lunedì, 21 Giugno 2021

Food

Home Food
Proposte dal mondo del cibo: ristorazione, dieta, ricette e cucina

I 5 scandali alimentari che hanno scioccato il mondo

credits photo : lamedicinaestetica.wordpress.com

I consumatori sono sempre più cauti e coscienziosi nel preferire, per quanto possibile, alcune catene di fast food, specialmente dopo che alcuni tra i più grandi marchi sono stati coinvolti in scandali alimentari che hanno scioccato il mondo.

Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa brittanica, la Reuters, alcuni prodotti alimentari contenevano ingredienti non commestibili o addirittura impensabili, che hanno portato ad azioni legali del valore di milioni di dollari contro queste catene di fast food, minacciando di rovinare il nome dei famosi marchi.

Carne scaduta del McDonald’s

Secondo la Reuters, in Cina i marchi Yum Brands Inc., marchio madre di McDonald’s, e la KFC, si sono scusati con i consumatori nel mese di Luglio, a danno ormai fatto, dopo che è stato scoperto che la Shanghai Husi Food Co Ltd ha fornito carne scaduta alle due catene di fast food. I dati riguardanti il controllo della qualità, della produzione e delle vendite sono stati richiesti dalle autorità competenti che hanno ordinato di sigillare oltre 4.500 scatole di carne sospetta.

Melma rosa nella carne del McDonald’s

Jamie Oliver, cuoco e conduttore televisivo del Regno Unito, ha rivelato che la più grande catena di fast food Mc Donald’s ha utilizzato nella sua carne un riempitivo chiamato “melma rosa“. Il prodotto appiccicoso ha un colore rosa ed è fatto di scarti di carne e grasso lavata in idrossido di ammonio. Ritenuto un composto inadatto al consumo alimentare, Oliver ha vinto contro il famoso marchio McDonald’s, che è stato così costretto a sospendere l’utilizzo di questo disgustoso riempitivo.

Taco Bell senza carne

A scandalo scoppiato, è stato rivelato che il famoso taco era riempito con il suo popolare prodotto solo con il 35% delle carni bovine. La catena è stato denunciata per aver dichiarato che il mix usato era composto per l’88% di manzo. Purtroppo però la maggior parte dei prodotti conteneva anche avena e altri riempitivi.

Carne equina al Burger King

La carne di cavallo è in realtà commestibile e regolarmente acquistata e consumata in paesi come Francia, Belgio e Canada. Nel Regno Unito infatti si è scoperto che la famosa catena Burger King utilizzava carne di cavallo per produrre i famosi hamburger. La catena a sua volta ha incolpato il fornitore della Polonia.

Batteri nel latte di Fonterra

Nel 2013 migliaia di prodotti venduti da Fonterra, azienda casearia della Nuova Zelanda, sono stati richiamati e ritirati dal mercato dopo che i test di sicurezza hanno rilevato nel siero del latte la presenza di numerosi batteri che causano il botulismo, malattia causata da intossicazione alimentare. I prodotti contaminati sono stati tuttavia trasmessi ad altri produttori per produrre bevande sportive e latte artificiale. Circa 1.000 tonnellate di prodotto sono stati richiamati.

Questi sono solo alcuni degli scandali scoperti e denunciati in tutto il mondo. Ancora tanti sono però i consumatori che preferiscono abbuffarsi con il famoso cibo spazzatura, magari inconsapevoli di essere le cavie del prossimo scandalo alimentare.

La brasiliana Helena Rizzo è la miglior chef donna del mondo

La miglior chef donna del mondo si chiama Helena Rizzo ed è brasiliana; da poco ha ricevuto il premio Veuve Clicquot World’s Best Female Chef 2014 (migliore chef donna del mondo) dalla rivista inglese “The Restaurant”. Lavora nel ristorante Manì di San Paolo.
L’anno scorso il tanto aspirato riconoscimento culinario era andato all’italiana Nadia Santini, alla guida del ristorante “Dal Pescatore” (votato con tre stelle Michelin) a Canneto sull’Oglio (Mantova).

Helena Rizzo, originaria di Porto Alegre, ma con un cognome di origini italiane, è un’ex modella ed ex studentessa di architettura. Attualmente lavora accanto al marito Daniel Redondo, anche lui chef. Il loro locale, Manì, aperto nell’ormai lontano 2006, è già da un anno scorso nella lista dei 50 migliori ristoranti del mondo, al 46° posto. Unisce i meravigliosi ingrediente e ricette della tradizione brasiliana ai piccoli segreti e tecniche di cottura puramente made in Europe.

