venerdì, 28 Gennaio 2022

Turismo

Home Turismo
News sul turismo, viaggi, vacanze, luoghi da sogno, strutture. Turismo 2.0

10 antiche città da visitare (FOTO)

Credits photo: blog.zingarate.com

Nei libri di storia si racconta di popoli diversi che hanno abitato la terra nel corso dei secoli, fino ad arrivare ai nostri tempi. L’eredità più grande di queste popolazioni sono le città, o meglio i resti di quelle che erano considerate il centro di grandi imperi, come quello dei Maya. Dalla Ciudad Perdida in Colombia, passando per Hercolaneum in Italia, sino ad arrivare ad Aksum in Etiopia, ecco quali sono le località più antiche da non perdere.

Ciudad Perdida, Colombia

Credits photo: huffingtonpost.com
Credits photo: huffingtonpost.com

169 villette, strade coperte di tegole e piazze circolari: ecco come appariva la Ciudad Perdida all’incirca nell’ottavo secolo. Si dice che qui abbiano vissuto 8000 persone. La parte più impressionante di questa antica città sono le scale, ben 1200: preparate il fiato per questa avventura.

Hampi,India

Credits photo: hampisboulders.com
Credits photo: hampisboulders.com

Costruita tra il XIV e il XVI secolo, Hampi è l’ultima capitale del regno Hindu di Vijayanagar. Sono 1600 le antiche strutture rimaste, tra cui gli edifici reali, i templi, le case, le strade, gli ingressi in pilastri e le pietre delle carrozze.

Arykanda, Turchia

Credits photo: tripadvisor.it
Credits photo: tripadvisor.it

Arikanda si trova in una posizione particolare: situata nella costa turca del meditteranneo, è circondata da altre antiche città, tra cui Perge, Side e Xanthos e sorge sopra la valle di un fiume. Le rovine più antiche risalgono al V secolo A.C. e si trovano nei diversi livelli della montagna, su cui fu costruita l’antica città.

Shi Cheng, Cina

Credits photo: atlateangardens.blogspot.com
Credits photo: atlateangardens.blogspot.com

Shi Cheng venne inondata nel 1959 dallo stesso governo cinese. Questà città, con una storia di oltre 600 anni, è da allora sprofondata sotto la superficie del Lago Qiandao. Per tale ragione, alcuni la chiamano “l’Atlantide dell’Est”.

Hercolaneum, Italia

Credits photo: commons.wikimedia.org
Credits photo: commons.wikimedia.org

Se avete visitato Pompei, di sicuro siete stati anche ad Ercolano. Entrambe le città sono state colpite e distrutte dall’eruzione del Vesuvio nel 79 D.C. Questo sito nel corso dei secoli si è trasformato dunque in area archeologica, dove si possono ancora vedere alcune case con i mosaici e gli affreschi, i bagni romani, le strette vie e i colonnati della cività che la lava ha spazzato via.

Ollantaytambo, Peru

Credits photo: historius.com
Credits photo: historius.com

In Perù, si trova oltre al famoso Machu Pichu, l’antica città di Ollantaytambo. Questa risale al XIII secolo e fu costruita dal governatore dell’impero degli Inca dell’epoca, Pachacuti. Per visitare il centro, occorre prepararsi per una lunga passeggiata di 9000 gradini verso le Ande.

Teotihuacan, Mexico

Credits photo: grayline.com
Credits photo: grayline.com

Una delle prove più importante del passato dell’antico Impero Maya è la città di Teotihuacan. Situata a pochi km da Città del Messico, questa località ospitò 25.000 persone ed è perciò considerata la più grande città dell’emisfero occidentale esistente prima del 1400.

Xi’an, Cina

Credits photo: en.wikipedia.org
Credits photo: en.wikipedia.org

Sin dal III secolo A.C. Xi’an fu una delle più importanti capitali culturali e politiche della Cina per almeno 1000 anni. Xi’an era anche il termine ad est della famosa Silk road per il commercio elettronico.

Tiwanaku, Bolivia

Credits photo: hiddenincatours.com
Credits photo: hiddenincatours.com

Tiwanaku si trova poco distante dal lago Titicaca ed è stato tra l’VIII e l’XI secolo il principale centro politico e spirituale dell’area. Qui ci furono importanti scoperte tecnologiche, tra cui l’irrigazione.

