giovedì, 30 Maggio 2024

Moda

Home Moda Pagina 2
News dal mondo della moda, fashion system, sfilate, stilisti, tendenze, colori

Mantelle e cappe, i capispalla di tendenza per la stagione invernale (FOTO)

Sono la tendenza per la stagione autunno-inverno 2014-2015. Le mantelle e le cappe stanno vivendo un momento d’oro e per questa stagione sono pronte a scendere dalle passerelle per tornare a essere protagoniste dei guardaroba femminili, sia di quelli più classici che di quelli più cool.

La loro storia risale al passato e la loro presenza nel costume e nella moda ha decisamente attraversato secoli ed epoche differenti. Un classico a tutti gli effetti, che sta diventando sempre più contemporaneo, avant-garde e soprattutto molto trendy. Merito dei tanti luxury brand, da Saint Laurent a Valentino, che delle mantelle ne hanno fatto la loro icona di collezione.

Si tratta di un capospalla originale, versatile, caldo ma allo stesso tempo modaiolo. Sulle passerelle abbiamo visto le proposte di Valentino, Stella Mccartney, Burberry e Yves Saint Laurent, con mantelle dai toni scuri impreziosite da alcuni inserti gioiello. Anche da Zara possiamo trovare modelli interessanti, alcuni arricchiti da frange, un altro must della stagione. Alcune poi propongono fantasie optical e geometriche, dal sapore retrò e di grande gusto.

Per chi ama i look romantici, Dolce & Gabbana propone la mantella con cappuccio in pelo e sofisticati ricami in rilievo. L’ispirazione di Etro arriva invece dagli anni Sessanta, animo hippy e colori tetri autunnali per le mantelle ampie, da indossare comode, proprio come una coperta in lana. Eleganza per Valentino, che propone mantelle che variano da modelli corti più tradizionali, ad altri in pelle con stampa optical. Missoni opta per il bicolore e Yves Saint Laurent prende ispirazione da Sherlock Holmes per il modello a mini quadretti marrone.

Il vezzo da fashionista è la mantella di Burberry Prorsum, must have per l’inverno 2015. Il blanker coat, ovvero una maxi coperta di lana, quadrata con stampe geometriche e colorate, da indossare singolarmente o da avvolgere sopra il cappotto quando il freddo è pungente, e cosa più importante, da personalizzare con le proprie iniziali. Come potevano le fashion addicted non impazzire per queste novità? Le celebrities non si sono fatte scappare questo capo già sold-out.

BURBERRY

La mantella è perfetta per ogni tipo di outfit. Per la sera farà la sua figura su collant pesanti e scarpe con il tacco, dando il giusto risalto ad un mini abito mentre per il giorno renderà più particolari i soliti jeans con biker boots e magari cappellino modello basco alla francese.

Ecco una gallery con i modelli più belli, proposti nelle sfilate della stagione autunno/inverno 2014/2015.

Milano Vintage Week: primo giorno (FOTO)

È iniziata oggi la Milano Vintage Week, ed entrando nello show-room – in via G. B. Piranesi – si respira già un aria diversa.

Colpisce subito alla vista il tripudio di colori che allestisce il locale: vestiti, magliette e pantaloni, cappelli, cravatte e occhiali da sole; in tutti i vari stand dominano i colori, prevalentemente brillanti e allegri. E gli oggetti esposti sono di tutti i tipi, per tutti i gusti.
Bottoni dalle forme più strane e particolari, abiti più o meno appariscenti, borse vintage che non hanno nulla da invidiare alle it-bag del momento, e gioielli colorati che, nonostante il tempo, non hanno perso la loro brillantezza.
Poi ancora, mobili e oggetti d’arredo, cartoline vintage che raccontano storie segrete, e libri che vogliono essere sfogliati.

Nell’odierno pomeriggio si potevano scoprire i cosmetici freschi fatti a mano come una volta, e Lush offriva a tutti la lettura del colore con “Emotional Brilliance”, una degustazione olfattiva e un trattamento di bellezza per le mani. C’era, inoltre, una truccatrice a disposizione di tutte le interessate. Erano incontri assolutamente da non perdere.

