giovedì, 30 Maggio 2024

Costume & Società

Home Costume & Società Pagina 789
Notizie e tendenze sulla società, sul costume, sull’opinione pubblica e sul cambiamento generazionale

Se l’amore finisce, avanti il prossimo

Quando si tratta della fine di una relazione, lo scenario è sempre lo stesso: cucchiaio e mega confezione di gelato a portata di mano e il pigiamone della nonna, perché ormai l’unico tratto percorribile è il triangolo letto-cucina-bagno. Si affonda nelle coperte, annegando nelle proprie lacrime, attaccate alla spalla della propria migliore amica in preda alla disperazione.

Sì perché quando c’è di mezzo l’amore, la condivisione di spazi, sentimenti ed emozioni, lo sconforto e i sintomi da cuore spezzato fanno parte del pacchetto completo. Ci si dovrebbe lanciare in una relazione preparati a varie ed eventuali. E invece no, l’amore è furbo. Coglie di sorpresa le sue vittime per poi lasciarle così, senza difese.

Ma anche il dolore passa e invece di affondare nelle coperte, sorseggiando un té annacquato dalle proprie lacrime, c’è un unico modo per reagire e superare l’angoscia lasciata dal proprio ex. Un nuovo studio eseguito dai ricercatori della Queens College e la University of Illinois ha dimostrato che è necessario rimettersi in carreggiata, guardare verso l’orizzonte, alla ricerca di una nuova preda. Un nuovo possibile amore. E se non è amore, una piccola distrazione, perché il senso di abbandono e la perdita di alcune attenzioni rappresentano una buona parte del malessere di fine relazione.

La ricerca è stata effettuata su 313 adulti e i ricercatori hanno scoperto che coloro che hanno trovato un nuovo partner subito dopo la fine della propria relazione, hanno rivelato una migliore salute psicologica generale, più sicurezza e un minore senso di chiusura in se stessi rispetto a coloro che hanno preferito prendersi una pausa per digerire la fine del proprio rapporto.

Sembra quindi che il motto ‘chiodo scaccia chiodo’ funzioni. Eppure il pensiero generale sembra essere del tutto contrario a questo tipo di atteggiamento. I neo single sono infatti così accecati dal dolore da cadere subito nelle braccia di qualunque persona che mostri il benché minimo interesse. Si rischia allora un’ulteriore delusione e sofferenza. Eppure se non si rischia si rimane con il dubbio. Vale quindi la pena lanciarsi, cauti. Ma lanciarsi sempre.

Ora legale, arrivano i problemi. Ecco come sopravvivere

Con la primavera arriva anche l’ora legale. Tra il 30 e il 31 di Marzo si dovranno spostare in avanti di un’ora le lancette di tutti gli orologi – fatta eccezione per gli smartphone e i pc che ci risparmiano la fatica facendo tutto in automatico.
Come tutte le cose, ci sono aspetti positivi e negativi. Esser riscaldati dai raggi solari che diventano sempre più forti e accoglienti man mano che avanza il tempo, risparmiare un’ora di luce elettrica e avere una bolletta meno pesante. Ma le negatività?

Fra i disturbi più comuni e attesi del “cambio d’ora” c’è sicuramente lo stress dovuto alla mancanza di sonno. Mettendo gli orologi un’ora in avanti, di fatto, si perde proprio una di sonno. Un’ora sembra esser davvero poco e con il passare dei giorni i ritmi si vanno regolarizzando, ma ore di sonno perduto, minuti e secondi accumulati portano ad un vero e proprio jet-lag.
La soluzione? Tisane rilassanti o alla melatonina per regolare l’alternanza sonno-veglia.

La mancanza di sonno nei casi più gravi può addirittura causare un infarto. Gli studi hanno verificato come nei due giorni successivi all’entrata in vigore dell’ora legale, aumentasse vertiginosamente il tasso di persone colpite da infarto. Per prevenire il rischio, gli esperti consigliano di anticipare la sveglia di circa mezz’ora durante il week end che sancisce il passaggio dall’ora solare – attualmente in attivo – a quella legale – che entrerà in vigore la notte del 30 Marzo.

