domenica, 5 Dicembre 2021

Paese che vai

Home Paese che vai
Zaino in spalla, con Paese che vai si gira il mondo

Maratea, la Regina dell’Estate 2015 (FOTO)

Credit photo: www.giornaledelcilento.it

Trivago, il portale che raccoglie le offerte di hotel ed alberghi, ha eletto la meta più amata dell’estate 2015: Maratea, comune italiano della provincia di Potenza, unico della Basilicata che si affaccia sul Mar Tirreno.

L’Osservatorio del sito, dopo aver analizzato i dati sulle destinazioni più ricercate dai turisti italiani, ha lanciato la sfida – che si è svolta dal 10 al 12 giungo – agli utenti di Twitter: a colpi di cinguettii, testi, immagini, video e hashtag #ReginaDellEstate ha raccolto oltre 6000 partecipanti e si è conclusa con la vittoria della perla del Tirreno. Maratea, infatti, “ha raccolto il numero più alto di menzioni nei tre giorni di sfida con un trionfo a sorpresa, vista l’agguerrita concorrenza di destinazioni di solito in vetta alle classifiche, che punta i riflettori su una località poco conosciuta ma in grado di conquistare il cuore dei turisti e dei suoi abitanti” come sottolinea Trivago.
E non è stata una battaglia semplice, dato che il sondaggio accoglieva varie mete, tra cui spiccavano Ischia, Pantelleria e le spiagge pugliesi, da sempre le destinazioni più gettonate da milioni di italiani per le loro vacanze estive.

Non solo Trivago, anche Legambiente e Touring Club hanno attribuito a Maratea un premio importantissimo: le 5 Vele con la Guida Blu 2015, riconoscimento per i mari più belli e le amministrazioni che hanno gestito al meglio l’intero territorio.

Ma come mai è stata scelta proprio Maratea come località più speciale? Per le sue spiagge e il suo incommensurabile patrimonio artistico e culturale, che la rendono la meta preferita per l’estate, in particolare questa appena iniziata.

Il mare di Maratea non ha niente da invidiare ad altre mete, forse più ambite. La spiaggia è scura – grigiastra – ma molto pulita, che si infrange su un mare abbastanza profondo, bellissimo da esplorare con maschera e boccaglio.
Tra le spiagge più conosciute c’è La Secca, che si trova in un parco naturale, d’a Gola, considerata la più grande della località, e Cala Jannita, famosa per il colore nero della sua sabbia.

Oltre ai colori spettacolari di mare e spiagge, Maratea è ricca di insenature, calotte e grotte – che sono circa 131 tra mare e terra.
Una delle grotte più famose è quella della Sciabella, coperta da una fittissima vegetazione. La grotta, inoltre, è legata alla leggenda di Isabella, una ragazza che si rifugiava lì proprio per consumare i suoi incontri con gli amanti. La sventurata, però, venne scoperta dal marito e ammazzata.

La città è conosciuta anche per il suo patrimonio artistico: 44 chiese – come Santa Maria della Neve, la Chiesa di San Vito, la Basilica di San Biagio – con affreschi spettacolari. Dall’ultima basilica si riesce ad ammirare la statua del Cristo Redentore, opera dello scultore fiorentino Bruno Innocenti: con i suoi 22 metri di altezza domina Monte San Biagio e il golfo di Policastro sul quale si affaccia. Un panorama che unisce mare e montagna, considerato uno dei più belli della nostra penisola.

Credit photo: it.wikipedia.org
Credit photo: it.wikipedia.org

Natale che vai: le migliori mete europee (FOTO)

Credits photo: www.ovettodicolombo.it

Manca poco meno di due settimane a Natale e ancora meno all’inizio delle tanto attese vacanze che questa bellissima festività porta con sé. Per molti è abitudine, piacere o obbligo festeggiare il giorno di Natale -ma anche la sera della Vigilia e Santo Stefano- insieme ai propri familiari, mentre altri non si lasciano scappare queste ferie per visitare posti nuovi o rivederne alcuni già visti. Perché durante il periodo natalizio ogni città diventa più magica, con luci, mercatini e profumi di cibi tipici.

Ma quali sono le migliori mete per questo Natale 2015? Noi di Blog di Lifestyle ve ne proponiamo cinque in giro per l’Europa. A voi la scelta.

Stoccolma

Credits photo: www.atuttoturismo.it
Credits photo: www.atuttoturismo.it

La parte antica di Stoccolma, chiamata Gamla Staan, già molto affascinante, diventa magica durante il periodo natalizio grazie alla presenza del mercatino più suggestivo e particolare dell’intera città. Cibi tipici, prodotti di artigianato e il glogg – il vino caldo – vi faranno compagnia durante la passeggiata.

Vienna

Credits photo: www.zingarate.com
Credits photo: www.zingarate.com

Piazza del Municipio viene allestita a festa, con mercatini tipici visitati ogni anno da milioni di turisti, ma anche dagli stessi viennesi. Ciò che di particolare c’è a Vienna, però, è la Adventkranz, una corona dell’avvento fatta con i rami delle piante, decorati con palline colorate e candele.