Nel 2013 Helena venne eletta anche la migliore chef donna dell’America Latina, iniziando forse in maniera ufficiale la sua carriera sempre più in ascesa, che l’hanno portata ad ottenere, poi, il riconoscimento come miglior chef del mondo, titolo ufficializzato a Londra.

Il giornale “The Restaurant” ha così motivato la sua scelta: Helena è “un esempio di cibo fatto con innovazione e anima“. La cerimonia di consegna del premio avverrà il prossimo 28 aprile nella capitale britannica.

Non sono e non ho mai avuto l’intenzione di essere la ‘migliore chef donna del mondo’, questo è un giudizio difficile da esprimere“, ha affermato la Rizzo dopo aver ricevuto la bellissima notizia.

Pollo con peperoni alla messicana

Pollo con peperoni alla messicana: come si fa?

Avete presente quando vi prende quella voglia di cucina straniera ed ovviamente vicino a voi non c’è niente di vagamente simile? Ebbene molti piatti stranieri si possono creare direttamente a casa propria con pochi ingredienti o con quello che troviamo al supermercato. Mettiamo che vi venga voglia di qualcosa di gustoso e di piccante, magari una serata a tema messicano con gli amici, non vi piacerebbe servire delle faijtas di pollo calde, succulente e molto forti?

Pollo con peperoni alla messicana: ingredienti

Ecco la preparazione di questo pollo piccante accompagnato da peperoni completo di pane.

Per quattro persone:

  • 2 petti di pollo
  • 3 peperoni rossi
  • 1 peperone piccolo giallo
  • 1 cipolla
  • salsa piccante
  • olio piccante
  • zenzero, curry e paprika
  • farina
  • 1 spicchio di aglio
  • olio evo
  • 2 pomodori maturi
  • ketchup

Pollo con peperoni alla messicana: preparazione

Prendiamo i peperoni laviamoli e mondiamoli quindi facciamoli rosolare in un tegame con due cucchiai di olio evo, una spruzzata di zenzero e lo spicchio d’aglio schiacciato. Cuciniamoli finchè non risultino un po’ abbrustoliti ed ammorbiditi.

Prendiamo il petto di pollo, laviamolo, asciughiamolo, quindi battiamolo un po’ con il batticarne ed infine tagliamolo a straccetti che andiamo ad infarinare in una ciotola.

Ora togliamo i peperoni dal fuoco e riponiamoli. Andiamo a rosolare gli straccetti di pollo con un cucchiaio di olio piccante ed una spruzzata di curry e paprika. Quando gli straccetti saranno dorati aggiungiamo i peperoni e la cipolla mondata e tagliata a fettine insieme ai pomodori lavati e tagliati grossolamente. Facciamo rosolare il tutto per abbondanti dieci minuti.

Abbassiamo il fuoco aggiungiamo due cucchiai di ketchup e copriamo il tegame. Lasciamo cuocere per almeno mezz’ora. Quindi spegniamo il fuoco e lasciamo sfreddare. Una volta che la nostra pietanza si sarà freddata aggiungiamo il peperone giallo tagliato finissimo e della cipolla ugualmente cruda tagliata molto sottile.

Va servito caldo dentro una piadina arrotolata.

Il Ferrero Rocher diventa torta (RICETTA)

credits photo: huffpost.com

Chi non ama il Ferrero Rocher? Un delizioso guscio di wafer ricoperto di cioccolato e nocciola che contiene una dolce crema cacao e gianduja. Non si può resistere a questo cioccolatino made in Italy che ha conquistato in poco tempo tutto il mondo. Tra gli appassionati della categoria c’è Sugar Hero, food blogger, che ha deciso che le dimensioni di questa delizia erano troppo piccole. Allora perchè non riprodurla a dimensioni nettamente superiori?

