domenica, 5 Dicembre 2021

La Serialist

Home La Serialist Pagina 3
La Serialist parla con il lettore, in modo ironico, di serie tv in relazione alla società di oggi, per comprendere a fondo cosa vuol dire essere una telefilm dipendente.

Dimmi che serie tv segui e ti dirò chi sei (LA SERIALIST)

Credits: bdcwire.com

Le serie tv che scegliamo di guardare possono rivelare la nostra vera personalità. Non ci credete? Medical drama, teen drama, crime, comedy non sono generi a caso ma vengono scelti in base al nostro carattere e il vostro modo di essere. Per questo vi propongo questo semplice test sulla personalità: scegliete una serie tv, quella che vi piace di più (non barate!) e poi leggete la descrizione.

Grey’s Anatomy

Credits: consumatoriutenti.it
Credits: consumatoriutenti.it

Se vi piacciono le serie tv di genere medical drama non vuol dire che la medicina sia necessariamente il vostro forte, ma di certo trovate i dottori molto sexy. Specialmente se li incontrate in ascensore. Siete sinceri, altruisti, vi piace amare ed essere amati. Credete nei valori dell’amicizia, ma qualche volte vi piace isolarvi per stare da soli con voi stessi e il vostro mondo.

The Vampire Diaries / Teen Wolf

Credits: melty.it
Credits: melty.it

Siete amanti delle serie tv soprannaturali? Se sognate che il vostro partner sia un sexy vampiro o un licantropo, questi sono i telefilm che fanno per voi. Sapete essere affascinanti, vi piacciono le sfide e certamente siete dei predatori quando si tratta dei sentimenti.

Arrow / Agents of SHIELD

Credits: bdcwire.com
Credits: bdcwire.com

Se invece preferite i supereroi non solo siete avventurosi, ma vi piace immaginare un mondo in cui siete in grado di risolvere ogni piccolo problema della vita di tutti i giorni, grazie ai vostri poteri o semplicemente con la forza dei vostri calci. Il capo vi dà fastidio? L’insegnante è insopportabile? Annientateli. Fosse così semplice!

Pretty Little Liars

Credits: www.cosmopolitan.com
Credits: www.cosmopolitan.com

Avete nostalgia per gli anni delle superiori, ma amate anche il fascino e il mistero. Questo tipo di serie tv vi sa tenere sulle spine e vi mette alla prova. E a voi piace moltissimo sentirvi gratificati: a scuola, al lavoro e in amore.

The Big Bang Theory

Credits: news.fidelityhouse.eu
Credits: news.fidelityhouse.eu

Vi piace ridere, stare in compagnia, sopratutto se potete guardare le serie tv che preferite con gli amici a cui volete più bene, anche se la vostra compagnia è tra le più stravaganti che conoscete. E poi chi lo sa, anche se vi considerate sfigati, un giorno riuscirete a conquistare l’uomo o la donna dei vostri sogni.

Castle / Sherlock

Vi attirano i casi di cronaca? Amate giocare a “Cluedo” con gli amici? O siete sempre voi a trovare i calzini perduti nella lavatrice? Vuol dire che avete fiuto e stoffa da detective: le serie tv crime sono per voi.

House of Cards / Homeland

Intrighi politici e internazionali sono il vostro forte. Gli amici vi considerano leader o ambasciatori di pace quando sorgono discussioni sul posto dove andare a cena, per esempio. Queste serie tv sono quelle che fanno per voi: personaggi forti, coraggiosi e pronti a tutti per raggiungere il loro obiettivo. Attenzione però: anche i più grandi hanno le loro debolezze.

Mad Men

Credits: urbanpost.it
Credits: urbanpost.it

Avete presente l’espressione “sbucati da un’altra epoca”? Voi siete così vintage. Uno stile inconfondibile, vi invidiano per la vostra naturalezza e il vostro modo genuino di essere. Magari in una vita precedente eravate dei pubblicitari come i personaggi di Mad Men?

Cosa accade quando guardi una serie tv con tua madre (LA SERIALIST)

Credits: www.youthconnect.in

Siete seduti a guardare la vostra serie tv preferita e poi arriva lei. L’incubo di ogni aspirapolvere, il terrore di ogni cucina sporca: la mamma. Sappiamo tutti come finirà: lei vi farà un sacco di domande sul vostro show preferito, mentre voi le spiegherete la trama dell’intera serie tv in un minimo di 3 secondi. Questo è tuttavia solo l’inizio. Ecco gli stadi di cosa succede quando guardate un telefilm con vostra madre.

‘Cosa stai guardando? Sembra interessante’

1

La prima cosa che vi chiederà è entrare nel vostro mondo. Capire che tipo di serie tv state guardando. E la domanda avverrà matematicamente proprio mentre siete impegnati a vedere un momento carico di tensione nell’episodio che avete atteso da mesi.

