giovedì, 18 Agosto 2022

Miss Fit

Home Miss Fit Pagina 6
Se vi stanno divorando i sensi di colpa per quello che avete appena divorato a tavola, non preoccupatevi, Miss Fit è qui per questo. Consigli, esercizi e attività fisiche per ritornare in forma; anche se siete golosi e non riuscite a rinunciare ai piaceri della tavola

Allenarsi al mattino e a digiuno brucia più grassi (MISS FIT)

Credit: libelle.nl

Se il nostro obiettivo non è mai cambiato e vogliamo sempre essere informa, allora il metodo migliore per bruciare più grassi (e farlo più velocemente) è allenarsi al mattino, a stomaco vuoto.

Esiste uno studio eseguito presso la Kansas State University, e pubblicato su Medicine and Science in Sports and Exercise, che ha rivelato i benefici di questo tipo di allenamento. I vantaggi sono sia in termini di ossidazione lipidica, derivanti dalle implicazioni metaboliche dell’ipoglicemia mattutina, sia in termini di dimagrimento inteso come perdita di massa grassa a favore di quella magra.

Certo voi vi chiederete “e chi può fare una cosa così?!”. Vero, quasi nessuno – dei comuni mortali che si alzano all’alba per andare a lavorare. Però, perché non provare almeno una volta ogni tanto, perché non provare se ne abbiamo l’occasione?

Se, appena alzati, svolgiamo un’attività di tipo aerobico come ad esempio camminate, corsa, ciclismo, nuoto, e, se siamo a digiuno notturno di 8 ore circa, allora si è in una condizione in cui le riserve di glicogeno (cioè la fonte principale di deposito e di riserva del glucosio nell’uomo) sono svuotate. Per cui, il vostro organismo, per sostenere l’attività fisica che state svolgendo, va a bruciare i grassi in eccesso.

Un altro beneficio importate che arriva dall’allenamento a digiuno è che è che se si svolge l’attività al mattino il metabolismo rimane più alto per molte più ore, permettendo così al nostro corpo di bruciare le riserve di grasso per tutto l’arco dell’intera giornata. Se invece ci si allena alla sera, il metabolismo poi si riabbassa subito quando si va a dormire.

Dulcis in fundo, è stato riscontrato che chi svolgeva questo tipo di allenamento mattutino creava una forte motivazione personale, che lo portava a compiere ogni giorno attività fisica e sportiva, fino a farlo diventare un vero e proprio bisogno, in quanto rappresentava una forte energia per tutta la giornata.

Gli sport più belli della stagione estiva (MISS FIT)

Credit: oggi.it

Siamo a inizio agosto, e la voglia di stare all’aria aperta (non nelle ore più calde, ovviamente) è incontenibile. Vorremo fare un po’ di fitness, ma anche cambiare esercizi rispetto a quelli che facciamo durante tutto il resto dell’anno; e allora ecco 5 idee per divertirsi, bruciare calorie e stare all’aria aperta.

Bicicletta

Credit: guidaconsumatore.it
Credit: guidaconsumatore.it

Con soli 30 minuti di pedalata al giorno si potrà ritrovare la forma fisica e anche il buonumore, e lo ha dimostrato anche una ricerca della Harvard Medical School ha evidenziato gli effetti benefici della bicicletta su pazienti afflitti da depressione. Meglio pedalare in piste ciclabili, parchi cittadini e zone verdi, ma se non potete fare altrimenti va bene anche una pedalata in città, quando però non c’è il traffico di punta.
Calorie: dalle 200 alle 500 calorie ogni ora, pedalando a velocità moderata.

Trekking

Credit: valdisolenet.it
Credit: valdisolenet.it

Prendetevi un giorno di pausa da tutto quanto e andate in montagna. Qualsiasi momento può essere l’occasione giusta per iniziare a sperimentare una camminata nel verde in buona compagnia, alla ricerca di nuovi sentieri. Bisogna allontanarsi dai centri abitati, procurarsi buone scarpe da montagna, abiti impermeabili e traspiranti e mettere lo zaino in spalla.
Calorie: da 300 a 800 Kcal/h a seconda della velocità e del dislivello.

Rollerblade

Credit: benesserevillage.it
Credit: benesserevillage.it

Quasi nessuno ci pensa mai, ma il pattinaggio è un ottimo sport da fare all’aria aperta per divertirsi e tenersi in forma. Secondo gli esperti questo è il secondo sport più completo dopo il nuoto: tonifica gambe e glutei, ma ha anche benefici su braccia e spalle. Date spazio al vostro equilibrio e lasciatevi trasportare ovunque dai vostri rollerblade.
Calorie: circa 500 per ogni ora di pattinaggio.

Equitazione

Credit: turismo.it
Credit: turismo.it

Questo non è uno sport per molti, ma è sicuramente uno sport che benefica per corpo e mente.Fa bene alla schiena, sviluppa la coordinazione e tonifica gambe, glutei, addominali, muscoli lombo-sacrali, dorsali, bicipiti, tricipiti e muscoli del collo. Non è necessario darsi al salto ad ostacoli, è sufficiente una tranquilla escursione in campagna, preferibilmente in compagnia di un esperto.
Calorie: circa 400 per ogni ora di equitazione.

