domenica, 3 Luglio 2022

Interviste

Home Interviste

Swatch per Expo 2015, Filippa Lagerbäck: “Un onore essere qui, le donne hanno potere” (INTERVISTA)

Filippa Lagerbäck, stupenda madrina dell’evento “Conto alla rovescia Swatch per Expo 2015 Milano”. A 51 giorni dal debutto ufficiale di Expo, è finalmente partito il countdown su un totem/orologio in via Luca Beltrami (davanti a Expo Gate).

È stata Swatch, Official Watch & TimeKeeper dell’Esposizione Universale, a dar via al magico e super affascinante conto alla rovescia: simbolica la scelta del numero 51, in quanto nella sua prima collezione (datata 1983) Swatch aveva proprio 51 pezzi, ed è stato per questo che ha voluto far scattare il countdown ufficiale a 51 giorni dall’inizio di Expo Milano. Lo start è stato dato alle 18.30, 11 marzo, da Carlo Giordanetti, Direttore Creativo Swatch, Laura Burdese, Country Manager Swatch Group Italia, Giuseppe Sala, Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015, e dalla madrina d’eccezione Filippa Lagerbäck. La bellissima ed elegantissima svedese è da sempre vicina ai temi dell’ecologia, del benessere e della corretta alimentazione.

Filippa Lagerback;Giuseppe Sala;Laura Burdese;Carlo Giordanetti

Testimonial e madrina di questo evento, come ti senti?
Essere madrina, essere la “mamma”, il volto di questo evento mi fa sentire davvero speciale; è un onore per me essere qui. Manca ormai poco, 51 giorni, e siamo tutti emozionati.

Come riesci ad unire televisione, conduzioni, moda, fashion ed eventi glamour? Qual è il tuo segreto?
Se c’è un segreto, davvero, allora è “essere trasparenti”. Essere semplicemente se stessi, nella propria quotidianità, e quindi famiglia, lavoro e amici. Ho anche un blog, in cui mi racconto, e sono sempre io, così come mi vedete voi. Riesco ad essere più in contatto con gli altri e nasce così un bel dialogo. Rispondo sempre ai commenti sui social, mi interessa il confronto. Sono, in fondo, una persona molto timida. Fino a 25 anni ero silenziosissima e non parlavo con nessuno.

Pensi che Milano Expo 2015 possa davvero essere una buona opportunità per noi agli occhi del mondo intero?
Assolutamente sì, è un evento così grande e importante che sicuramente colpirà tutti. Siamo italiani, ce la facciamo sempre, anche nelle difficoltà. È davvero un’occasione per fare del bene e apparire agli occhi degli altri come un paese forte, ricco e bellissimo.

Rivelaci un segreto: com’è lavorare con Luciana Littizzetto?
Stupendo, c’è solidarietà femminile e tra di noi c’è davvero un buon rapporto. Le donne in tv (anche se sono poche) hanno molto potere e tutte le donne sono davvero forti, non hanno bisogno di altro, devono solo sostenersi tra di loro.

Luigi Griffini: dopo Balzoo un’altra iniziativa per gli amanti degli animali (INTERVISTA)

liberoinformato.it

Attivo già dall’inizio di marzo, Balzoo è il primo Banco Alimentare Zoologico. La sua funzione? Aiutare gli animali, cani o gatti che siano, di tutte quelle famiglie, dei senza tetto, dei pensionati che non riescono a nutrire sufficientemente i loro amici a quattro zampe a causa delle difficoltà economiche.

Il progetto è nato in collaborazione con il Comune di Milano e con i volontari di City Angels, un’associazione nata nel 1994 e operante oggi in 18 città italiane.

Ma per capire come funzioni esattamente la realtà di un banco alimentare quale è Balzoo e quali siano gli ulteriori sviluppi di questa importante e significativa iniziativa bisogna lasciare spazio alle parole che, Luigi Griffini, presidente di Balzoo e fiero sostenitore di questo progetto, ha rilasciato in un’intervista per Blog di Lifestyle.

Come funziona esattamente un banco alimentare zoologico, quale è Balzoo, e quali prodotti vengono esposti al suo interno?

Non c’è un’esposizione di prodotti, ma essi vengono raccolti nei supermercati e nei banchi appositi di generi alimentari per animali per poi essere distribuiti alle famiglie o ai canili bisognosi che non sono in grado di provvedere autonomamente ed efficacemente all’alimentazione del proprio animale domestico.

In base a quali parametri vengono selezionate le persone a cui dare alimenti per il proprio cane?

