sabato, 4 Dicembre 2021

Le TOT cose che

Home Le TOT cose che Pagina 2
Le tot cose che, ovvero classifiche - sul mondo che ci circonda - stilate dalla redazione di Blog di Lifestyle

5 motivi per cui amiamo chi non ci ama (FOTO)

foto: www.pinterest.com

L’amore è “quella cosa che tu sei da una parte, lui dall’altra e gli sconosciuti si accorgono che vi amate“.
Una sintonia di sguardi, qualche gesto sincero, vicini ma distanti.
L’amore è ciò che ti spinge a stare ore ed ore con il telefonino nelle mani nell’attesa di un suo messaggio, che ti fa percorrere chilometri pur di vederlo per mezz’ora, che ti induce a curarti, vestirti bene, ti procura una cintura di sicurezza per gli attacchi di gelosia, ti tiene la mano quando hai paura e al caldo quando hai freddo.
L’amore non è percorrere la stessa strada, ma osservare strade diverse con gli stessi occhi, con lo stesso coraggio, stessa voglia di arrivare.
Nota storta: non è sempre così.

In molti, anzi moltissimi casi ci innamoriamo perdutamente di chi non ci considera, di chi non è disposto a darci un pezzo di cuore, di chi, nonostante sappia che non riuscirebbe mai ad amarci, ci illude lasciandoci nella totale disperazione, nel cataclisma di domande che non posseggono risposta, nell’eventualità, nel “e se…“, nella completa tempesta di un amore non corrisposto.
Nessuna via di fuga, più ci fa soffrire e più ci piace, ma la domanda è: “perché?”.

1. Scarsa autostima

Accettiamo l’amore che pensiamo di meritare“.
Ci riduciamo in piccoli pezzetti, sempre più, fino a farci disintegrare completamente perché necessitiamo di un amore che ci dia l’illusione di essere sempre meno, di non poterci mai arrivare.
La scarsa autostima ci induce a sperare in un amore che non nascerà perché non abbiamo il coraggio di metterci in gioco in una relazione che ci mostri la nostra vera natura.

foto: www.pinterest.com
foto: www.pinterest.com

2. Amiamo le storie complicate

Ci sono nevrosi così simili che sarebbe un peccato non trasformarle in una lunghissima, complicatissima e devastantissima storia d’amore“.
Complicate e ribelli, vogliamo un amore che ci spettini, che ci rubi il sonno, che ci faccia sudare, che rompa la noiosa routine quotidiana, e lo vogliamo assolutamente impossibile.
Gli amori impossibili ci fanno sentire distrutte ma forti, audaci, caparbie. Ecco perché ci piacciono.

foto: www.pinterest.com
foto: www.pinterest.com

3. Il rischio è più eccitante della certezza

Quando un uomo vuole qualcosa, deve essere consapevole di stare correndo un rischio. Ma è proprio questo a rendere la vita interessante“.
Correre i rischi è eccitante, soprattutto in amore perché si è in due e ogni azione corrisponde ad una reazione, il bello è stare a chiedersi: “uguale o contraria?”.

foto: www.pinterest.com
foto: www.pinterest.com

4. Leggiamo troppi romanzi

La letteratura ci ha rovinato l’esistenza, troppe storie d’amore perfette hanno amplificato in noi il mito del “principe azzurro”, dell’uomo forte e valoroso, sempre pronto ad esserci, costante, sincero, intelligente.
Unico problema: non esiste.
Così ci innamoriamo di diversi tipi di uomo senza essere mai ricambiate, passiamo dallo star male per un ragazzo allo star male per un altro, non concedendoci mai una pausa.
Solo quando capiremo che il principe azzurro non esiste, saremo in grado di accettare i nostri e gli altrui difetti per concederci ad un amore della nostra misura e taglia, cucitoci a pennello.