Buone notizie per tutte le “attenti alla linea”: anticipando l’ora di pranzo e cena, l’appetito manca. Come rimediare? Anticipare l’ora dei pasti, così, con il tempo, il corpo – e l’intestino – sarà pronto e abituato a “sentir fame” alle 12:30/13:00 – che corrispondono alle 13:30/14:00 del periodo “senza ora legale”.

Non solo cambio di stagione, allergie, polline e alberi in fiori, problemi in famiglia, al lavoro, nello studio. Mutuo, tasse, semafori sempre rossi. Non basta tutto ciò ad innervosirci. Nel periodo di reintroduzione dell’ora legale il nervosismo cresce a livelli esponenziali; si diventa altamente irritabili e scontrosi. Niente panico, non siete voi, non è colpa vostra. Bastano solo camomille, oli essenziali, relax e tutto tornerà alla normalità.

Da Hollywood a Milano, ecco la nuova moda delle star

Le star puntano al settore alberghiero. Naturalmente a quello di lusso. È questa una delle ultime novità lanciata delle celebrities che comprano, progettano, gestiscono e mettono il marchio a nuovi alberghi e resort in tutto il mondo.

I vip che per obblighi professionali risultano essere i più esperti viaggiatori ed ospiti di hotel al mondo, hanno capito su che settore puntare.

Dal The Greenwich Hotel, nel cuore del Tribeca District di New York di Robert De Niro, al Bedford Post Inn, ad un’ora da Manhattan di Richard Gere, dalle sei strutture dal marchio Coppola Presents di Francis Ford Coppola, al Costa d’Este in Florida di Gloria ed Emilio Estefan: sono sempre più numerosi le star che si buttano nel settore dell’ospitalità alberghiera.

Robert De Niro, ad esempio, sul suo The Greenwich Hotel, nel cuore del modaiolo della grande mela afferma “Ho voluto creare un posto dove mi sarebbe piaciuto stare” ed ecco spiegate le sue 88 camere con tappeti tibetani e pavimenti di querce della Siberia, letti svedesi, bagni in marmo di Carrara o di ispirazione orientale, Shibui Spa con massaggi olistici, piscina Zen, ristorante italiano con tanto di porchetta e possibilità di soggiornare anche insieme al proprio cane.
Si può capire così lo standard a cui è abituato il bel De Niro.

Richard Gere e sua moglie Carey Lowell hanno ristrutturato invece il Bedford Post Inn, residenza storica del 1780 che ha solo otto stanze, ma con classi giornaliere di yoga così da fuggire dalla città per un week end all’insegna della pace.

La lista potrebbe essere ancora lunga, infatti anche Olivia Newton John, Clint Eastwood, Robert Redford, Bono degli U2, Benny Andersson e John Malkovich hanno aperto hotel di lusso, dotati di ogni confort possibile.

Di fatti Bono and The Edge degli U2 hanno aperto The Clarence, luxury hotel con vista mozzafiato su Dublino a due passi dal centro e dai locali notturni.

Benny Andersson, è invece il proprietario del Boutique hotel Rival di Stoccolma.

Ma è John Malkovich il proprietario dell’hotel più economico: anche con solo 40 euro a notte in uno dei suoi tre The Big Sleep Hotel, a Eastbourne, Cardiff e Chelthenhan, in Gran Bretagna, nonostante tutti comfort e il coloratissimo arredamento, curato dallo stesso attore, ci si può rilassare nel lusso senza dover svuotare il portafoglio.

Non solo ad Hollywood impazza questa mania, l’italiano Ramazzotti ha puntato su Milano, a Brera ha aperto quattro camere all comfort, insonorizzate, che prendono il nome dalle vie circostanti. Sul modello delle guesthouse inglesi, nessuna reception, nè insegne per una privacy garantita.

Eros Ramazzotti si può considerare il pionere del trend americano, trapiantato in Italia col suo Resentin.