martedì, 27 Febbraio 2024

Beauty

Home Beauty Pagina 139
Il mondo del beauty tra tendenze, novità e consigli su come prendersi cura di se stessi

Smokey Eyes: la nuova tendenza per un make up nuziale

In un’intervista al Relaxnews, la make up artist Sanni Sorma ha parlato delle nuove tendenze nel mondo del make up, soffermandosi in particolare sul trucco da sposa.

Sono sempre di più le spose che abbandonano l’idea di un trucco semplice e sofisticato, alla Grace Kelly, per il giorno delle loro nozze, e optano invece per un trucco più seducente ed impatto come lo Smokey eyes.

Con la tecnica dello Smokey Eyes lo sguardo viene definito, permettendo di risaltare il colore degli occhi anche durante le ore notturne. Inoltre è un effetto semplice che non passa mai di moda che viene rivisitato, di anno in anno, tramite sfilate, red carpert e servizi fotografici.

Oggi è possibile ricreare la tecnica dello sfumato facendo uso non solo dei tipici colori scuri- ovvero il nero e il grigio- ma personalizzarlo con colori più vivaci quali il viola, l’arancio, il verde o anche del marrone, che sembra essere il preferito della it girl Nicole Richie, o con l’aggiunta di dettagli gold, così come lo preferisce Jennifer Lopez.

Nicole Richie con smokey eyes blu e gold
Nicole Richie con smokey eyes blu e gold

Amanti del classico Smokey Eyes dai toni dark sono senza dubbio Kim Kardashian, Jessica Alba e Victoria Beckham che lo sfoggiano in qualsiasi occasione.

Kim Kardashian smokey eyes
Kim Kardashian smokey eyes

Dal Red Carpet all’altare: basta più labbra rosse alla Marilyn Monroe (almeno per questa primavera) durante il giorno del proprio matrimonio.

“L’anno scorso molte spose mi hanno chiesto di truccargli le labbra di rosso con il rossetto, non è la scelta migliore se poi devono baciare lo sposo” ha dichiarato Sanni Sorma.

La nuova tendenza nel mondo del make up, anche per il giorno del fatidico “Sì”, è senza dubbio lo Smokey Eyes, tanto sfoggiato dalle star negli eventi più glamour e dalle modelle durante le sfilate o nei servizi fotografici.
Lo Smokey Eyes è diventato tra l’altro un tratto distintivo della passerella di Gucci dove le modelle, durante le sfilate per le varie collezioni, vengono già da diverso tempo truccate con l’utilizzo di questa tecnica.

le modelle di casa Gucci truccate con la tecnica dello Smokey Eyes
le modelle di casa Gucci truccate con la tecnica dello Smokey Eyes

Il limone, ecco come utilizzarlo per essere più belle

Credit photo donnamoderna.it

I vecchi rimedi della nonna, si sa, sono sempre quelli vincenti. Bando a creme e prodotti all’ultima moda, nelle nostre case si nasconde un alleato prezioso per la nostra bellezza. Si tratta del limone, che con le sue proprietà benefiche, oltre ad essere un frutto che utilizziamo in cucina, può costituire la base per bene dieci trattamenti all’insegna del beauty.

1) Il succo di limone aiuta a purificare i pori, grazie al suo potere disinfettante. Basta applicarlo qualche minuto sul viso e poi riasciacquare. Ringrazieranno anche i punti neri.

2) Il succo di limone unito al bicarbonato aiuta a sbiancare i denti: applicare con un comune cotton fioc il composto.

3) Per labbra più morbide, il succo di limone appilcato prima di andare a dormire vi regalerà il giorno seguente labbra meno screpolate.

4) Molte maschere di bellezza contengono l’acido citrico che ha un potere schiarente.

5) Acqua e limone per iniziare la giornata: attivano il metabolismo e favoriscono un risveglio piacevole.

6)Unite olio d’oliva e limone e immergete le vostre unghie: saranno così più forti e vedrete scoparire il giallo che rilascia l’uso dello smalto.

7) Per combattere la forfora applicate succo di limone sul cuoio capelluto, oppure fate un impacco insieme all’olio d’oliva per una maschera che doni morbidezza.

8)Se unito alla normale crema idratante, il limone aiuterà a schiarire le macchie cutanee.

9) Un cucchiaino di miele unito al limone ridurrà la luminosità della pelle nella zona T, soggetta all’accumulo di impurità.

10) Soffrite di occhiaie? Ecco che un dischetto di cotone imbevuto di succo di limone aiuterà a sgonfiarle

Provare per credere.