Due tocchi di classe poi nello show-room all’insegna del vintage: meravigliosi abiti da sposa degli anni ’30, ’50, ’60, ’70, e una mostra, dal titolo “un foulard per sempre”. Si tratta di un’esposizione di fantasie e immagini, di cavalieri, fiori, animali, e di “Cosmos”, un Carrè Hermès in seta illustrato da Phillippe Ledoux. Altro che foulard, sembrano veri e propri quadri, opere d’arte.

La Milano Vintage Week è una mostra-mercato del vintage di qualità realizzata in collaborazione con A.N.G.E.LO, alla quale è stato dedicato uno spazio apposito nel locale. Vestiti, top, scarpe di tutti i tipi, jeans che non passano mai di moda e cappelli da fare invidia a quelli della Regina Elisabetta.

Colpisce l’elevata percentuale di giovani che si addentravano negli spazi dell’esposizione. Affascinati, curiosavano e osservavano con interesse visibile ogni singolo dettagli di questo nuovo-vecchio mondo.
Molti gli eventi irrinunciabili dei prossimi giorni, restate aggiornati seguendo BlogdiLifestyle.

[Credit photos: Miriam Tagini]

Gli scatti del Calendario Campari 2015 con Eva Green (FOTO)

Eva Green è la nuova protagonista del Calendario Campari, edizione 2015, intitolata “Mythology, Mixology“. Dodici mesi in compagnia della bellissima attrice francese lanciata da Bernardo Bertolucci in “The Dreamers” e dei 12 cocktail classici più amati di sempre.

Campari ha svelato ufficialmente gli scatti del Calendario, dedicato alla celebrazione dell’unica e intrigante storia di Campari e dei suoi indimenticabili cocktail, dallo storico Negroni, creato dal Conte Camillo Negroni nel 1919, fino al moderno Campari Orange Passion, rivisitazione del classico Campari Orange. Ciascun mese, quindi, sarà incentrato su un cocktail classico, raffigurando con esso gli aneddoti, le curiosità e gli incredibili racconti pressoché sconosciuti che si celano dietro a ciascuna ricetta.

Si tratta della sedicesima edizione del prestigioso Calendario da collezione, con la stupenda Eva Green nel ruolo di musa, che incarna la natura iconica, classica ed elegante di Campari in una serie di mise mozzafiato create da stilisti di punta quali Vivienne Westwood, Versace, Alaia e Christian Louboutin, per citarne solo alcuni.

Eva Green ha così commentato il suo ruolo nel Calendario Campari 2015: “Per me questo progetto non è solo la realizzazione del Calendario, ma coincide con il raccontare una serie di storie in modo onirico, creativo e bellissimo. Siamo fieri di aver centrato in pieno l’obiettivo. Le storie di quest’anno sono più vicine al cuore di Campari come mai prima d’ora e personalmente sono molto onorata di averne fatto parte. Il Calendario 2015 è un vero e proprio vademecum del brand Campari e vedere tutte le storie raccolte in un’unica collezione è la riprova che l’età delle ricette non conta e che ci sarà sempre un posto d’onore riservato a Campari nel futuro“.

Gli scatti del Calendario sono firmati Julia Fullerton-Batten, celebre fotografa d’arte acclamata in tutto il mondo e prima donna a capo del progetto del brand red passion, che in merito al suo coinvolgimento nel progetto ha commentato: “Sono stata onorata di aver realizzato gli scatti del Calendario Campari 2015 con Eva Green come protagonista. A mio avviso il Calendario celebra appieno l’atemporalità del marchio Campari e spero che agli altri piaccia tanto quanto a me“.

Gli scatti di Julia riflettono la vera natura del Campari, tra contemporaneità, ispirazione e immaginazione. Poi il rosso scarlatto di Campari ritorna negli abiti e nel make-up di Eva, e poi una coordinazione di luci e location che entrassero in questo equilibrio. L’intero calendario deve trasmettare l’idea di una storia incantata.