Aksum, Etiopia

Credits photo: hiddenincatours.com
Credits photo: hiddenincatours.com

Aksum è conosciuta come la capitale del regno di Etiopia e pertanto i resti ritrovati risalgono ad un arco di tempo molto lungo, tra il I e il XIII secolo D.C. Tra questi vi sono stele giganti, tombe reali, obelischi monolitici e le diverse residenze.

Grande successo per il Magnum Pleasure Store in Italia

L’apertura a Napoli del Magnum Pleasure Store arriva dopo i negozi di Milano, Roma, Parigi, Londra, Amburgo e San Paolo: si tratta di un vero e proprio tempio del piacere realizzato da Magnum, di cui il successo è assicurato. La sorpresa più gradita per gli amanti del gelato sarà la possibilità di creare il vostro Magnum con nuove combinazioni di ingredienti.

magnum pleasure

Nato nel 1989, il Magnum è stato fin da subito uno dei gelati più richiesti sul mercato italiano. E dopo 25 anni Magnum è uno dei marchi di gelati industriali più importanti al mondo, con vendite annuali che si aggirano intorno al milione di unità, ed è il maggiore tra i marchi di gelati Unilever. Il 2014 è l’anno in cui Magnum ha celebrato il suo 25° compleanno, esattamente il 21 maggio, dando vita ad eventi ed edizioni limitate, come il Marc de Champagne ricoperto da una glassa argentata.

La linea Magnum che verrà offerta sarà molto vasta: dal Magnum Classico, l’originale, poi quello bianco, o il Magnum alle Mandorle o alla Menta, o ancora il ricco Magnum Double o il Magnum Temptation, e tanti altri. E, per i meno golosi, anche la tentazione in formato mini, una gamma Magnum Mini con una vasta scelta per un piccolo momento di piacere. All’interno sarà possibile degustare innovativi drink, Pleasure Drinks, che comprendono una selezione pregiata di bollicine e vini.

Oltre ai classici gelati Magnum confezionati è possibile creare e acquistare, al prezzo di 4€, il proprio gelato Magnum personalizzato scegliendo tra base al cioccolato o alla vaniglia, il cioccolato per la copertura (al latte, fondente o bianco) e fino a 3 decorazioni a scelta tra le tante disponibili, dalle più classiche alle più sperimentali. Sarà possibile far ricoprire il proprio gelato con granella di mandorle, nocciole o pistacchio, amaretti, meringhette al peperoncino, riso soffiato, pepite di lampone, cuoricini, pepite piccanti o frizzanti, caramello, petali di rosa e tanti altri ingredienti.

Lo scorso anno a Milano era stato un vero e proprio successo: aperto dal 19 aprile al 30 settembre aveva registrato a tutte le ore lunghe code di clienti in attesa per aggiudicarsi il loro gelato personalizzato. Quest’anno il Magnum Pleasure Store arriva a Napoli: inaugurato il 29 aprile 2014 in via Chiaia 148, è aperto tutti i giorni dalle 10 di mattina alle 10 di sera.

Il tempio del piacere firmato Magnum nella capitale si trova nel cuore della Roma barocca, a due passi da Piazza di Spagna e da via Del Corso, in via Tomacelli 13/14. Una location suggestiva, poichè si tratta di una sede storica, che ospitava una tra le più antiche torrefazioni della città romana.

Il Magnum Pleasure Store arriva in Italia, dopo le esperienze internazionali di Parigi, Londra, Amburgo e San Paolo e, come dichiara Antonio Carstulovich, vice presidente Ot of Home di Unilever Italia: «È il luogo dove poter vivere l’esperienza Magnum a trecentosessanta gradi. Con un’offerta di prodotto unica e personalizzata parliamo agli amanti del gelato Magnum in modo diretto, offrendo un’esperienza di piacere declinata in tutte le sue forme».

Siracusa: alla scoperta delle notti di festa

Siracusa

Siracusa: andiamo alla scoperta delle notti di festa, un viaggio nel profondo sud.

Partire nel profondo della notte per raggiungere all’alba una terra magica, le cui coste, come falci di luna, guardano perennemente verso un mare azzurro con le sue promesse di relax e di estati calde.

Un viaggio in Sicilia per giungere in una notte di festa e lasciarsi avvolgere dalla musica popolare, lasciarsi trascinare in una pista da ballo o fermarsi dall’alto per ammirare lo spettacolo della devozione popolare.