Rovaniemi

Credits photo: www.viagginews.com
Credits photo: www.viagginews.com

La meta perfetta se volete vivere il vero clima natalizio, con neve e paesaggi da film. Pronti a incontrare Babbo Natale in carne ed ossa? Sarete accompagnati a casa sua da una slitta trainati da delle bellissime renne.

Londra

Credits photo: www.nyhabitat.com
Credits photo: www.nyhabitat.com

Una delle città straniere più amate da noi italiani, Londra durante il Natale brilla di luce propria, ancora più del solito. Tappa ideale per trovare dei regali originali, girando per Harrods e Selfridges, ma anche nei mercatini che occupano le strade durante questo periodo.

Praga

Credits photo: repubblicaceca.ilreporter.com
Credits photo: repubblicaceca.ilreporter.com

Il Natale a Praga inizia il 5 dicembre, giorno di San Nicola. Durante questi giorni di festa la città ospita numerosi mercatini, tutti a pochi minuti di distanza uno dall’altro: i più caratteristici, però, sono quelli in Piazza della Città vecchia e Piazza San Venceslao.

Paese che vai: Madrid. La capitale spagnola fra cambiamento e tradizione (FOTO)

Capitale della Spagna e situata nel cuore della regione, Madrid è una città dalla forte tradizione, ma in continuo cambiamento. Con i suoi oltre 6 milioni di abitanti, la città “dell’orso e del corbezzolo” ospita una ricca e vasta tradizione artistica e culturale, ma è anche il centro di continue trasformazioni che la rendono una delle capitali più dinamiche d’Europa. La patria del sole e della corrida aspetta solo di essere scoperta.

Eventi

Come ogni capitale multiculturale e vivace che si rispetti, anche Madrid presenta le sue festività e i suoi eventi tradizionali. A partire da la Semana Santa: il periodo cade intorno a Pasqua e ospita circa una ventina di processioni religiose.
Ma al di là della tradizione religiosa Madrid ha annovera nel suo calendario festivo anche numerose celebrazioni popolari. Come il Dos de Mayo, la festività che ricorda il 2 maggio 1808, giorno in cui, grazie ad un rivolta popolare iniziata a Puerta del Sol, la Spagna è riuscita a liberarsi dai dominatori francesi.
Di lì a pochi giorni – il 15 maggio – si celebra la festa del patrono della città, San Isidro. Con pellegrinaggi, fiere e le tipiche corride, i madrileñi festeggiano il loro santo protettore.
Le feste della Madonna di Paloma, di San Cayetano e San Lorenzo sono celebrazioni che trasformano il centro storico della città: feste di strada, danze e manifestazioni popolari colorano e animano il cuore di Madrid.

Una festa amatissima da giovani e turisti di tutto il mondo è il Festimad, un festival di due giorni che prevede una rassegna culturale vastissima: dai concerti di musica rock fino alla lettura di poesie.
Da giugno a settembre si tiene invece un altro festival, quello de Los Veranos de la Villa. Con un centinaio di spettacoli in un misto di canto, danza e recitazione, vengono celebrate le arti tipiche della città.
E l’arte viene portate nelle strade anche grazie alla Noche en Blanco, il festival delle notti bianche iniziato nel 2002 a Parigi e che ha visto la sua diffusione anche in altre capitali europee grazie anche all’enorme successo di pubblico.

Luoghi da visitare

Da Caravaggio a Goya, da Raffaello a Velasquez. Questi sono solo alcuni dei nomi dei grandi artisti le cui opere trovano la loro collocazione in uno dei più belli ed importanti musei d’arte d’Europa, il Museo del Prado. Mentre questo spazio è la sede di creazioni artistiche che coprono cinque secoli, il Museo Reina Sofia raccoglie invece capolavori che partono dal ‘900 per arrivare fino ai giorni nostri. Un esempio su tutti è il celeberrimo quadro di Picasso, Guernica, fiore all’occhiello dello spazio espositivo.
Rimanendo sempre in ambito artistico un altro museo che vale davvero la pena di visitare è il Museo Thyssen-Bornemisza, che prende il nome dal magnate tedesco dell’acciaio che realizzò questo spazio per esporre le opere della propria collezione privata.

Costruito sui resti dell’Alcazar, il Palazzo Reale di Madrid è uno dei monumenti simbolo della città che bisogna osservare. Rigorosamente dall’esterno perchè purtroppo il palazzo, nonostante i sicuri tesori e capolavori che custodirà al suo interno, non è aperto alla visite dei turisti.
Saltimbanchi, artisti di strada e musicisti nelle giornate di sole colorano El Parque del Buen Retiro, il polmone verde della città di Madrid. Ideale sia per una gita con la famiglia che per romantiche passeggiate, questo parco è il vero e proprio simbolo della tipica vitalità spagnola.
Altro luogo simbolo della città è il barrio Chueca. Qui, grazie allo sforzo congiunto delle comunità di gay, lesbiche, bisessuali e trans-gender ha avuto inizio la ribellione contro la dittatura franchista, che ha portato a riqualificare questo barrio, oggi centro della movida madrileña.