foto: www.pinterest.com
foto: www.pinterest.com

5. Perché abbiamo paura che nessuno ci amerà mai

Più questa paura ci domina, più ci impelaghiamo in storie d’amore che ci fanno soffrire, che non sono giuste per noi, che lasciano il tempo che trovano.
La paura è un motore, alimenta l’incertezza, il bisogno e la necessità di essere amate, così ci innamoriamo velocemente senza neppure accorgercene ma senza alcun risultato: ecco un’altra storia fallita miseramente.
Avere il coraggio di fare delle scelte rende belli, non cercare l’amore in chi non può darne.

foto: www.pinterest.com
foto: www.pinterest.com

Le 5 fasi per superare la fine di una storia d’amore

credits: https://tuttilopensanomaiolodico.wordpress.com

La separazione e la fine di una storia d’amore sono momenti con i quali, prima o poi, tutti si devono trovare a fare i conti nel corso della propria vita. Naturalmente, si tratta di un evento parecchio doloroso e ci vuole tempo per riuscire ad accettare completamente il fatto che la persona che amavamo, e con la quale abbiamo trascorso momenti importanti, non farà più parte della nostra vita.

Ovviamente ci sono modi e modi di reagire. C’è chi si chiude completamente nella propria disperazione e chi invece si fa forza per non cedere. In ogni caso, si possono evidenziare 5 fasi più comuni che bisogna attraversare in seguito alla fine di una storia d’amore. Vediamole in ordine:

1. Disperazione più totale

La fase più dura e più difficile da affrontare è sicuramente quella immediatamente successiva alla decisione di chiudere la relazione. Via quindi a giornate intere trascorse a piangere, magari davanti a film strappalacrime o a fotografie che mostrano voi e il vostro partner, quando ancora eravate una coppia felice ed innamorata. Per non parlare della vita sociale che va completamente a rotoli. Inizialmente, infatti, di uscire non se ne parla proprio, nemmeno dopo gli inviti insistenti di amiche preoccupate per la vostra situazione. Perchè voi preferite chiudervi nei vostri ricordi, ascoltare canzoni deprimenti, ingozzarvi di cibo o non mangiare affatto.

2. Primi tentativi di ripresa

Durante la seconda fase ecco che cominciate a sforzarvi di reagire, a farvi forza e a riprendervi finalmente in mano la vostra vita. D’improvviso ricominciano le uscite con gli amici e tornate a fare tutto ciò che facevate prima che questo dolore piombasse improvvisamente nella vostra vita. Nonostante le mille distrazione però il pensiero è sempre lì, come un chiodo fisso. È la fase delle sbronze tristi, delle uscite per dimenticare e dei messaggi chilometrici in cui la dignità va a finire decisamente sotto piedi.

3. Incazzatura

Il dolore è pian piano diminuito, ma ha lasciato spazio ad un’immensa e profondissima rabbia. Ormai non pensate nemmeno più ai dolci momenti trascorsi insieme al vostro ex ragazzo, ma cominciate ad odiarlo con tutte le vostre forze, fino a convincervi (o tentare di farlo) che non era il tipo adatto a voi e che meritate molto, ma molto di più.

4. Finta indifferenza

Davanti agli altri fingete di stare ormai bene e per dimostrarlo non ne parlate nemmeno più. Anzi, ora siete proprio voi a proporre alle amiche aperitivi, serate pazze in discoteca e pomeriggi interi a fare shopping sfrenato. In realtà però non è ancora del tutto passata e, una volta a casa, correte subito a controllare i suoi profili social e il suo ultimo accesso su whatsapp per cercare di capire cosa sta facendo e se sta già uscendo con qualcun’altra.