Riluttanti, vi recate sul divano

2

Lei rimane sulla sedia, prendendo il vostro posto. E voi pensate che probabilmente si annoierà dopo 5 minuti e tornerà al suo posto. A pulire la cucina.

Vi promette che starà tranquilla

3

E invece verrà a meno a questa promessa e comincerà a fare domande a raffica.

Vostra madre farà molte domande

4

“Chi è quel personaggio? Perché sono arrabbiati con quella persona? Perché indossano quel completo strano? E perché lui la bacia se lei sta con un altro? Come osa!” Sì, insomma, vostra madre è completamente partita.

Iniziate a spiegarle la trama in maniera velocissima

5

Riassumere cinque stagioni in cinque secondi? Lo avete fatto alla grande. Complimenti, nuovo record.

Vostra madre farà ancora molte domande

6

“Ma quell’attore l’ho già visto. Non assomiglia al cugino di tuo zio?”

Poi arriva vostro padre che inizia a parlare proprio nel momento clou

7

Prima dirà che la vostra serie tv sembra spazzatura. Poi, incuriosito, si siederà sul divano insieme a vostra madre per darci un’occhiata.

Vostra madre spiega a vostro padre la trama

8

E lo farà sbagliando tutto. O quasi.

Alla fine, andrà bene così

9

Capirete che guardare una serie tv con i vostri genitori non è così male. Almeno finché non ci sono scene di sesso. E finché sarete in grado di spiegare la trama prima che inizi. E finché potrete riguardare il vostro show preferito all’infinito. Magari da soli.

Credits: radiotimes.com

Quando il partner non guarda serie tv (LA SERIALIST)

Credits: Warner Bros Co.

Esiste una regola per cui gli opposti si attraggono per natura. Quindi avete visto un tifoso milanista innamorarsi di una interista, oppure un amante dei viaggi perdere la testa per un tipo pigro, o ancora un vegetariano con una carnivora. Insomma, la natura ci ha insegnato a vedere gli accoppiamenti più improbabili, ma cosa succede quando un telefilm addicted si innamora di una persona che non guarda serie tv? La ricerca del partner perfetto, in questo caso, può essere davvero complicato. Ma si può rimediare.

Iniziamo dalle cose basilari. Come spiegare a qualcuno che ami, senza offenderlo, cos’è una serie tv. Semplice: un telefilm è uno stile di vita, una religione. Qualcosa di cui non possiamo fare a meno. I personaggi di una serie, seppur immaginari ci tengono compagnia. Questa parte la eviterei se non volete che il vostro partner vi guardi in modo strano.

Credits: fanpop.com
Credits: fanpop.com

Secondo step è far capire al proprio lui che per ‘stagioni’ non si intendono quelle calcistiche, ma quella serie di puntate, da un minimo di 8 a un massimo di 24, che compongono una stagione di un telefilm. Se invece dovete spiegare a una donna, ditele che per ‘stagione’ non si parla di collezione autunno, inverno, primavera ed estate.

In che senso “Vuoi aspettare quando la serie esce in Italia?” Ci sono anche questi tipi che usano il computer solo per lavorare, non per ‘piratare’ una serie tv. Tu preferisci lo streaming, diretto e semplice, per stare sempre in parti col tuo telefilm. Lui\lei, invece, sono all’antica e vogliono comprare il cofanetto in negozio, così da distendersi sul divano e guardare all’infinito una serie tv. Così non va proprio bene.

Credits: www.lifehack.org
Credits: www.lifehack.org

Se poi seguite programmi diversi: niente da fare. Restare a casa quella sera per vedere un telefilm non è mai stato così complicato. Lei vuole uscire, tu no. C’è la maratona di “The Walking Dead”. Non si esce. Al contrario, lei si può permettere di restare a casa per guardare “The Vampire Diaries” e costringerti a vederlo, nonostante sappia che in quello stesso orario c’è la partita di Champions League. Non ci siamo.

Cari telefilm addicted, la vita di coppia non è mai come ce l’aspettiamo. Ma in certi casi, non disperate: l’amore è fatto di compromessi. Ci sarà sempre una serie tv adatta per entrambi e di cui potete fare un’eccezione e guardarla alle condizioni del vostro partner.

Dipendenza seriale: quanto siamo malati di telefilm? (LA SERIALIST)

Credits: youtube.com

Cari telefilm addicted, ricordate quando abbiamo parlato di binge watching? Quell’abbuffata di serie tv che potrebbe nuocere alla nostra salute, fino a diventare una droga. Così dicono. La dipendenza seriale è più o meno come il cibo: più ce n’è e più ne vorremmo. Solo che mentre la persona che mangia a volontà diventa obesa, il telefilm addicted diventa malato e finisce col non distinguere più la realtà dalla fantasia.

