domenica, 5 Dicembre 2021

La Serialist

Home La Serialist Pagina 13
La Serialist parla con il lettore, in modo ironico, di serie tv in relazione alla società di oggi, per comprendere a fondo cosa vuol dire essere una telefilm dipendente.

Esiste l’uomo perfetto delle serie tv? (LA SERIALIST)

Ci risiamo, donne: ricadiamo sullo stereotipo dell’uomo perfetto, e dove andiamo a cercarlo? Nelle serie tv che guardiamo. Per una telefilm dipendente che ne guarda almeno sei al giorno, è facile cadere in tentazione e avere l’imbarazzo della scelta. Tra un Castle che ci porta il caffè ogni mattina, a un supereroe che ci salva sempre, o ancora a un vampiro o cacciatore di zombie, è normale che siamo abituate a idealizzare il nostro tipo.

Proviamo a convincerci che la televisione ha un suo fondo di verità, sebbene sia tutta finzione ciò che vediamo. Tentiamo di dare una spiegazione logica, ma alla fine il cuore vince sulla ragione. Prendiamo quindi carta e penna e buttiamo giù le caratteristiche che dovrebbe avere l’uomo dei nostri sogni, ma inevitabilmente superiamo il limite delle parole a nostra disposizione. O forse restiamo imbambolate davanti lo schermo a guardare l’attore di turno, e alla fine non ricordiamo più cosa dovevamo fare.

Il romantico

castle

“Ogni mattina ti porto una tazza di caffè, solo per vederti sorridere.” Anche io vorrei un Richard Castle che mi porti la colazione ogni mattina, che mi dica che non lo fa solo per attaccare bottone, ma che è diventato un gesto di ordinaria abitudine tanto da trasformarsi in amore. Dov’è finito l’uomo che ti offre la colazione? Dov’è quel tipo che aspetta pazientemente, come Richard Castle, finché la donna che ama non apra gli occhi e si renda conto di ciò che ha davanti? Il romanticismo è morto.

L’eroe

more-arrow-the-flash-crossover-photos-revealed_jkgp.1920

Lui è il tipo di uomo che ti dirà “Ti amo, ma non possiamo stare insieme. I miei nemici mi vogliono uccidere, e uccideranno tutti coloro a cui tengo.” Probabilmente sono da evitare come la peste perché per noi vorrebbero una vita normale, ma non capiscono che non potremmo vivere senza di loro. Ammettiamolo: un milionario playboy come Oliver Queen, che di notte indossa un cappuccio verde per diventare Arrow, è l’uomo perfetto di ogni telefilm dipendente. Perfino Felicity Smoak, sua aiutante genio del computer, che da sempre ha una cotta per lui, non può resistere nel vederlo tutti giorni a torso nudo.

Se poi ci fa tenerezza uno come Barry Allen, imbranato e sfortunato in amore, che nel momento del bisogno indossa la tuta rossa per correre come The Flash. Quindi ci domandiamo: ma perché perde tempo dietro a una come Iris West che non se lo fila, e non si accorge di Caitlin Snow? Risposta: perché sono uomini. Non vogliono la ragazza nerd, ma la classica donna che non li vuole.

Il bad guy

VD-216

I cattivi ragazzi attraggono sempre, è il classico stereotipo. Se ci innamoriamo di un badass come Damon Salvatore, che pur di mantenere intatta la sua reputazione ci fa soffrire, noi ne siamo succubi. Continueremo a ricaderci perché, l’amore morde. Ma a volte, in The Vampire Diaries, il bad guy, grazie ai sentimenti, può trasformarsi nel bravo ragazzo che ci ama incondizionatamente. Sfortunatamente, nella realtà, se lui è cattivo con te, lo sarà sempre.

Il nerd

BBT_-_Leonard_and_Penny

Chi non vorrebbe un fidanzato nerd con cui andare insieme ai diversi Comic Con o fare citazioni di serie tv, fumetti, Star Wars e affini? Difficile essere una ragazza che ama tutte queste cose, ma non poter condividere la sua passione con la dolce metà. Purtroppo la serie tv The Big Bang Theory ci ha insegnato che ragazze carine come Penny che si innamorano del nerd di turno come Leonard sono casi difficili da trovare. La verità è che gli uomini pensano ad una cosa sola, ma noi donne non ci accontentiamo.

L’impossibile

Scandal-Fitz-Olivia-638x448

Se ami il Presidente degli Stati Uniti, la tua vita diventa uno Scandal. E lo sa bene Olivia Pope, ex direttrice delle comunicazioni alla Casa Bianca, che tra tutti gli uomini disponibili sul mercato ha finito per innamorarsi di Fitzgerald Grant, della persona più potente del mondo (e anche impegnato con tanto di moglie e figli a carico). Non c’è niente da fare, donne: le sfide ci piacciono. Meglio se impossibili.