I parametri nascono in seguito alla collaborazione con City Angels, una struttura che da 20’anni segue le problematiche del territorio e le persone bisognose, come per esempio i senza tetto che spesso hanno con sé animali ed in particolare cani. Nelle serate in cui si va a dare conforto a queste persone i volontari forniscono loro anche gli alimenti necessari a sfamare l’animale che il clochard tiene con se. Invece nelle situazioni in cui non si è un senza tetto, gli stessi Comuni avvisano dove ci sono dei pensionati o delle famiglie che hanno animali che però non riescono ad accudire e nutrire, e lì si interviene.

Questa iniziativa è valida solo per i cani di clochard e famiglie in difficoltà oppure anche per i canili che faticano a mantenere i loro ospiti?

Vengono aiutate sia le famiglie in crisi che i canili che non riescono a mantenere un’adeguata alimentazione degli animali.

Questo progetto realizzato in collaborazione con il Comune di Milano da dove ha avuto origine e sarà potenzialmente estendibile anche ad altre realtà italiane?

L’accordo con i City Angels è quello di estendere l’iniziativa di Balzoo anche nelle 18 città italiane in cui operano questi volontari. A brevissimo uscirà un’applicazione per smartphone completamente gratuita e compatibile sia con Android che con Apple.
Grazie a questa app si può rimanere sempre in contatto con il banco alimentare zoologico di Balzoo e avere informazioni sull’attività, chiedere aiuto o segnalare dove ci sono problematiche quali l’abbandono o situazioni di difficoltà e verrà anche dato spazio alle altre associazioni per gli animali che operano nel solidale. Inoltre nell’applicazione vi sarà un social network dedicato agli amanti degli animali, in particolare ai padroni di cani che sono sempre di più e che potranno avere informazioni riguardo a ristoranti, aree pubbliche ed hotel attrezzati ad ospitare gli animali domestici.

Roberto De Rosa, il fashion blogger italiano più amato in Asia (INTERVISTA)

L’italiano nel mondo ha sempre una marcia in più rispetto a tutti gli altri: ne sa qualcosa Roberto De Rosa, il fashion blogger italiano più amato in Oriente.
La sua carriera è iniziata anni fa, come fotografo e cool hunter; oggi Roberto è ospite d’onore a sfilate in tutto il mondo e il suo blog, www.robertoderosa.com, un business in continua crescita.
Da sempre nel mondo della moda, vive oggi una carriera brillante e in ascesa fatta di contratti con brand internazionali e ospitate ai parti più cool del momento.
Sempre in giro tra un continente e l’altro, lo abbiamo beccato durante la NY Fashion Week per qualche domanda.

Tutti ammirano il tuo stile di vita glamour e dinamico, parlaci un po’ dei tuoi viaggi.

Adesso mi trovo a New York, fuori ci sono -15 gradi e c’è un metro di neve: uno scenario da sogno.
Le sfilate sono state meravigliose, ma purtroppo non ho molto tempo da dedicare a me stesso: sono sempre in giro tra appuntamenti e impegni prestabiliti.
Tra qualche giorno dovrò fare ritorno a Milano, ma poi mi aspettano Parigi, Lisbona e la Cina.
Spero di potermi ritagliare un po’ di tempo per visitare il Sud America: come tappa in effetti mi manca e conto di andarci entro l’anno.

Sei un vagabondo ‘di lusso’, quali sono i tuoi posti del cuore?

Napoli è città del mio cuore: un amore insostituibile e una vera e propria ossessione. Sono partito da li e ne vado fiero: il suo patrimonio è infatti la mia continua ispirazione. Mi dispiace non poterla vivere come prima, ma appena ho qualche giorno libero non perdo occasione per correre li a ‘ricaricarmi’.
Hong Kong mi vuole molto bene e io gliene voglio a mia volta: è il mio tramite con l’ Asia. Milano è adesso la mia casa, ci vivo molto bene e conto di rimanerci nel prossimo futuro.

Nel tuo campo chi è che ti ispira?

Nel mondo del web ci sono tanti professionisti, così come tanti incompetenti.
Apprezzo il lavoro di molti colleghi e colleghe, in particolare di Chiara Ferragni, Kristina Bazan, Song of Style e Facehunter.

Ormai il web è la tua casa, hai mai pensato di esplorare nuovi mondi? Come la tv ad esempio.

Ci ho riflettuto spesso e credo che la tv potrebbe interessarmi; ci sono molti canali che mi piacciono. Mi ci vedrei bene in qualche programma sul lifestyle o sui viaggi. Insomma, il mio pane quotidiano.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Ho collaborato da poco con Furla per un progetto di importanza mondiale nel settore maschile. Mi vedrete a breve con Sergio Rossi, Ysl e Givenchy, tutti marchi che adoro follemente è che faranno parte del mio prossimo futuro.