Cucina e alloggi

Madrid offre una cucina variegata e mista, adatta a soddisfare anche i palati più esigenti. I tipici stuzzichini spagnoli – le tapas – accompagneranno il vostro giro turistico per la città in ogni momento della giornata. Accompagnati poi da piatti tipici quali il cocido madrileño, le gallinejas, le patatas bravas e gli inconfondibili churros.
Fra i migliori hotel dove alloggiare Tripadvisor consiglia l’Artrip Hotel, l’Only You Hotel & Lounge e l’Hotel Orfila.

Pasquetta tra borghi, terme e riserve naturali (FOTO)

Credit photo: www.incinqueterre.com

Dopo avervi consigliato le mete low cost per le vacanze di Pasqua, Blog di Lifestyle ha pensato anche a chi non può permettersi di andare via e concedersi qualche giorno lontano dalla propria città. E, se la domenica di Pasqua di solito si passa insieme alla famiglia per l’abituale pranzo, il giorno di Pasquetta è sempre un punto interrogativo.

Ma Blog di Lifestyle ha pensato proprio a tutto e vi dà dei consigli su come trascorrere al meglio questo giorno di festa, senza pensieri e all’insegna della scoperta, della cultura, del relax e del divertimento. Ce n’è veramente per tutti.

Parchi avventura

Credit photo: www.lamiaestate.it
Credit photo: www.lamiaestate.it

Percorsi sospesi tra gli alberi, passeggiate nelle aree naturali, trekking, prove di coraggio e di equilibrio. Se volete trascorrere una Pasquetta divertente e spericolata, i parchi avventura sono il posto adatto a voi, sempre che il tempo sia clemente.
Tra i vari parchi presenti in Italia, il più grande è l’Activo Park, in provincia di Perugia e Spoleto. Il parco è diviso in tre aree: Junior Forest, Villaggio Attivo e Area Natura, perfette sia per una gita di famiglia che una giornata tra amici.

Borghi

Credit photo: www.incinqueterre.com
Credit photo: www.incinqueterre.com

L’Italia nasconde tesori dappertutto: ogni regione ha i suoi segreti e i suoi punti di forza, che però – purtroppo – non tutti conoscono.
Quale migliore occasione, se non quella del giorno di Pasquetta, per una gita fuori porta? Gli utenti di Trivago hanno anche stilato una classifica con i 10 borghi più belli della nostra penisola, che vi aiuteranno nell’ardua scelta.

Riserve naturali

Credit photo: www.abruzzoparchi.it
Credit photo: www.abruzzoparchi.it

Amanti della natura, questo è il momento giusto per lasciarvi affascinare da Madre Natura. Anche se li avete già visitati, perché non ritornare in una delle riserve naturali presenti in Italia?
Ogni regione ha qualcosa da offrire: Parco dell’Uccellina in Toscana, riserva naturale Tevere-Farfa nel Lazio, Parco Nazionale del Gran Sasso e i vari parchi nel Trentino Alto Adige.

Spiagge

Credit photo: salento.discoversouthitaly.it
Credit photo: salento.discoversouthitaly.it

Un giorno di relax, sdraiati su una spiaggia, con il rumore delle onde del mare e con il sole che batte sul viso. Questo è uno dei modi preferiti dagli italiani per trascorrere la Pasquetta, sempre tempo permettendo.
Spiagge più vicine a case o spiagge più lontane – magari se volete fare qualche giorno lontano da casa – ricordatevi che in Italia ce ne sono di davvero stupende: Porto Selvaggio si è aggiudicata il primo posto nella classifica di TripAdvisor.

Terme

Credit photo: www.lacerreta.it
Credit photo: www.lacerreta.it

Se rilassarvi è l’obiettivo della vostra Pasquetta non vi resta che passare una bellissima giornata – o almeno mezza – in un centro benessere, curati e coccolati, per poi ricominciare il martedì con un’energia diversa. Per non fare troppa strada, andate alle terme più vicine a dove abitate: il relax, in questo modo, è assicurato.

Mostre

Credit photo: www.cosedafareinsicilia.it
Credit photo: www.cosedafareinsicilia.it

La sicurezza sul tempo non ce la dà nessuno e fino a lunedì mattina tutto è un forse. Ma non preoccupatevi perché se dovesse esserci nuvoloso o pioggia, potete sempre decidere di passare una Pasquetta un po’ più culturale.
Di mostre, anche gratuite, in giro per l’Italia ce ne sono parecchie. Blog di Lifestyle, in particolare, consiglia quella su Chagall a Roma e quella su Rosseau a Venezia. Ma anche l’espressionismo tedesco a Genova e Picasso a Catania non sono certo da meno.