domenica, 5 Dicembre 2021

Miss Fit

Home Miss Fit Pagina 2
Se vi stanno divorando i sensi di colpa per quello che avete appena divorato a tavola, non preoccupatevi, Miss Fit è qui per questo. Consigli, esercizi e attività fisiche per ritornare in forma; anche se siete golosi e non riuscite a rinunciare ai piaceri della tavola

Il workout gambe da fare in spiaggia (MISS FIT)

Credit: benessere.letteradonna.it

Quello in spiaggia è sicuramente uno degli allenamenti più rigeneranti, più utili per restare in forma, e più tosti, per via principalmente della difficoltà che la sabbia dà sui nostri movimenti.
Ecco però, per i veri fit-addicted, un work out specifico da fare durante le nostre giornate al mare.

Innanzitutto è bene iniziare con una bella camminata, magari con le gambe immerse nell’acqua, questo rappresenta già di per sé un vero e proprio allenamento, perché già dopo 20 minuti di passeggiata a passo moderato inizierete a bruciare calorie.

Dopo un po’ di riscaldamento iniziale partiamo con gli squat per tonificare gambe e glutei. Visto che ci capita poche volte l’anno di poterci allenare in spiaggia, sfruttiamo al massimo questa possibilità: anziché fare i soliti esercizi sul posto, facciamo i forward lunge. In piedi, gambe divaricate larghezza spalle e mani sui fianchi. Portate avanti la gamba destra, piegate il ginocchio fino a raggiungere un angolo di quasi 90 gradi, tendendo la gamba sinistra ferma alla posizione di partenza. Dopodiché avvicinate la gamba sinistra a quella destra, ritornando alla posizione di partenza, ma un metro più avanti. Ripetete l’esercizio con la gamba opposta, avanzando sempre. In totale fate 3 serie da 15 per ciascuna gamba.

1

Il secondo esercizio di questo workout è simile al primo, ma è “laterale”. Nella posizione di partenza precedentemente spiegata, da qui aprite le gambe lateralmente in modo alternato: spostate leggermente più a destra la gamba destra, piegatevi, tendendo la schiena dritta e portando il sedere in fuori, fino a raggiungere con le gambe un angolo di quasi 90 gradi, e poi ritornate nella posizione di partenza. Da qui, via con l’altra gamba, fino a fare 3 serie da 15 ripetizioni per gamba.

Infine, un esercizio utilissimo non solo per gambe e glutei ma anche per interno ed esterno coscia. Siete sempre in piedi, con le mani sui fianchi e i piedi leggermente divaricati. Ora, spostate poco per volta il peso sulla gamba sinistra, e alzate da terra, spostandola verso il fuori, la gamba destra. Alzatela il più possibile verso l’esterno, dopodiché portala verso l’altra gamba, facendola passare davanti al vostro corpo. Ripetete l’esercizio, che è una sorta di oscillazione della gamba, in equilibrio sul terreno sabbioso. 20 oscillazioni per gamba, il tutto per 3 volte.

Gli sport da spiaggia brucia calorie (MISS FIT)

Credit: sodahead.com

Lo so che al mare nessuno di noi ha mai voglia di fare attività fisica; in fondo, un po’ di sana e meritata nullafacenza fa bene a tutti. Però la spiaggia è davvero un’ottima location per fare sport, per impegnarsi nel fitness, bruciare calorie e tonificare tutto il corpo. In più, fare fitness in spiaggia è più divertente che farlo in palestra, perché molto probabilmente saremo circondati da amici che condivideranno la nostra attività fisica. Si unisce l’utile al dilettevole insomma: ci si muove e ci si diverte, si tonifica il corpo e si socializza; e ci si abbronza.

Ma se pensate che fare sport in spiaggia sia esageratamente faticoso, non preoccupatevi, non è così. Dal beach volley alla camminata in acqua, ecco gli sport da spiaggia brucia grassi per quest’estate. Ce n’è per tutti i gusti, per tutte le difficoltà e per tutte le età. Non avete più scuse.