Cioccolato fondente, caffè, yogurt e mirtilli tra i cibi salva-sorriso

L’arrivo delle festività pasquali mette a dura prova quei buoni propositi di dieta in vista dell’estate. Ma non è solo la linea ad essere messa a dura prova. Nel XXI Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di Odontoiatria, si è parlato anche di quello che ogni giorno mette a dura prova il nostro sorriso.

Buona parte della salute dentale, dipende infatti dall’alimentazione, oltre che dalle buone abitudini di igiene orale. Le sostanze ingerite attraverso i cibi, hanno effetti diversi e spesso dannosi sui denti.

Così, secondo gli esperti, tra i cibi salva-sorriso, figurano piacevolmente caffè e cioccolato, rigorosamente fondente. “Il cacao amaro contiene antibatterici naturali che impediscono allo Streptococcus mutans di produrre il glucano, una sostanza appiccicosa che aiuta i germi ad attaccarsi ai denti formando la placca e creando le condizioni perché gli zuccheri vengano trasformati in acidi corrodendo lo smalto” spiega Antonella Polimeni, Docente Ordinario di Odontoiatria Pediatrica alla Sapienza di Roma. “Consumando cioccolato fondente all’80% si può ridurre il rischio di carie, soprattutto se si ha l’accortezza di non mangiarlo assieme a dessert troppo ricchi di zuccheri e carboidrati come la colomba pasquale, che ne vanificherebbero gli effetti positivi“.

E le gioie non finiscono, in quanto secondo i professionisti della salute dentale, cibi come yogurt, formaggi e mirtilli, oltre che verdura fresca e cicorie, aiutano a ripulire e rinforzare lo smalto dei denti.

Dannosi sarebbero invece succhi di frutta, vino bianco, bevande gassate e, udite udite, le mele. Simbolo di prevenzione orale per anni, sono oggi ritenute poco salutari per la salute dentale. “L’acidità di questi alimenti può essere efficacemente tamponata accompagnandoli con un po’ di formaggio, ricco di calcio e grassi che proteggono lo smalto” chiarisce la Polimeni.

Promossi, invece, i chewing-gum allo xilitolo, sostanza funzionale in grado di ridurre la proliferazione dei batteri.

Importante è ridurre sì il consumo di questi cibi, ma anche accompagnare queste restrizioni con sane pratiche di igiene orale, fin da piccolissimi. L’insorgenza di carie sui denti da latte, potrebbe infatti compromettere un corretto sviluppo della dentatura permanente.

Intanto teniamoci stretta la scoperta di quest’ulteriore pregio del cioccolato.

Yoga al naturale, per mettere a nudo la propria verità

Ritrovarsi nudi nel bel mezzo di una lezione è probabilmente uno dei peggiori incubi di sempre, ma non quando si tratta di una lezione di Yoga. Praticare Yoga al naturale sta diventando un’attività sempre più popolare nelle palestre londinesi, dove ci si spoglia nella penombra per concedersi un paio d’ore di meditazione in totale silenzio, a occhi chiusi, prima di rientrare di soppiatto nei propri panni e andarsene senza proferire parola.

Si tratta, tuttavia, di una pratica che, in realtà, affonda le sue radici in tempi antichissimi ed è tuttora in uso presso figure religiose di spicco in India. Negli anni ’60, lo “Yoga a nudo” si diffuse soprattutto tra i seguaci del movimento Hippie americano e oggi ritorna in voga grazie ai sempre più celebri corsi misti che si tengono a New York e a Los Angeles. A Londra, la componente è ancora prevalentemente maschile: l’unico centro in cui si possano seguire lezioni miste in tutta l’Inghilterra è il Naked Yoga London, dove anche l’insegnante Annette istruisce i suoi allievi completamente nuda.

Lo Yoga al naturale è, senz’altro, un modo per superare i propri complessi fisici e accrescere la fiducia in se stessi, ma è soprattutto un’attività critica nei confronti del capitalismo occidentale: spogliandosi, infatti, le persone sono tutte uguali. Nessuno short sportivo all’ultimo grido di cui vantarsi: l’unica cosa a contare davvero è il proprio corpo – e, forse, anche l’anima.

Molte sono le donne ossessionate dai propri difetti fisici che hanno tratto immenso beneficio nel praticare Yoga al naturale e che hanno così trionfato definitivamente sulle proprie fisime. La nudità, però, non è indispensabile al Naked Yoga London, dove ciò che si promuove di più è l’accettazione degli altri e di se stessi. Ad ogni modo, praticare Yoga in totale nudità resta la sola maniera di farne un esercizio rigenerante: superare il fatto che si è nudi, cioè nella condizione di vulnerabilità per antonomasia, significa acquisire, per contro, una forza altrimenti condannata a non svelarsi mai.