5. Accettazione e chiusura definitiva con l’ex

È arrivato finalmente il momento di chiudere questo capitolo della vostra vita una volta per tutte e, per farlo, è necessario ricorrere a tutti i modi possibili, come cancellare il suo numero di telefono, cercare di non pensarci più e ricominciare da capo, inizialmente pensando solamente a voi stesse. Riprendete ad uscire con le vostre amiche, a fare ciò che vi piaceva ma che avete dovuto smettere di fare, frequentate nuove persone, iscrivetevi ad un corso in palestra e riprendete in mano quei libri che non avete mai finito di leggere. Piano piano tutta questa storia diventerà solo un piacevole, e forse un po’ amaro, ricordo.
Lì fuori c’è sicuramente l’uomo giusto per voi, ma non riuscirete mai ad incontrarlo se continuerete a stare intrappolate nella vostra vecchia storia d’amore.

La fine di una relazione è terribile da accettare ma non è del tutto sbagliato quel detto che dice che il tempo guarisce tutte le ferite. Bisogna solo aspettare e chissà, a volte una separazione può anche rivelarsi una buona occasione per meditare su sé stesse e per capire ciò che si vuole davvero nella vita.

Le 9 cose che fa un’amante del beauty

photo credits: disney movie year

Tutte noi, abbiamo un’amica particolarmente attratta dal mondo del beauty e del make-up. Un’amica che appena trova un momento libero durante la giornata, lo utilizza per truccarsi o fare qualche trattamento beauty. Ma quali sono quelle abitudini e quei vizi a cui un’amante del beauty non può assolutamente rinunciare? Scopriamoli insieme.

Compra un nuovo prodotto a settimana

Ogni amante del make-up che si rispetti vorrà comprare almeno un prodotto a settimana, non importa se a casa ha una stanza piena di ciprie, ombretti e mascara. Il bisogno impellente di un rossetto nuovo si farà sentire e per lei risulterà impossibile resistere.

Piange di gioia davanti ogni negozio di make-up o profumeria

Se per voi andare a fare shopping con una ragazza è un’attività che richiede una buona dose di pazienza, ritenetevi fortunati se la ragazza in questione non è un’amante del beauty. In caso contrario vi ritroverete a passare intere ore in profumerie e negozi, switchando rossetti e provando creme adatte al suo tipo di pelle. Un vero incubo.

Non esce di casa senza essere truccata

Che sia per andare a fare la spesa o l’aperitivo, un’amante del make-up non esce di casa senza rossetto, correttore o fondotinta. Solo dopo essersi truccate si sentono in ordine e pronte per uscire.

Ama i suoi trucchi

Un’amante del beauty tratta i suoi trucchi ed i suoi prodotti di bellezza come gioielli preziosi. Li ama, li custodisce e li porta ovunque nella sua borsa. Se disgraziatamente una sua cipria va in frantumi, oppure perde un rossetto diventa irascibile e impiega settimane intere a superare il lutto.

Impiega ore a truccarsi

Un’appassionata del beauty impiega ore ed ore a truccarsi minuziosamente, utilizzando prodotti di vario genere e dedicando attenzioni ad ogni parte del viso.

Impiega ore a struccarsi

Come per il punto precedente, una vera beauty addicted non va a dormire se prima non ha eseguito tutti i passaggi della sua skincare. Dal latte detergente, passando per il tonico, fino alla crema per il contorno occhi. Perché una pelle luminosa e fresca è l’anticamera di un make-up perfetto.

Predilige il naturale

Una maniaca del beauty sa esaltare i suoi punti di forza e nascondere i suoi punti critici. Piuttosto che realizzare uno smokey eyes perfetto, preferisce coprire occhiaie e brufoli con i correttori giusti e poi passare al resto.

Pasticcia con le maschere

La vera appassionata di beauty adora le maschere per il viso ed i trattamenti per il corpo. Si ritaglia sempre del tempo per pasticciare con fanghi e maschere all’argilla, insomma, si traveste da Hulk almeno una volta a settimana.