Correre, basta poco per avere benefici (MISS FIT)

Credit: matteoraimondi.altervista.org

Nel nostro Paese la corsa è uno degli sport più esercitati, sia da professionisti che da principianti, non solo per l’estrema praticità e il poco costo, ma anche per i suoi aspetti benefici. Oltre ad aiutare nel mantenimento di un peso sano, la corsa è associata a minori rischi di cancro, malattie cardiache e ictus, e aiuta ad abbassare la pressione sanguigna e il livello di zucchero nel sangue.

Ma voi non siete di quelli che amano correre, e per di più odiate tutti i vostri amici quando vi raccontano le loro mezze maratone circa un giorno sì e l’altro pure? Niente paura, ecco la soluzione.

Un recente studio ha dimostrato che se si corre 6 miglia a settimana (cioè poco meno di 10 chilometri) i benefici saranno nettamente maggiori rispetto a quelli che si potrebbero avere con l’esecuzione di esercizi lunghi ed estenuanti.
Quest’estito deriva da un’analisi svolta da Mayo Clinic, che ha esaminato diversi studi condotti sulla gestione dell’esercizio fisico nel corso degli ultimi 30 anni. Il risultato ha rivelato che le persone che correvano solo un paio di volte a settimana (per circa 6 miglia, appunto) ricevevano gli stessi benefici di chi faceva il doppio dell’allenamento.

Addirittura è stato dimostrato come coloro che correvano più di 20 miglia alla settimana, nel futuro, hanno subito un aumento delle disfunzioni cardiache, il rischio di lesioni e di morte. L’allenamento ridotto, invece, è stato associato ad un ridotto rischio di depressione e di una maggiore fiducia in se stessi.

Ottima notizia, non trovate?

Carica motivazionale post vacanze (MISS FIT)

Credit: maidirelink.it

Dopo i vizi e gli stravizi delle vacanze estive, non abbiamo più scuse: è arrivato il momento di (ri)mettersi in forma.
Fosse facile, penserete. No, nessuno ha mai detto che è facile, anzi. Lo sport, sostanzialmente, è fatica, e da questo non si scappa.

E per superare la fatica serve una motivazione, una forte motivazione che però non tutti hanno, e sopratutto che non riescono a mantenere alta e a lungo termine. Questo anche perché non si è mai praticato lo sport come si deve, cioè non toccando con mano i veri benefici e la vera soddisfazione che ne può derivare. Per cui vengono a mancare quei fattori che rendono la fatica di fare sport una cosa piacevole e irrinunciabile.
Proprio per questo motivo va compreso bene il concetto della motivazione: l’unica maniera per praticare sport in modo corretto e fino alla fine dei nostri giorni è quello di amarlo nella sua forma più naturale. E lo sport si ama veramente solo se la motivazione di partenza è sufficientemente alta.

Voler essere in forma da un punto di vista estetico, legato per gli uomini al mandar via la pancia e per le donne ad avere una bella silhouette, spesso si dimostra non abbastanza. Una volta raggiunto l’obiettivo prefissato, si perde l’entusiasmo e si abbandona.
Anche fare sport solo ed esclusivamente per socializzare porta all’abbandono dell’attività fisica una volta che il gruppo si divide per impegni lavorativi e/o famigliari.
Lo stesso principio vale anche per chi fa sport solo per sentirsi più bello, per migliorarsi: l’abbandono è la via di fuga più facile quando si comprende che per un guadagno minimo occorre un grandissimo sforzo.

Da quanto detto risulta chiaro che per mantenere alta la motivazione occorre una strategia che preveda l’utilizzo di differenti motivazioni, ognuna delle quali può assumere un’importanza diversa nelle diverse fasi della vita.
L’importante è iniziare con una forte carica (che parta dal livello emotivo), e modificare pian piano i propri obiettivi, trovando altre motivazioni, valorizzando tutti gli aspetti piacevoli dell’attività fisica.

A riguardo, è bene tenere a mente un celebre studio dell’Università di Harvard che ha analizzato, su 17.000 allievi seguiti nel corso degli anni, tutti i benefici che lo sport dava loro.
Lo sport: irrobustisce il cuore, migliorando tutto il sistema cardio-vascolare e quello linfatico, porta a una rafforzamento dei tessuti, dei muscoli e delle ossa, migliora l’efficacia del nostro naturale sistema di difesa, aumenta la capacità e l’elasticità dell’apparato respiratorio, e ottimizza il metabolismo, migliorando il rapporto tra massa grassa e massa magra del corpo, regolando anche lo stimolo della fame.

Perché, quindi, perdere qualche anno della propria speranza di vita solo perché si ritiene che lo sport sia noioso o troppo faticoso?
Pensateci bene.