giovedì, 9 Febbraio 2023

Tendenze

Home Costume & Società Tendenze Pagina 17

Avoid Humans, lo strumento perfetto per chi odia la gente (FOTO)

Credit photo: theodysseyonline.com

Avete presente quelle mattine in cui vi svegliate e vi sembra di essere catapultati in una pubblicità della Mulino Bianco? Ecco, io no. Perché prima di una certa ora e prima della mia dose quotidiana di caffè proprio non riesco a mettere in moto il corpo, figuriamoci il cervello. Di pronunciare qualche parola non se ne parla – solo piccoli versi – e se mia mamma inizia con le domande o le spiegazioni di quello che devo fare prima di uscire è la fine. Devo attaccare la lavastoviglie? Meglio che mi lasci un bigliettino, non si sa mai.

Il peggio, però, inizia quando metto i piedi fuori di casa. C’è sempre qualcuno che ha più voglia di parlare di quanta ne abbia mia madre – ma le forze dove le trovate? – che ovviamente incontro tutte le sante mattine. Quindi via a tutti i trucchetti per far finta di non vederli e, soprattutto, non sentirli. Cuffie nelle orecchie, sguardo bassissimo e qualcosa di interessante sul marciapiede, ovviamente dalla parte opposta al chiaccherone di turno.

Purtroppo, il più delle volte, questi escamotages non hanno l’effetto desiderato e mi tocca intavolare una conversazione. Sensata. Alle sette e mezza del mattino. Fortunatamente viviamo in un’era super tecnologica e navigando sul web – si, va bene, è vero, ho scritto su Google “come evitare persone loquaci la mattina” – ho scovato un’applicazione per noi che odiamo la gente, almeno alle prime luci del giorno.

Si chiama “Avoid Humans” ed è un piccolo tool online. Il suo compito è semplicissimo: indica quali sono i posti in cui andare per evitare di incontrare altre persone. Non immaginatevi indicazioni di posti completamente deserti, ma almeno starete in compagnia del minor numero di esseri umani possibile e non sarete costretti a conversare se quello che volete fare è passare del tempo soli con voi stessi.

Credit photo: creativity-online.com
Credit photo: creativity-online.com

“Avoid Humans” utilizza il sistema di geolocalizzazione di Instagram e di Foursquare per capire chi si è registrato in un determinato luogo. Non tutti hanno queste due applicazioni, è vero, ma di solito coloro che le hanno e che postano tutto ciò che fanno durante la giornata sono proprio le persone che vogliamo completamente evitare, anche perché quando iniziano a parlare e raccontare la loro vita non la finiscono più.

Credit photo: www.foodandwine.com
Credit photo: www.foodandwine.com

E non è tutto. “Avoid Humans”, in base alle votazioni che si registrano ogni giorno sul sito, è anche in grado di indicarvi i diversi livelli di solitudine, scegliendo tra posti differenti come rifugi, bar, ristoranti e locali. Cosa chiedere di più? Ora possiamo uscire di casa senza essere terrorizzati, almeno fino a quando qualcuno che odiamo non viene geolocalizzato.

Arriva dalla Cina il reverse praying (FOTO)

Credits photo: Looking forom

Arriva dalla Cina e sconvolge tutti il nuovo modo di mostrarsi sui social network.
Dopo l‘#acroyoga, una nuova pratica da fotografare e postare per mostrare a tutti la propria flessibilità. Ma cos’è davvero il reverse praying?

Reverse praying è letteralmente pregare a rovescio e consiste nel cercare di congiungere i palmi delle mani dietro la schiena, possibilmente tra le scapole.
Bisogna essere particolarmente flessibili per riuscire a fare il reverse praying, ma a quanto pare, in Cina la flessibilità non manca vista la varietà di foto e video postati sui maggiori social network.

Impazza tra gli adolescenti che ne fanno strumento di bullismo. Esistono, infatti, dei livelli di bravura nel praticare il reverse praying.
Tutti quelli che riescono a far congiungere i propri palmi dietro la schiena, solo nella parte bassa vengono considerati poco flessibili e presi in giro. Al contrario, chi riesce ad arrivare a congiungere i palmi il più possibile vicino alla nuca viene osannato ed invidiato.
Il reverse praying, quindi, non è una semplice tendenza tipica dei nostri anni che include una foto scattata tramite smartphone e postata per mostrare a tutti il proprio livello di bravura.
Piuttosto, è una prova per farsi accettare da amici e compagni.

Arrivano critiche dalle istituzioni, che reputano spiacevole ed offensivo il reverse praying per chi trova nella religione e nella preghiera una chiave fondamentale della vita.
I ragazzi che lo praticano e ne fanno una prova degna di approvazione dovrebbero vergognarsi, commentano sui social. Come dargli torto? A voi i giudizio.

Perché gli uomini preferiscono le donne magre? (FOTO)

credits photo: odiami.pianetadonna.it

L’ideale di bellezza femminile è di molto cambiato nell’arco della storia. Se in tempi passati si preferiva una donna più in carne e con molte curve, oggi domina un modello di magrezza quasi esagerata. Ma perché gli uomini sono attratti dalle magre? Se lo sono chiesto i ricercatori della University of Aberdeen e hanno provato a dare una risposta.

Il professor John Speakman, che ha coordinato lo studio, ha affermato che ciò che ci attrae è un corpo che, in termini evolutivi, garantisce la sopravvivenza e la capacità di riprodursi. Quel che si è voluto ricercare è cosa è oggi sinonimo di corpo sano e adatto all’evoluzione.

Secondo i ricercatori gli uomini preferiscono le donne magre perché associano la loro forma a quella di un corpo giovane, fertile e con pochi rischi di malattie. Insomma, la scelta sarebbe basata su una ‘idoneità evolutiva’. Questa teoria contraddice le precedenti, che vedevano le donne più in carne come le preferite, per via della loro capacità a sopravvivere a carestie.

Gli scienziati hanno costruito un modello matematico che ha rapportato i livelli di obesità, l’aspettativa di vita e la fertilità. Il risultato vuole una donna con un indice di massa corporea compreso tra 24 e 24,8. Insomma, la perfezione, secondo questo modello sarebbe un corpo alla Kim Kardashian.

credits photo: Steve Ginsburg
credits photo: Steve Ginsburg

Ma non finisce qui. Quando i ricercatori hanno mostrato 21 immagini di donne con diversi livelli di grasso corporeo a 1300 persone, si è scoperto che i partecipanti percepivano come attraente un corpo con una massa corporea pari circa a 19. Quindi inferiore, di molto, a quello previsto dagli scienziati.

Questo risultato è stato spiegato inserendo il fattore età. Infatti, a quanto pare, più si è giovani più il corpo dovrebbe essere magro. Con l’età l’indice di massa corporea ideale è sceso tra i 17 e 20. Per intenderci, un fisico come quello di Angelina Jolie o Gisele Bundchen.

credits photo: mirror.co.uk
credits photo: mirror.co.uk

Questo è quanto affermato dalla ricerca. Ma davvero un corpo magro è l’unica cosa che attrae gli uomini? Ogni donna ha le sue imperfezioni e punti di forza e, nella vita vera, l’attrazione non è solo un modello matematico basato sull’indice di massa corporea. Per questo occorre amarsi senza inseguire necessariamente un modello di bellezza a volte irraggiungibile.