared Leto
10. Pharrell Williams

Una classifica che, forse, non accontenta proprio tutte. Ma d’altronde si sa, “non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace”. E come poter fare una vera e propria classifica con così tanta bellezza da vendere?

Perchè leggere i classici: FAHRENHEIT 451

Perchè leggere i classici? Penso che tutti voi lettori almeno una volta ve lo siate chiesti. Io me lo chiesi quando inizi: erano libri vecchi e sopravvalutati, perché leggerli? Perchè insegnano molto, perché fanno parte di un tesoro letterario di cui non si può fare a meno.

Quando mi fanno questa domanda ogni volta penso a FAHRENHEIT 451 di Ray Bradbury ed è proprio il classico di cui vorrei parlare oggi.

Durante questa quarantena da Coronavirus ho scoperto che in molti lo avevano sempre snobbato ed ora lo hanno riconsiderato (fatevi un giro sui gruppi di lettori su FB e vi farete un’idea).

Fra tutti i classici questo è senza dubbio quello che mi è rimasto più impresso…

Perchè leggere i classici: FAHRENHEIT 451

Guy Montag è un vigile del fuoco, non uno qualsiasi, uno che brucia i libri.

Siamo in un imprecisato futuro posteriore al 1960 ed è vietato possedere libri: se leggi sei un criminale e le pene sono molto severe.

Guy crede fortemente nella sua vocazioni, almeno fino a che non incontra una pazza, ovvero una lettrice.

Clarisse ama i libri ed è pronta a tutto pur di sostenere la ribellione.

Guy ne rimane colpito ed inizia ad avere dei dubbi: cosa c’è dentro i libri? Perchè sono così pericolosi?

Un giorno a lavoro decide di porre fine ai suoi dubbi: sottrae dei libri e li porta a casa.

Il risultato è incredibile.

Decide di mettersi in contatto con un anziano professore per sostenere i ribelli, ma una persona insospettabile manda a monte i suoi piani…

Montag è costretto alla fuga…

Perchè leggere i classici: FAHRENHEIT 451

E’ stato senz’altro uno dei capostipiti delle realtà distopiche, perciò se amate il genere ma questo l’avete sempre snobbato è ora di leggerlo.

Ve lo immaginate un mondo senza libri?

Cosa vi ricorda?

Addirittura i lettori vengono emarginati, finiscono in manicomio, o peggio.

Le persone non devono leggere ovvero non devono pensare con la propria testa, ognuno possiede maxischermi a casa che inculcano in loro tutto ciò che hanno bisogno di sapere.

I libri sono cultura, conoscenza e sapienza e pertanto sono il male.

Anche Guy Montag lo pensava. E credeva di essere libero.

Cosa fare in caso di alluvione?

Stiamo andando incontro alla stagione delle allerte meteo, ciò comporta che ci si debba confrontare anche con qualche alluvione.

Lo abbiamo visto in Sicilia dove è stata diramata l’allerta per via di un uragano in transito. Ciò che mi ha colpito è stato un filmato: una donna che in mezzo al fiume d’acqua, scendeva dalla macchina. Questo è il tipico comportamento che può causare grossi danni a lei e a chi la deve soccorrere.

E’ molto importante, durante le allerte, seguire le direttive della protezione civile. Se la protezione civile, in allerta rossa, vi chiede di stare a casa è bene seguire il consiglio.

Di seguito vediamo cosa fare in caso di alluvione.

Cosa fare in caso di alluvione: preallarme

Per prima cosa, nella fase del preallarme dell’alluvione occorre sapere se la zona in cui si vive o si lavora è a rischio di allagamento. Per saperlo si può consultare il Piano di emergenza del Comune e per conoscere anche le aree di sicurezza.

Se abitate ai piani alti, offrite ospitalità a chi vive in quelli bassi.

Proteggere con paratie o sacchi di sabbia i locali che si trovano al piano strade.

Chiudere le porte di cantine, garage, seminterrati e tutte le finestre.

Spostare l’auto in una zona che non è a rischio allagamento.

Fare la spesa in modo da non dover uscire durante l’emergenza.

Predisporre un kit, in caso si debba lasciare la casa, che contenga:

  • chiavi di casa
  • medicinali
  • generali alimentari non deperibili e acqua in bottiglia
  • stivali di gomma
  • impermeabile
  • torcia e radio con batterie di riserva
  • documenti e contanti sigillati in una busta impermeabile
  • coltellino svizzero
  • telefono

Cosa fare in caso di alluvione: allarme

Durante l’alluvione se si è in casa è bene salire ai piani superiori, se in quelli inferiori inizia ad entrare acqua. Non sostare in cantine o garage.

La casa si abbandona solo in caso di pericolo, si staccano luce e gas, si indossano abiti impermeabili e stivali e ci si reca nelle aree sicure.

Stare lontani da: ponti, corsi di acqua, torrenti, sottopassaggi, zone fangose, scarpate, pendii o zone a rischio di crollo.

Limitare l’uso del telefono per non intasare le linee.

In allerta arancione ci si può spostare, durante l’allerta rossa è sconsigliato uscire di casa ed usare l’auto.

Se ci si deve spostare nei piani alti usare l’ascensore e non le scale.

Se il temporale è molto forte con scariche vicine all’abitazione, staccare la corrente elettrica.

In caso di pericolo contattare i seguenti numeri:

  • 115 – Vigili del Fuoco
  • 1515 – Corpo Forestale dello Stato
  • 112 – Carabinieri Pronto Intervento
  • 113 – Servizio Pubblico di Emergenza
  • 118 – Pronto Intervento Sanitario

Cosa fare dopo l’alluvione?

Dopo l’alluvione rimanere in casa, evitare il transito nelle zone allagate.

Non intasare le linee telefoniche.

Se l’acqua è entrata in casa non utilizzare le apparecchiature elettriche.

Pulire le superfici che sono state a contatto con l’acqua e con il fango.

Prima di utilizzare i sistemi di scarico, assicurarsi che le reti fognarie, le fosse biologiche, i pozzi non siano danneggiati.