Prima di Eva Green, testimonial del celeberrimo marchio italiano erano state alcune delle più celebri star di Hollywood: da Salma Hayek a Eva Mendes, passando per Jessica Alba, Penelope Cruz e Uma Thurman. Unico uomo è stato Benicio del Toro, premio Oscar nel 2001 per la sua interpretazione in “Traffic” di Steven Soderbergh.

Bob Kunze-Concewitz, amministratore delegato del Gruppo Campari, ha spiegato: “Il Calendario Campari di quest’anno si caratterizza per un forte legame con il marchio, poiché è concepito appositamente per celebrarlo. Il tema, Mythology Mixology, trasporta gli amanti del brand in un viaggio eccitante ed intrigante dove non guardiamo soltanto alla nostra storia, ma proiettiamo anche il marchio verso il futuro, immaginando al contempo dove ci condurrà la nostra fantastica avventura“.

Il Calendario stampato in sole 9.999 copie, non sarà in vendita, ma verrà distribuito agli amici di Campari in tutto il mondo.

Ed ecco gli scatti in anteprima del Calendario con la bella Eva:

Gennaio: Negroni

01-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-january-negroni-small

Febbraio: Campari e Seltz

02-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-february-campari-and-seltz-small

Marzo: Mito

03-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-march-mito-small

Aprile: Campari Orange

04-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-april-campari-orange-small

Maggio: Americano

05-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-may-americano-small

Giugno: Boulevardier

06-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-june-boulevardier-small

Luglio: Sputnik

07-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-july-sputnik-small

Agosto: Old Pal

08-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-august-old-pal-small

Settembre: Campari Orange Passion

09-Campari-Calendar-2015_Mithology-Mixology_Eva-Green_September_Campari-Orange-Passion-Large-620x826

Ottobre: Negroni sbagliato

10-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-october-negroni-sbagliato-small

Novembre: Rosa Bianca

11-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-november-rosa-bianca-small

Dicembre: Campari Shaken

12-campari-calendar-2015-mithology-mixology-eva-green-december-campari-shaken-small

Selfie di biciclette in giro per le città (FOTO)

Le avevamo sentite tutte: Fashion Bloggers, Food Bloggers, Book Bloggers, Tech Bloggers. Adesso c’è anche il Bike Blogger.

L’uomo in questione è il ventitreenne romano appassionato di fotografia on the road, Nicolò De Devitiis, che dietro lo pseudonimo di _divanoletto gira le città del mondo alla ricerca di qualche bicicletta “sexy” da fotografare e da pubblicare su Instagram. Da Roma ad Amsterdam, uno scatto al giorno, una bici per volta. “Meglio bike blogger, che fashion blogger” spiega ironico Nicolo. “Loro fotografano vestiti e modelle in posa, io invece come modelle ho delle fantastiche biciclette, svestite“.

Tutto è nato da uno scatto con l’Iphone, condiviso sul suo profilo Instagram. “Sì alle biciclette come modelle, in contrapposizione al fenomeno dei selfie” afferma Nicolò. Scatti rubati di biciclette nei luoghi più belli d’Italia e del mondo, per conoscere il nostro patrimonio artistico, per apprezzare la vita e per promuovere uno stile di vita a basso impatto ambientale. “L’idea è nata in un giorno freddo di marzo – racconta il blogger – vicino al museo Maxxi, dove vidi una bicicletta color indaco da sola, poggiata su un muro color mattone che sembrava dirmi, come in posa: “Dai, scatta“. E così fu“.

La vita quotidiana di Nicolò è fatta di università, lavoro, sport e una passione per i viaggi e le bici, e questo progetto è nato per gioco, ma l’idea sta riscuotendo un notevole successo, sia tra gli appassionati di fotografia sia tra gli amanti delle bici. Quello che piace è la capacità di raccontare una storia con uno scatto, come se guardando l’immagine di quella bici passasse davanti agli occhi la sua storia, fantasticando sul proprietario e sui racconti del piccolo mezzo.

Le foto presenti vengono dai quattro angoli del pianeta e se volete far parte di questo progetto, taggate le foto delle vostre “bici modelle” con l’hashtag #imdivanoletto.

La bicicletta torna ad essere protagonista, per la conquista di uno stile di vita urbano più sano e sostenibile.