Camminata sulla spiaggia

Camminare sulla spiaggia è sicuramente più faticoso che farlo su una superficie solida e liscia come l’asfalto, ma per questo si bruciano più calorie, e si tonificano meglio i muscoli delle gambe e i glutei. Inoltre, proprio per l’irregolarità della sabbia, è un massaggio naturale in grado di eliminare il senso di stanchezza e di pesantezza alle gambe e, in generale, di tutto il corpo. Ed è alla portata di tutti. Bastano 30 minuti al giorno, preferibilmente al mattino e a passo sostenuto (ma senza arrivare alla corsa), per bruciare calorie, rassodare glutei, gambe e addome e migliorare il sistema cardiovascolare.

Beach Volley

Un’attività molto completa, ma meno alla portata di tutti. Per fare beach volley bisogna essere un pochino allenati perché si corre continuamente e si salta, partendo da una superficie instabile come la sabbia, che intensifica il lavoro. Per questo il consumo calorico è molto elevato: si perdono circa 400-500 calorie per un’ora di attività a media intensità.

Racchettoni

Giocare a racchettoni in spiaggia è un classico. Un’attività prettamente aerobica, che giova al sistema cardiovascolare, riattivando la circolazione grazie al continuo impatto con la sabbia, e tonifica i muscoli degli arti inferiori. Si tratta di un vero mix fra gioco e fitness che permette di bruciare fino a 300 calorie per un’ora di attività.

Beach tennis

Il beach tennis non è altro che l’evoluzione dei racchettoni, solo che in più c’è una rete che divide i due giocatori. Il divertimento di questo sport è assicurato, ma anche gli intesi sforzi fisici. Giocando, infatti, si coinvolgono gran parte dei muscoli di tutto il corpo, migliorando i riflessi, e al contempo bruciando tante calorie: fino a 600 in un’ora.

Camminata in acqua

La differenza con la camminata spiegata precedentemente è che bisogna immergersi nell’acqua fino (come minimo) alle caviglie, e (non oltre) l’inguine. Essendo immersi nell’acqua, che è fino a 800 volte più densa dell’aria, ad ogni passo si incontra una resistenza maggiore che si traduce in un’azione tonificante e anticellulite, favorendo anche la circolazione sanguigna. Per ottenere migliori risultati bisogna procedere per almeno 40 minuti, perché il corpo comincia a smaltire i grassi soltanto dopo i primi 30. In un’ora di camminata vengono bruciate circa 265 calorie.

Gli sport più belli della stagione estiva (MISS FIT)

Credit: oggi.it

Siamo a inizio agosto, e la voglia di stare all’aria aperta (non nelle ore più calde, ovviamente) è incontenibile. Vorremo fare un po’ di fitness, ma anche cambiare esercizi rispetto a quelli che facciamo durante tutto il resto dell’anno; e allora ecco 5 idee per divertirsi, bruciare calorie e stare all’aria aperta.

Bicicletta

Credit: guidaconsumatore.it
Credit: guidaconsumatore.it

Con soli 30 minuti di pedalata al giorno si potrà ritrovare la forma fisica e anche il buonumore, e lo ha dimostrato anche una ricerca della Harvard Medical School ha evidenziato gli effetti benefici della bicicletta su pazienti afflitti da depressione. Meglio pedalare in piste ciclabili, parchi cittadini e zone verdi, ma se non potete fare altrimenti va bene anche una pedalata in città, quando però non c’è il traffico di punta.
Calorie: dalle 200 alle 500 calorie ogni ora, pedalando a velocità moderata.

Trekking

Credit: valdisolenet.it
Credit: valdisolenet.it

Prendetevi un giorno di pausa da tutto quanto e andate in montagna. Qualsiasi momento può essere l’occasione giusta per iniziare a sperimentare una camminata nel verde in buona compagnia, alla ricerca di nuovi sentieri. Bisogna allontanarsi dai centri abitati, procurarsi buone scarpe da montagna, abiti impermeabili e traspiranti e mettere lo zaino in spalla.
Calorie: da 300 a 800 Kcal/h a seconda della velocità e del dislivello.