Il tuo capo

greys-anatomy-meredith-derek-sad-ftr

Vi incontrate, scoppia la scintilla, poi scopri che lui è il tuo capo. Che fai? Lo eviti a priori perché meglio non iniziare una storia con un tuo superiore. Invece Derek Sheperd insiste e ci prova con la sua specializzanda Meredith Grey; da donna ingenua e innamorata, lei ci casca, finché non scopre che lui è sposato. Nella serie tv Grey’s Anatomy, lui alla fine sceglie Meredith, ma non aspettatevi lo stesso caso anche nella vita reale. Se iniziate una relazione del genere, fidatevi che l’uomo non lascerà mai sua moglie per l’amante. Shonda Rhimes e la sua serie tv ci hanno ingannate per anni.

Il non-morto

Buffy-Angel 1

Tu sei una cacciatrice di vampiri, lui è un vampiro. Una storia d’amore segnata fin dall’inizio. Eppure Buffy se ne innamora, perché Angel è diverso; rispetto agli altri demoni, lui ha l’anima. Lottano insieme, soffrono, amano disperatamente, e lui continua a ritornare da lei perché “Anche se fossi cieco ti troverei. Io non ti lascerò mai, neanche se tu mi uccidi.” Un uomo perfetto se non fosse per un piccolo (e ingiusto) particolare: tu invecchi e lui no.

Il cacciatore

daryldixon

Il futuro incombe, e magari potremmo trovarci di fronte ad un’invasione di zombie. Niente paura, basta trovare un uomo forte e impavido come Daryl Dixon della serie tv The Walking Dead, e il gioco è fatto. Lui non è un eroe, non ha super poteri, ma è un sopravvissuto. Forse penserà più a mantenere pulite le sue armi che a voi, ma al suo fianco sarete al sicuro: non vi lascerà indietro nel momento del pericolo e non scapperà come alcuni ragazzi di oggi che pensano solo a salvarsi la pelle. E poi l’uomo barbuto è sempre piaciuto.

La nostra lista è completa, ma solo sommando le caratteristiche di ogni categoria riusciremo ad avere il quadro completo del nostro tipo ideale. Risultato? A meno che non siamo tutte Frankestein in grado di unire i pezzi, non ci resta che arrenderci all’evidenza.

L’uomo perfetto o è gay oppure esiste solo nelle serie tv.

Se ci si innamora di una serie tv (LA SERIALIST)

A volte accendiamo inconsciamente il nostro computer, chiudiamo gli occhi e scegliamo col dito una delle tante serie tv da recuperare. Sarà accaduto a tutti, soprattutto nelle giornate di pioggia, dove l’unica cosa da fare è starsene a casa a guardare telefilm. Non scherziamo: queste cose succedono anche nei giorni di sole o il sabato sera.

In questi momenti devi domandare a te stessa: come ho fatto a vivere senza telefilm? Perché quando sentiamo il suo nome, oppure vediamo Derek Shepard di Grey’s Anatomy, impegnato in un intervento chirurgico complicato, o Daryl Dixon di The Walking Dead, in qualche scena d’azione pronto ad uccidere lo zombie di turno, percepiamo le farfalle nello stomaco? Perché, invece, il nostro (povero) fidanzato non ci fa lo stesso effetto di Oliver Queen che, mezzo nudo, si allena prima di infilarsi il cappuccio di Arrow?

Domande essenziali come queste hanno un’unica risposta: ci siamo innamorate di una serie tv. Un telefilm può prenderci al primo sguardo, al primo fotogramma, o semplicemente può insinuarsi lentamente nella nostra testa dopo una serie di episodi. Quando poi ci identifichiamo in un personaggio, la questione diventa grave: cominciamo a parlare come lui\lei e a difenderlo\a a spada tratta.

Ad esempio, in quattro stagioni di Game of Thrones, ho capito che non posso tifare per nessuna coppia né affezionarmi a qualche personaggio, perché chiunque potrebbe morire inavvertitamente. Anche io come Kate Beckett di Castle ho avuto i miei muri, che mi hanno impedito di essere più aperta con le altre persone, così mi sono immedesimata in lei quando l’uomo che amava ha cercato in tutti i modi di proteggerla e di avvicinarsi a lei, nonostante non ricevesse sempre segnali positivi. Ho tifato con tutta me stessa per Rachel sperando che, nella series finale di Friends, scendesse dall’aereo per tornare da Ross.

Quest’affezione per i nostri personaggi preferiti ci porta a chiuderci in noi stesse molte volte, ma non sottovalutate noi telefilm addicted: in caso di un disastro aereo, sapremo agire come i naufraghi di Lost, se i vampiri ci invaderanno, dormiremo con un paletto accanto al letto, proprio come Buffy Summers ci ha insegnato, e se c’è un caso di omicidio da risolvere, saremo meglio dei detective di CSI.

Se poi inizierete a chiamare il vostro ragazzo con il nome del personaggio che tanto amate, forse è meglio se mettete in pausa qualche telefilm.

Quando ci si innamora di una serie tv, quell’amore è per sempre.