Certo, capita a chiunque di scherzare su quest’ultimo punto, come desiderare di poter vivere in una serie tv, augurarsi di avere una storia d’amore come quella che si vede nei telefilm, però ricordate che a tutto c’è un limite. Quali sono quelli che ci invitano maggiormente alla dipendenza seriale? Ecco le serie da cui “stare alla larga”, per evitare di cadere nel tunnel.

Don Matteo: la figura paterna

Credits: www.dgmag.it
Credits: www.dgmag.it

Vi chiedete perché dopo dieci stagioni Don Matteo continua ad essere una delle fiction italiane più seguite? Il suo stile è ineguagliabile, sopratutto quando è a cavallo della sua bicicletta, così come il suo metodo investigativo. In grado di ascoltare senza giudicare, capire la verità con clemenza. Don Matteo è la figura paterna che tutti cercano e di cui hanno bisogno per sentirsi al sicuro. Sacerdote fedele con dei doveri morali, rappresenta un modello da prendere ad esempio.

The Flash: sentirsi supereroi tutti i giorni

Credits: www.serialmasters.it
Credits: www.serialmasters.it

Abbiamo preso The Flash come esempio, ma va bene qualsiasi telefilm sui supereroi. La dipendenza seriale si instaura subito con Barry Allen, il protagonista, perché chiunque può identificarsi in lui: brava persona, ragazzo modello, umile, pronto a mettersi da parte per il prossimo, è l’emblema di tutti i ragazzi di oggi che sentono il bisogno di fare qualcosa ‘di grande’ per sentirsi appagati con se stessi. I telefilm con i supereroi però non possono piacere a chiunque, ma una volta iniziati, non se ne può fare a meno.

The Big Bang Theory: sindrome di Peter Pan

Credits: tvzap.kataweb.it
Credits: tvzap.kataweb.it

Il mondo nerd, l’humour e la comicità dello stare in compagnia sono gli elementi chiave di The Big Bang Theory. Lo spettatore segue le vicende dei ragazzi nerd, poco pratici con la vita quotidiana e con le ragazze, ride e riflette insieme a loro, tornando ad essere bambino. In The Big Bang Theory i protagonisti sono un po’ così infatti: tra le loro citazioni sulla fantascienza e le serie tv, il telefilm diventa una sorta di realtà dentro un’altra, e non c’è niente di più dipendente dell’essere trasportati in questo mondo di fantasia.

Breaking Bad\I Soprano\Mad Men: la dura realtà

Photo Credit: Michael Yarish/AMC
Photo Credit: Michael Yarish/AMC

Ci sarà un motivo se questi tre telefilm sono stati considerati tra i migliori scritti e strutturati degli ultimi dieci anni. Un realismo duro, violento e crudele della vita di tutti i giorni. Protagonisti tre uomini che cercano di tenere in piedi vita personale e professionale. E ovviamente il telefilm dipendente sa che deve assolutamente guardarlo.
In Breaking Bad assistiamo a una vera e propria dipendenza: la vita di un uomo che per aiutare la famiglia, si fa coinvolgere in un traffico di metamfetamina, ma sarà quest’ultima a portarlo alla rovina. I Soprano racconta la storia di una famiglia di mafiosi italo-americana, il cui patriarca, Tony, è un boss che soffre di attacchi di panico e per questo è in terapia. Mad Men è ambientato nei mitici anni ’60, quelli del boom economico, e segue le vicende di un’azienda di pubblicità, ma anche qui è la storia del protagonista, Don Draper, a coinvolgere lo spettatore: padre di famiglia quasi assente, marito insoddisfatto e infedele, il suo passato è complicato e non è chi dice di essere.

The Walking Dead\The Vampire Diaries: la vita dopo la morte

Credits: www.charismanews.com
Credits: www.charismanews.com

Non in senso religioso, ma il sovrannaturale ha da sempre attratto l’uomo. La possibilità che esista vita dopo la morte è un classico. Dagli zombie ai vampiri, il telefilm addicted si appassiona, soffre con i personaggi, crede di poter sopravvivere e di sperare in una vita migliore. E poi c’è l’eterna lotta tra Bene e Male, uomo contro natura, e uomo contro la morte. Questo è il messaggio psicologico nascosto dietro The Walking Dead e The Vampire Diaries.

Grey’s Anatomy: l’amore e altre cose

Credits: au.tv.yahoo.com
Credits: au.tv.yahoo.com

Un classico che dura da più di dieci anni. In Grey’s Anatomy si intrecciano le storie d’amore tra medici e specializzandi in corsia, mentre spesso sono i casi chirurgici a passare in secondo piano. Allo spettatore non importa se un personaggio amato muore, poiché sa che non può fare a meno di abbandonare la serie, che continuerà a sorprenderlo. E così è. La magia di Grey’s Anatomy sa nel creare dipendenza grazie a storie impossibili, amori altalenanti, i casi di medicina coinvolgenti e a volte assurdi.