Rollerblade

Credit: benesserevillage.it
Credit: benesserevillage.it

Quasi nessuno ci pensa mai, ma il pattinaggio è un ottimo sport da fare all’aria aperta per divertirsi e tenersi in forma. Secondo gli esperti questo è il secondo sport più completo dopo il nuoto: tonifica gambe e glutei, ma ha anche benefici su braccia e spalle. Date spazio al vostro equilibrio e lasciatevi trasportare ovunque dai vostri rollerblade.
Calorie: circa 500 per ogni ora di pattinaggio.

Equitazione

Credit: turismo.it
Credit: turismo.it

Questo non è uno sport per molti, ma è sicuramente uno sport che benefica per corpo e mente.Fa bene alla schiena, sviluppa la coordinazione e tonifica gambe, glutei, addominali, muscoli lombo-sacrali, dorsali, bicipiti, tricipiti e muscoli del collo. Non è necessario darsi al salto ad ostacoli, è sufficiente una tranquilla escursione in campagna, preferibilmente in compagnia di un esperto.
Calorie: circa 400 per ogni ora di equitazione.

Camminare a piedi nudi per star bene (MISS FIT)

Credit: strettoweb.com

Dimenticate tutti i pregiudizi, evitate di dire “che stramberia”, perché camminare a piedi nudi fa bene. Si tratta di una pratica antica, ancestrale, benefica e sempre più diffusa; di una pratica la cui utilità è stata confermata da svariati studi scientifici.

Già il solo atto di camminare fa bene, e lo sappiamo. Ma l’Università della California Irvine ha dimostrato che camminare a piedi nudi migliora la fluidità del sangue e la circolazione, diminuendo così i rischi cardiovascolari come infarto e ictus. Ma non solo. È stato dimostrato che camminare a diretto contatto con la terra avrebbe benefici anche sulla diminuzione dei disturbi del sonno, dei dolori muscolari e articolari di vario genere, di artrite, diabete e asma.

Il nome specifico di quella che noi comunemente chiamiamo “camminata a piedi nudi” è earthing, e questa pratica, inoltre, agevola lo scambio dei radicali liberi tra la nostra pelle e gli elettroni che naturalmente si accumulano sulla superficie terrestre. Gli appassionati di earthing sono convinti che ogni strumento che ci isola dalla crosta terrestre, e le scarpe in maniera particolare, sono una delle invenzioni più dannose dell’ultimo secolo.

Insomma, camminare a piedi nudi non può far altro che bene. E proprio per questo sono nate anche vere e proprio associazioni, e veri e propri percorsi sensoriali per praticare l’earthing, sempre in ottica fitness.
Ecco 5 percorsi:

1. Percorso Barefoot Franco Alleyson a Morgex (AO)

600 metri di percorso, all’interno dell’area sportiva del Comune, con svariati tipi di percorso: erba, muschio, sabbia, acqua, fango, ghiaia, foglie, fieno.

2. Parco di San Floriano a San Giovanni di Polcenigo (PN)

Si chiama “con i piedi per terra”, ed è un percorso di circa 900 metri da fare completamente a piedi nudi sopra pigne, paglia, sassi di fiume, sabbia, fango, rami, ghiaia con giochi di equilibrio e di abilità fatti con tronchi d’albero, sassi grandi e assi di legno.

3. Sentiero del Rifugio Boschetto (VR)

Questo sentiero è stato realizzato nel 2011, nel cuore della foresta di Giazza, intorno al rifugio Boschetto. I percorsi si svolgono su legni, terra, sassolini, erba e altri materiali che stimolano la ripresa di coscienza dei propri piedi.

4. Oasi naturalistica Villarey di Prascorsano (TO)

A circa 850 metri di altitudine di Prascorsano si trova un vero e proprio orto botanico autoctono di piante medicinali. Qui ci sono sedi dedicate specificatamente all’earthing.

5. Barfuss Park in Germania

Sono molti i Barfuss Park in Germania, cioè parchi tematici dedicati all’earthing. Da provare.