In viaggio verso Siracusa per scoprire le feste popolari

Non c’è niente di meglio dell’estate per visitare un incantevole luogo marino e non c’è niente di meglio di una festa popolare per scoprire la vera magia di un luogo, il vero spirito di chi lo abita. Mettiamo un viaggio a Siracusa, noi vi consigliamo di scegliere una di queste feste popolari:

  • Festa di Santa Lucia (13 dicembre) i paesani sfilano scalzi per devozione, dietro di essi chiude il corteo una serie di paggi in abiti del ‘700. Questa devozione per la santa si deve in seguito all’apparizione di una colomba sul simulacro mentre la folla era riunita in preghiera contro la carestia.
  • Festa di Santa Maria Assunta (15 agosto) un rito sacro che si accosta a giochi tradizionali, competizioni marinare e spettacoli serali di musica. Per tradizione la processione si svolge in parte in acqua quindi sulle barche, uno spettacolo bellissimo.
  • Festa di Maria Stella del Mare (secondo fine settimana di giugno) in questa feste la statua della Madonna viene portata in processione in barca così che volga il suo sguardo benefico verso il mare. Si svolgono inoltre: regate di windsurf e sagre del pesce con musica locale e gran finale di spettacoli pirotecnici.
  • Festa di Maria SS. Addolorata (ultima domenica di settembre) di cui ammiriamo l’uscita dalla chiesa accompagnata dai fuochi d’artificio e la calata degli angeli durante il tragitto ovvero la comparsa di due angeli di cartapesta accompagnati da lancio di strisce colorate.
  • Festa di Sant’Anna (7 settembre) una vivace festa popolare in cui la devozione popolare incontra l’arte poichè difatti si svolge anche un concorso artistico a cui segue il giorno della festa per la santa con la classica processione e la successiva festa con cibo e musica locale.

Vi piace Siracusa?

Le domande da non fare prima e durante una vacanza

I receptionist d’hotel si sono abituati, ma forse gli agenti di viaggio dell’American Society sono ancora troppo perplessi per capacitarsi delle domande più assurde che i loro clienti riescono a fare prima di una vacanza. Se vi riconoscete, forse sarebbe il caso di ridimensionare alcune delle vostre richieste. Continuate a leggere per scoprire quali.

Quante volte avrete deciso di affidarvi ad un’agenzia per prenotare la vostra vacanza, ma una soltanto (o poco più d’una) era quella del vostro viaggio di nozze. Non importa se fosse il primo, il secondo ma si trattava comunque di un’occasione speciale e quindi unica. Ma non tutti capiscono questo concetto.

C’è chi anche in questo momento vorrebbe portare con sé la sua coppia di amici, o ancor peggio la damigella e la mamma.
C’è persino chi si è recato presso un’agenzia di viaggio per effettuare l’ordine seguente: ‘posso prenotare due stanze in due resort differenti, uno per me e mia moglie, l’altro per me è la mia ragazza?’ oppure ha richiesto la massima riservatezza, in caso di lapsus da parte degli agenti: ‘Non ditelo a mia moglie, ma qui è dove ho portato la mia prima donna per la luna di miele’.
Domande semplicemente assurde o presagi di un matrimonio che non è destinato a decollare?

Le ipotesi sono tante, ma una cosa sulla quale non si può proprio discutere è la geografia. Eppure alcuni viaggiatori hanno avuto la prontezza di chiedere se si parli l’inglese in Inghilterra e di sorprendersi quando gli hanno fatto presente che non avrebbero potuto visitare la Scozia e la Danimarca in pochi giorni. Ma in questo caso la mappa era troppo piccola per accorgersi della distanza.

E forse si potrebbe utilizzare la stessa scusa per una coppia anticonformista che, in mancanza di domande da fare, ha chiesto se per la loro vacanza fosse possibile raggiungere l’Europa, attraversando l’Oceano con un altro mezzo che non fosse né l’aereo, né la nave.
A seguire ci sono persone che vorrebbero pescare stando a bordo della nave da crociera e altre ancora che scambiano gli impiegati di bordo per dogsitters.

Ma non è finita qui. I migliori, come sempre, arrivano alla fine con una richiesta che vi farà sentire le turbolenze anche fuori dall’aereo: ‘Non voglio un sedile accanto alla finestra sull’aereo, ho appena rifatto la piega’.
Ma se i viaggiatori, a volte, si limitassero a non chiedere?