Ha due assi nella manica

L’appassionata di make-up conosce almeno due make-up da riprodurre sul suo viso in maniera impeccabile. Solitamente uno è per il giorno ed uno è per la sera e le occasioni importanti. Li ha studiati e provati sulla sua pelle migliaia di volte, sono il suo asso nella manica.

I 10 segnali per capire che non gli piaci abbastanza

credits photo: deejay.it

Se sei lì ad autocommiserarti, in casa, attaccata al cellulare sperando che Lui ti chiami, quando invece è fuori a fare chissà cosa, questo è l’articolo che fa per te. Quante volte ti è capitato di giustificare un suo comportamento, con frasi tipo “non mi chiama perché è impegnato”, oppure, “avrà visualizzato per sbaglio, per questo non mi ha risposto”.
Stai tranquilla è normale, siamo donne per cui cercheremo sempre di trovare una bugia che ci faccia stare meno male della verità.
Questo, però, ci allontana dalla realtà. Non è interessato a te, punto. Non c’è altra spiegazione razionale, se non una frase: “La verità è che non gli piaci abbastanza”. Breve ma dritta al punto.

Non ascoltare le amiche che, per non farti soffrire, ti raccontano frottole sull’amore, del tipo “l’amore non è bello se non è litigherello”, o “se non ti cerca è perché gli piaci, e vuole vedere se per te è lo stesso”.
Non vi illudete. Gli uomini non sono come le donne. Non si fanno mille paranoie. Se vogliono una cosa se la vanno a prendere, specie se questa è una donna.
È così semplice in fondo: l’amore o c’è o non c’è, non esiste una via di mezzo; o gli piaci davvero, compresi i film mentali che ti fai con Oscar annessi, o no. Insomma, dentro o fuori. E se non è in grado di scegliere lui, fallo tu.
Se il discorso non è stato abbastanza chiaro, ecco 10 segnali che ti aiuteranno a capire che non gli piaci abbastanza.

1. Visualizza e non risponde

Da quando hanno inserito questa opzione per i messaggi, tutte le donne, e dico tutte, si sono trasformate in delle stalker seriali. Se visualizza e non risponde, non è perché ha la nonna in ospedale, o perché ha accompagnato la prozia al cimitero, né tantomeno perché ha avuto un incidente mortale, purtroppo. Nulla di tutto ciò. La risposta è molto più semplice, e meno sottile di quanto si possa immaginare (d’altronde sono pur sempre uomini): non ti risponde perché non vuole farlo.

2. Preferisce uscire con gli amici

Trascorre molto tempo con gli amici. Il che andrebbe benissimo se solo ti dedicasse la metà del tempo che dedica a loro. E invece no. A loro è tutto dovuto: uscite mattutine, pomeridiane, serali e notturne, full time, insomma. Tu devi accontentarti del part-time.

3. Ti chiamo io: le ultime parole famose

Dopo giorni che non si fa sentire, decidi di chiamarlo per assicurarti che sia ancora vivo e vegeto, e che non sia stato rapito dagli alieni. Se è il tuo giorno preferito ti risponde, ma in pochi minuti, se non secondi, ti dice che in quel preciso istante è super impegnato (nemmeno fosse il Ministro degli Idioti Esteri), e ti liquida con la celebre frase: “Ti chiamo io”. Preparati ad invecchiare accanto al telefono.

4. Non si assicura che entri in casa

Una semplice tattica per capire se davvero è interessato a te è quella di perdere qualche minuto in più per trovare le chiavi di casa, quando ti riaccompagna a casa. Se attende il tuo ingresso in casa è perché è davvero interessato, se andrà via sgommando alla Fast and Furious, difficilmente lo rivedrai.

5. Non richiama dopo la prima uscita

Dopo il primo appuntamento dovrebbe essere sempre l’uomo a richiamare. Ok, abbiamo lottato per la parità dei sessi, ma in determinate circostanze, è sempre bello essere donne, e lasciare che sia l’uomo a corteggiarci. Se così non dovesse essere, sono poche le probabilità di un futuro roseo insieme.