Il food blogger ha, perciò, creato una gigantesca torta al cioccolato farcita con mousse al cacao e ricoperta da un guscio rotondo di ciccolato. Ovviamente non è una replica precisa del cioccolatino ma il suo ripieno è ancora più goloso e, ahimè, calorico. Se volete tentare anche voi l’impresa e preparare questa delizia noi di Blog di Lifestyle vi lasciamo la ricetta. Ma vi avvertiamo, servono tanti ingredienti e tanta pazienza.

credits photo: sugarhero.com
credits photo: sugarhero.com

Ingredienti

Per la torta al cioccolato

170 gr di burro a temperatura ambiente
135 gr di zucchero semolato
140 gr di zucchero di canna
2 uova a temperatura ambiente
2 cucchiaini di estratto di vaniglia
230 gr di latticello a temperatura ambiente
110 gr di panna acida
2 cucchiai di acqua o caffè a infusione
220 gr di farina 00
85 gr cacao amaro
½ cucchiaino di bicarbonato di sodio
½ cucchiaino di sale

Per il guscio di cioccolato

900 gr di copertura al cioccolato
110 gr di nocciole tostate e pelate, sminuzzate grossolanamente
stampini sferici da circa 10 cm di diametro

Per la mousse al cioccolato di nocciola

260 grammi di cioccolato al latte
340 grammi di panna da montare
310 gr di nutella
un pizzico di sale
3 cucchiai di acqua
1 pacchetto di gelatina in polvere insapore
60gr di nocciole tostate, pelate e sminuzzate

Procedimento

credits photo: sugarhero.com
credits photo: sugarhero.com

Per la torta:

Innanzitutto imburrate e infarinate la tortiera in modo da non far attaccare la torta e preriscaldate il forno a 180°. Poi iniziate la preparazione dell’impasto inserendo nel mixer con le fruste lo zucchero semolato, lo zucchero di canna e il burro. Azionate il mixer ad una velocità media finché non avrete ottenuto un composto chiaro e spumoso. Poi aggiungete le uova una per volta dopodiché versate l’estratto di vaniglia.

In un recipiente separato sbattete insieme il latticello, la panna acida e l’acqua (o il caffè). In un altro contenitore, invece, mescolate insieme la farina, il cacao, il lievito e il sale. Aggiungete nel mixer un po’ alla volta, alternandoli, il composto liquido e quello farinoso. Una volta che il tutto è incorporato versate l’impasto nella tortiera precedentemente imburrata e infarinata. Cuocete la torta per circa 15 minuti, dopodichè lasciatela raffreddare.

Per il guscio:

Sciogliete il cioccolato nel forno microonde o a bagnomaria. Accertatevi che gli stampini siano ben puliti e asciutti prima di utilizzarli. Poi prendete un cucchiaino di cioccolato e versatelo in uno stampino e scuotete quest’ultimo finchè non sarà ricoperto su tutta la superficie. La copertura deve essere fina ed omogenea.

Lasciate raffreddare il cioccolato per 15 minuti circa. Poi inserite gli stampini per altri 2-3 minuti nel congelatore, in questo modo il cioccolato ridurrà le sue dimensioni e sarà più facile rimuoverlo dagli stampini, cosa che farete subito dopo. Procedete fino ad ottenere 10 mezze sfere di cioccolato. Vi consigliamo di prepararne anche qualcuna di riserva, nel caso si danneggiassero durante la preparazione.

Per la mousse al cioccolato:

La mousse va fatta subito prima di essere usata, altrimenti comincerà a raffermarsi e non sarà più utilizzabile.

Mischiate il cioccolato con 3/4 di vasetto di nutella e un pizzico di sale e fate sciogliere nel microonde o a bagnomaria, premurandovi di mescolare frequentemente. Poi ponete il tutto in una scodella e lasciate raffreddare. Nel frattempo preparate la gelatina mischiandola con l’acqua fredda. Lasciare che la gelatina assorba l’acqua.

Quando il cioccolato si è raffreddato mettere la gelatina nel microonde e lasciarla sciogliere. Successivamente mischiate la gelatina con il cioccolato. A questo punto montate la panna e aggiungetela al composto creato precedentemente. Infine aggiungete le nocciole e mescolate. Ora la mousse è pronta per essere utilizzata.

Assemblamento

Inserite nelle mezze sfere di cioccolato il pan di spagna e la mousse, alternandoli. Prima di unire due mezze sfere ormai ripiene rivestitene i contorni di cioccolato fuso, in modo da farle rimanere unite.
Per finire riscaldate il resto del cioccolato e unitelo con le nocciole tritate, dopodichè usate il composto per ricoprire le sfere ripiene di torta. Ricoprite prima una metà e ponete nel frigorifero per 15 minuti, poi eseguite lo stesso procedimento per l’altra metà.

credits photo: sugarhero.com
credits photo: sugarhero.com

A questo punto le vostre torte Ferrero Rocher sono pronte. Per servirle avvolgetele in una carta color oro.
Il procedimento è stato lungo ma lo stupore dei vostri ospiti vi ricompenserà.