Il giro del mondo in luna di miele (INTERVISTA)

È possibile visitare 302 città, 33 paesi e 6 continenti con soli 35 euro al giorno? Si, se vi chiamate Mike e Anne Howard. I due neo sposini americani hanno deciso di vivere questa bellissima esperienza per la loro luna di miele, un po’ diversa da quella che generalmente fanno tutte le coppie appena sposate, e raccontarla nel loro blog.

Un’avventura fantastica che li ha portati a scoprire posti nuovi, conoscere nuove culture e vivere momenti unici. Tutte esperienze queste che Mike e Anne Howard hanno raccontato a noi di Blog di Lifestyle: ecco a voi l’intervista.

Ciao ragazzi, vi presentate ai lettori di Blog di Lifestyle?
Hello guys, do you introduce yourselves to the readers of Blog di Lifestyle?

Siamo Mike e Anne Howard, due neo sposi americani che hanno pensato che una luna di miele di 10 giorni non era abbastanza per celebrare una nuova vita insieme. Con un po’ di risparmi, nessun bambino, e buona salute, abbiamo concluso che non ci sarebbe stato tempo migliore di adesso per viaggiare. Quindi abbiamo abbandonato i nostri lavori, affittato il nostro appartamento, e iniziato una luna di miele di 675 giorni in giro per il mondo.
Usando l’esperienza di Anne come editor di una rivista e quella di Mike come stratega e fotografo digitale, abbiamo iniziato a condividere il nostro viaggio d’amore, la nostra vita e la nostra avventura.

We’re Mike and Anne Howard, two American newlyweds who thought a ten-day honeymoon wasn’t nearly enough to celebrate a new life together. With a little bit of savings, no kids, and good health, we figured there was no better time to travel than now. So we quit our jobs, rented our apartment, and set out on a 675-day honeymoon around the world.
Using Anne’s background as a magazine editor and Mike’s as a digital media strategist and photographer, we started to share our journey of love, life, and adventure.

Vi siete sposati e, come tutti i neosposini, avete deciso di fare il viaggio di nozze. Ma il vostro è stato davvero particolare: avete viaggiato in 302 città, 33 paesi e 6 continenti. Com’è stata per voi quest’esperienza?
You have married and, like all the newlyweds, you have decided to do the honeymoon. However, the one you have done has been very particular: you have travelled in 302 cities, 33 countries and 6 continents. What about your experience?

Viaggiare in 33 paesi attraverso il Sud America, il Nord America, l’Africa, l’Asia, l’Oceania, e l’Europa è stato il modo migliore per iniziare la nostra vita insieme. Esplorare il mondo, osservare imponenti spettacoli, scoprire nuove culture, abbracciare nuove esperienze, ci ha dato ricordi ed insegnamenti per una vita.
Stando insieme 24 ore su 24 e dividendo alti e bassi estremi, siamo entrati molto in sintonia con i bisogni ed i desideri l’uno dell’altra. Vogliamo ispirare più coppie a fare il salto per cambiare la loro vita, per viaggiare e vivere la loro luna di miele al massimo. Nel mondo del lavoro, è dura trovare tempo libero…tranne in luna di miele. Speriamo che più coppie appena sposate colgano quest’occasione una volta nella vita e inizino le loro vite insieme con energia.

Traveling to 33 countries across South America, North America, Africa, Asia, Oceania, and Europe has been the greatest way to start our life together. Exploring the world, seeing awe-inspiring sights, discovering new cultures, embracing new experiences, has given us memories and learning experiences for a lifetime.
Being together 24/7 and sharing extreme highs and lows, we have become so in tune with each other’s needs and desires. We want to inspire more couples to take the life-changing leap to travel and push their honeymoon to the fullest. In the working world, it’s hard to get time off…except for a honeymoon. We hope more newlyweds seize this once-in-a-lifetime opportunity and start their lives together with a bang.

Avete lasciato il vostro lavoro e affittato il vostro appartamento per esplorare il mondo. È stato difficile abbandonare la vita di tutti i giorni?
You have left your job and rented your apartment to explore the world. Has it been difficult to leave your everyday life?

La parte più dura è stata uscire dalla porta – c’erano un sacco di cose logistiche affinché succedesse – ma una volta in strada, abbiamo realizzato come potesse essere bella la vita e quanto ci saremmo persi in un lavoro corporativo per anni. Essendo ogni giorno in nuovi ambienti e in nuove culture, impari molto su te stesso, su dove vieni, e sul mondo intero. Quest’esperienza ti da una meravigliosa prospettiva e ti tiene sempre pronto a tutto.
L’unica cosa difficile è non vedere spesso la famiglia e gli amici ma con Skype, non è più di tanto un problema.