6. Online, ma non ti messaggia

Peggio del visualizza e non risponde c’è il visualizza e non risponde, accompagnato dal fatto che risulti online. In quel momento, in caso di pazzie, potrai avvalerti dell’attenuante “incapace di intendere e di volere“.

7. Ti chiama un giorno sì e dieci no

L’inizio di una storia è uno dei momenti più importanti, per conoscervi e scoprire se siete fatti per stare insieme. Come cavolo pensa di conoscerti se ti telefona e messaggia ogni “Habemus Papam”?

8. Ti propone di uscire solo in settimana

Il venerdì, il sabato e la domenica, per qualche strano motivo, non gli è mai possibile uscire con te. Ma in settimana, se non piove, se non ha la macchina rotta, se non deve giocare a calcetto con gli amici, se non deve accompagnare la mamma a fare la spesa, la sorella a danza, il fratellino al catechismo, e se non è in previsione la caduta di qualche meteorite sulla Terra, forse, ti proporrà di vedervi. A questo punto, la domanda sorge spontanea. Perché solo in settimana? Curiosa di scoprire qual è il vero motivo? Bene. Il motivo è sempre lo stesso: non gli piaci abbastanza.

9. Friendzone

Forse, una delle peggiori situazioni nelle quali ci si può trovare è la Friendzone. Una condizione subdola nella quale vieni catapultata, senza paracadute, se ti piace un amico, ma per lui sei come l’aria. E non perché senza te non può vivere, ma perché hai la sua stessa percettibilità.
Se poi tra voi, per sbaglio, c’è stato qualcosa, la situazione peggiora. O meglio, cambiano i fattori, ma non il prodotto: non è interessato a voi.

10. Non vuole impegnarsi

Stai alla larga da quelli che dopo mesi, mesi e mesi di frequentazione, ancora non si considerano fidanzati. Magari ti vogliono rifilare la scusa “a me non piacciono le etichette”. E no caro mio, fattela piacere questa etichetta, se non vuoi che te la stampi, casualmente, in fronte.

“Tu non sei l’eccezione. Tu sei la regola. E la regola dice che se un uomo non ti chiama, è perché non vuole chiamarti.
[…] Se ti tradisce, è perché non gli piaci abbastanza. Non esistono uomini spaventati, confusi, disillusi. Non esistono uomini tragicamente segnati dalle passate esperienze, bisognosi d’aiuto, bisognosi di tempo. Gli uomini si dividono in due categorie soltanto: quelli che ti vogliono, e quelli che non ti vogliono. Tutto il resto è una scusa. […] Aspetta che sia lui a chiederti di uscire. Perché va bene la parità dei sessi, le quote rosa, e l’eguaglianza dei diritti, ma i tempi non sono poi così cambiati. Gli uomini restano pur sempre dei cavernicoli, sia pure incravattati, e come tali adorano il sapore della conquista.
Tieniti lontana dagli uomini sposati. Non lasceranno la moglie per te. Meno che mai lasceranno i figli per te. E non credere alla storia dell’amica della sorella di tua cugina, appena convolata a nozze con quello divorziato. Al bando quelli che ti costringono ad aspettare ore accanto a un telefono che non suona: non hanno perso il tuo numero, non hanno investito un cane, non hanno appena scoperto di avere un tumore alla prostata. Probabilmente sono al telefono con un’altra. Oppure sono gay. […] Non consumare le tue belle scarpe nuove, e neppure quelle vecchie, per correre dietro un uomo che non ti vuole. Usale, piuttosto, per prenderlo a calci in culo. Impara l’arte dell’essere donna. […] Impara a scegliere, invece che essere scelta”
.
{dal film: La verità è che non gli piaci abbastanza}

Ecco la regola che dovremmo utilizzare per ricordare di avere rispetto della persona più importante della nostra vita: noi.