lunedì, 6 Dicembre 2021

Curiosità dal mondo

Home Curiosità dal mondo

La miglior proposta di sempre (FOTO)

Maschietti, mi rivolgo a voi. Se non avete idee (originali, si fa per dire) per la proposta di matrimonio alla vostra fidanzata questo è un consiglio spassionato adatto a voi.

Avreste mai pensato che un semplice gioco da tavolo, come il Monopoli, potesse trasformarsi in un “mi vuoi sposare” degno di standing ovation? Questa, infatti, è stata l’idea di Justin Le Bon, un ragazzo che da già molto tempo aveva intenzione di sposare la propria fidanzata, Michal, ma aveva bisogno di un’idea super geniale per la proposta. Niente mazzi di fiori, cena elegante in un ristorante del centro o flash mob. Ha usato il gioco preferito di lei, il celebre Monopoli. Insieme all’amico Mark Becker, artigiano e designer, ha realizzato una super originale versione.

La miglior proposta di sempre (FOTO)

Il progetto prevedeva il rinnovo di una vecchia ghiacciaia, risalente ai primi del 1900, da cui Justin e Mark hanno realizzato un contenitore per una versione personalizzata del Monopoli. Le proprietà, per dirne una, avevano i nomi dei luoghi dove i due ragazzi sono cresciuti: il ristorante del loro primo appuntamento, la città della California dove amano andare in vacanza, e la casella Match.com, il sito di incontri che li ha fatti conoscere. Stesso discorso anche per le pedine, fatte di simboli importanti per la coppia. Le tessere sono state progettate da Justin con Excel. Anche i dadi sono stati creati appositamente: uno con tutti i numeri 3, l’altro con i numeri 4, per controllare il gioco.

Ha deciso di chiederla in sposa solo a Natale: la coppia ha iniziato a giocare, fino a quando la ragazza non è arrivata su “Imprevisti” che diceva: “Vuoi sposarmi? Se sì, avanza alla ‘Tassa di lusso'”. Ed è proprio in quella casella che c’era l’anello di diamanti.

Masha e Orso, la fiaba russa erede di Peppa Pig

Masha e Orso, è lei la nuova erede di Peppa Pig: ha conquistato i cuori di mamme e figli, è divertente, semplice e educativo. E i più piccoli ne vanno matti. Trae origine da una fiaba russa, e in Europa sta spopolando già da qualche tempo.

È liberamente ispirata ai personaggi del folklore russo Masha e Orso. È realizzato in CGI dallo studio russo di animazione Animaccord, il cui nome si legge a volte come marchio su elettrodomestici o altro, all’interno degli episodi. Masha e Orso, creato in Russia nel 2009 e venduto in 120 paesi, venne trasmesso per la prima volta in Italia su Rai 2 tra il 2011 e il 2012, ma la messa in onda fu quasi subito sospesa. I piccoli fan del cartone animato hanno così iniziato a cercare gli episodi, in lingua originale o sottotitolati, sul web: YouTube, che vanta milioni di visualizzazioni, e sulla pagina Facebook internazionale, con più di 3 milioni di like. Il cartone russo ha sbancato tutta la concorrenza, mettendo a tacere il vecchio successo quasi egemonico del maialino rosa.

“È la prima serie tv animata diventata un fenomeno virale”, spiega Maurizio Di Stefano, che un anno fa ha acquisito i diritti sul marchio in Italia. “Questo successo è partito dal basso, dal desiderio delle gente, e ha avuto la sua affermazione quando nel 2014 Rai YoYo è tornata a trasmetterlo”. Il mondo di Masha e Orso è molto semplice, colorato, ambientato in uno spazio naturale allegro con casette a misura di bambino. Un bel disegno accompagnato da un’ottima animazione.

Scrive un messaggio d’amore su una banconota, i due si ritrovano

È una storia a lieto fine – si spera-, quella di Christy e Megan. Una storia d’amore un po’ strana e originale, che fa quasi sorridere a raccontare. Ma che non può proprio non essere vera. E a noi piace così.