The hardest part was getting out the door – there were a lot of logistics to make that happen – but once we got on the road, we realized how amazing life could be and how much we’d been missing being in a corporate job for years. Being in new environments and cultures each day, you learn so much about yourself, where you come from, and the world as a whole. It gives you the greatest perspective and always keeps you on your toes.
The only hard part is not seeing family and friends as often but really with Skype, that isn’t even too much of a hurdle.

Avete fatto il giro del mondo con soli 40 dollari al giorno. Come avete fatto con un budget così basso? Ci date qualche consiglio per viaggiare spendendo poco?
You have travelled all over the word with only 40 dollars a day. How have you done with such a low budget? Can you give us any advice to travel cheaply?

Abbiamo imparato tutti i modi per risparmiare sui voli con le compagnie aeree, e tonnellate di altri trucchi da viaggio per tenere basso il nostro budget e alti i livelli di divertimento. Tu potrai pensare che noi siamo milionari (siamo molto lontani da questo!) ma viaggiare in giro per il mondo è risultato essere meno costoso rispetto all’ipoteca sul nostro appartamento. Quando viaggi più lentamente e vivi più localmente, le esperienze incredibili non devono essere meno costose.
Se vuoi imparare di più su come anche tu puoi esplorare il mondo in modo così economico, controlla HoneyTrek Trip Coach. Offriamo corsi personali in cui possiamo insegnare alle persone come risparmiare, il budget , come ottenere voli gratis, alloggi gratuiti, stare al sicuro, in salute, e trovare i più unici e bei posti sul pianeta!

We learned all sorts of ways to save money with airline mileage hacking, homestays, and tons of other travel tricks to to keep our budget low and fun levels high. You’d think we were millionaires (far from it!) but traveling around the world turned out to be less expensive than the mortgage on our apartment. When you travel slowly and live more locally, incredible experiences don’t have to be expensive.
If you want to learn more about our how you too can explore the world so affordably, check out HoneyTrek Trip Coach. We offer one-on-one courses where we can teach people how to save, budget, get free flights, free lodging, stay safe, healthy, and find the most unique and beautiful sites on the planet!

Tra tutti i posti che avete visitato, qual è quello che vi è piaciuto di più?
Among all the places you have visited, which one did you like most?

Questa domanda viene fatta molto spesso dalle persone. Abbiamo visto tanti bei luoghi durante questo viaggio ma sono la gentilezza e il calore delle persone che vivono li che ci fanno desiderare di tornare.
Se dovessimo scegliere alcuni luoghi in cui i panorami e le persone ci hanno colpito veramente, questi sarebbero le Filippine, il Brasile, il Nepal, la Turchia, e soprattutto la Birmania. Non abbiamo mai incontrato persone più amichevoli rispetto alla Birmania – sia bambini che anziani ti mandano baci quando gli passi davanti, estranei ti invitano per un tè, e le persone orgogliose del luogo si offrono di mostrarti la loro città in cambio di niente se non della tua compagnia.

This answer largely comes down to the people. We’ve seen so many beautiful places on this trip but it’s the kindness and warmth of the people that live there that keep us longing to return.
If we had to pick a few places where the sights and the people really struck us, it would be the Philippines, Brazil, Nepal, Turkey, and especially Myanmar. We had never met friendlier people than in Myanmar — kids and grandmas alike blow you kisses as you pass by, strangers invite you over for tea, and proud locals offer to show you around their town in exchange for nothing but your company.

Avete altri viaggi in progetto per il futuro?
Have you planned other trips for the future?

Dopo la luna di miele in 33 paesi, sentiamo solo sia giusto provare a vedere che cos’ha da offrire il nostro paese. Sogniamo un viaggio on the road di un anno per gli Stati Uniti…forse come uno show televisivo. Per seguire le nostre avventure, speriamo tu ci segua su Facebook – www.Facebook.com/HoneyTrek o se sogni di viaggiare per il mondo, speriamo tu ci raggiunga all’indirizzo [email protected]

After honeymooning in 33 countries, we only feel it’s fair to try to see what our home country has to offer! We are dreaming of a year-long road trip traveling to all states of America…maybe as a TV show. To follow our adventures, we hope you follow along on www.Facebook.com/HoneyTrek or if you dream of traveling the world, we hope you reach out to us at TripCoa[email protected]