Questa storia d’amore “moderna” ha il miglior finale che potessimo sperare. La scorsa settimana, una donna irlandese di nome Denise O’Reilly ha trovato 20 € nella sua borsa. Su questa banconota c’era scritto un breve messaggio, apparentemente da un amante all’altro.

Diceva: “Christy, sei sempre stato tu! Vieni a trovarmi. – Megan”.

La donna, meravigliata ma altrettanto curiosa, ha condiviso la foto della banconota su Facebook, sperando di saperne di più sulla coppia misteriosa e sul loro amore. Il post è immediatamente diventato virale.

Incredibilmente, il destinatario della nota – un uomo di nome Christy Leech – vedendo il post di O’Reilly si è messo in contatto con la donna. L’uomo ha raccontato la sua storia alla radio irlandese Today Fm: Megan era il nome che ho usato per chiamare la mia ex-fidanzata. Siamo usciti per un anno e mezzo. Il nome nasce da un equivoco, da quando ho capito male il suo nome pensando fosse ‘Megan’ per la nostra prima settimana. Io sono un musicista e un giorno, mentre stavamo uscendo, le ho scritto una canzone chiamata ‘Sei sempre stata tu’. Ci siamo lasciati. Dopo aver visto la banconota da 20 € su un post FB, l’ho chiamata. Mi ha detto che aveva scritto il messaggio proprio su una banconota che aveva usato in uno dei miei concerti, circa 6 mesi fa. Non sapevo che lei fosse lì. Lei pensava che avrei avuto io il denaro, ma ovviamente così non è stato. Mentre lei l’ha interpretato come un mio rifiuto alla sua richiesta, come se non volessi avere più nulla a che fare con lei. Ora siamo in contatto di nuovo ma la situazione è ben diversa”.

Come andrà a finire la storia d’amore tra Christy e Megan?

Harry Potter: da oggi sarà possibile studiare a Hogwarts

Harry Potter, da oggi finalmente si potrà studiare ad Hogwarts, per davvero: apre, infatti, in Polonia, lo Czocha College of Witchcraft and Wizardry, il primo college di magia completamente ispirato ad Harry Potter.

È un sogno che diventa realtà per tutti gli amanti della saga e non solo: da oggi sarà possibile studiare presso la scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Si aprono i battenti e l’emozione è davvero unica, così come quella nei film. Ad oggi, infatti, moltissimi studenti hanno avuto la possibilità di frequentare 4 giorni di lezioni al Czocha College of Witchcraft and Wizardry, al costo di circa 280/300 euro; il prezzo comprenderà vitto e alloggio, abiti, cravatta della casa e libri.

La scuola di Harry Potter è interamente ispirata alla famosa scuola di magia e funziona come una vera e propria università italiana: ci sono lezioni, crediti formativi ed esami di profitto. Gli studenti sono divisi in 5 squadre (Durentius a simboleggiare la diligenza e il valore, Molin a rappresentare lealtà e intuito, Sendivogius per il coraggio e l’onore, Faust per perseguire la conoscenza e il potere e, infine, Libussa come creatività e previsione); ad ognuna corrisponde un simbolo, una divisa e un’organizzazione a sé stante e i membri di ogni gruppo avranno accesso ai dormitori e alle stanze comuni. È un vero e proprio gioco di ruoli: ci sono i nuovi studenti, alle prime armi, mentre giocatori veterani saranno professori e prefetti.

Si possono studiare tantissime materie: Pozioni a Divinazione, Difesa contro le Arti Oscure e mille altre ancora, per diventare un vero maghetto come Harry Potter. Il Quidditch è, naturalmente, lo sport ufficiale del College.

La prima edizione di quattro giorni si è svolta lo scorso novembre, 190 sono stati i partecipanti provenienti da 11 paesi diversi. Il sito ufficiale del College of Wizardry ha detto in merito: “Non possiamo ricreare gli effetti speciali dei film, ma possiamo stimolare la sensazione visiva.”

Perché non fare un salto subito?