giovedì, 16 Settembre 2021

Animali

Home Animali Pagina 2
Notizie di attualità sul mondo degli animali, diritti e doveri per chi possiede un animale domestico, storie sugli amici a quattro zampe

Malattie del cane: come proteggerlo

Le malattie del cane che colpiscono il cane sono tante. Parassiti di ogni tipo, problemi legati all’invecchiamento o all’alimentazione, malattie virali sono tutte patologie che possono compromettere la salute del nostro fido e portarlo, nei casi più gravi, alla morte.

Molto spesso i sintomi delle malattie del cane più gravi sono facilmente individuabili, ma quasi sempre la regola generale è che prima individueremo il problema di salute e maggiori saranno le probabilità di riuscire a tamponarlo senza conseguenze croniche.

Tanto le infestazioni da parassiti (pulicosi, vermi intestinali etc ) quanto le malattie virali (rogna, leishmaniosi, cimurro etc) e gli acciacchi dovuti all’età come l’insufficienza cardiaca possono essere trattate con chances di successo tanto maggiori quanto più è precoce la diagnosi. A volte le malattie del cane si presentano inizialmente con sintomi subdoli o poco riconoscibili, che possono essere notati solo dal padrone attento al comportamento del cane. Segni come apatia, inappetenza, prurito eccessivo, vomito e diarrea non devono mai essere sottovalutati, e devono sempre spingere il padrone ad una valutazione attenta. Anche solo di fronte al dubbio che il proprio cane abbia contratto una qualche patologia è assolutamente necessario rivolgersi al veterinario di fiducia per gli opportuni accertamenti. A volte la diagnosi di alcune malattie (e l’accertamento dell’avvenuta guarigione) è possibile solo attraverso esami particolari (feci, scotch test etc) che devono essere condotti in un laboratorio veterinario.

In generale, la maggior parete delle malattie che colpiscono il cane possono essere curate efficacemente con le specialità farmaceutiche elaborate da Novartis, da sempre sensibile non solo all’esigenza di combattere le patologie per curare l’animale ma anche alla necessità di migliorare la qualità della vita dei nostri amici cani e gatti, spesso non ideale soprattutto dopo una certa età. Si pensi a Fortekor, il farmaco per il trattamento di disagi cronici come l’insufficienza renale del gatto o quella cardiaca del cane: oltre ad allungare la vita all’animale ed arrestare il processo degenerativo degli organi interessati, questo medicinale rende l’animale più vitale e appetente, garantendo a lui e alla sua famiglia altri anni di felice convivenza.

Quindi, i consigli da dare al padrone di un cane che teme per la salute del proprio amico sono sostanzialmente due:

– Prevenzione: sottoporre il cane a visite periodiche presso il medico veterinario di fiducia.

– Tempestività: osservate attentamente il comportamento del vostro cane nella vita di tutti i giorni. Questo vi aiuterà ad individuare immediatamente segnali di un qualcosa “che non va” e chiedere aiuto al medico veterinario.

Addestrare un cane: ecco alcuni consigli

addestrare un cane

Vediamo di fornire alcuni consigli per addestrare un cane. In primo luogo, dovremo insegnare al cucciolo a sporcare solo dove deve. Sarà opportuno iniziare presto a portare il cucciolo sui giornali o fuori di casa in determinati momenti della giornata, preferibilmente al mattino preso, dopo un sonnellino, un pasto o una sessione di gioco e la sera dopo cena prima del rientro nella cuccia. Se doveste sorprendere il cucciolo mentre sporca in un posto sbagliato, portatelo subito nel posto giusto (fuori, sui giornali etc) e non appena ha finito i bisogni mostrate il vostro apprezzamento con carezze e complimenti. Sgridare il cane dopo un po’ che ha fatto i bisogni è perfettamente inutile, perché lui a distanza anche di pochi minuti non capirà neanche il perché della vostra riprovazione.

Addestrare un cane non è per niente un lavoro facile, ed è opportuno tenere in considerazione un fattore fondamentale: per ottenere un cane educato, occorre in primo luogo … un padrone educato. E’ necessario che ciascun proprietario di cane si assuma la responsabilità di addestrarlo in modo appropriato ed evitare quindi che arrechi disturbo alle persone o ad altri animali. Soprattutto in considerazione del fatto che la società umana non è l’ambiente naturale del cane, è giocoforza che sia il padrone a fornire al cane tutti gli strumenti necessari ad una convivenza serena con il vicinato.

Un cane ben addestrato non dovrebbe disturbare i vicini abbaiando in modo eccessivo, né mostrarsi aggressivo con le persone o i cani che incontra per strada. Cercate di scoraggiare questi atteggiamenti, piuttosto comuni soprattutto in certe specie di piccola taglia.

Soprattutto l’aggressività verso le persone merita molta attenzione, perché i fatti di cronaca degli ultimi anni hanno dimostrato come il sentimento generale verso i cani ed i loro padroni possa essere influenzato dall’avventatezza di pochi padroni irresponsabili.

Abituate il vostro cane a sporcare in luoghi predeterminati e prendete la buona abitudine di raccogliere i suoi escrementi. Nei luoghi all’aperto, in pubblico, tenete il vostro cane al guinzaglio. Non sottovalutate la pericolosità di un cane sciolto, a volte basta poco per fare danni gravissimi. Si pensi ad una donna in stato interessante o ad una persona anziana che conducono a passeggio un cane al guinzaglio: il nostro cane, se libero, potrebbe avvicinarsi imprudentemente, creare scompiglio e mettere in difficoltà la gestante o addirittura farla cadere, con conseguenze immaginabili. Parimenti, non dimenticate la museruola, soprattutto dove imposta dalla legge o dal buon senso.

Coniglio domestico: come prendersi cura di un coniglio

coniglio domestico

Adottare un coniglio domestico può essere un’idea divertente, ma è anche vero che non bisognerebbe mai privare le giuste attenzioni a questo splendido animaletto domestico. Così come per i cani e i gatti, anche i conigli hanno bisogno delle giuste cure. Per questo motivo abbiamo pensato di scrivere un nuovo articolo su come prendersi cura di un coniglio domestico.

Se desideri prepararti in meglio per ospitare un coniglio in casa, è necessario innanzitutto organizzare tutto l’occorrente. Procurati dunque una ciotola per l’acqua, alimenti di qualità per conigli, dei giochi e una lettiera.

Se i primi giorni il tuo coniglio rimane immobile in un angolo, non preoccuparti. Non infastidirlo e concedigli il tempo necessario per abituarsi al nuovo habitat.

Se desideri prenderti cura del tuo nuovo coniglio , aiutalo a non surriscaldarsi. Questi animali sono dotati di una pelliccia corposa, pertanto prediligono gli ambienti freschi.

Sappi inoltre che i conigli, hanno bisogno di compagnia, quindi dovrai trascorrere almeno tre ore al giorno con il tuo nuovo animaletto. I giocattoli che più adorano i conigli sono i tubi di cartone, e in generale, tutti quei giochi che rotolano.

E’ importante anche imparare a maneggiare con cura un coniglio domestico. Per prendere un coniglio domestico in modo corretto, ti suggeriamo di sollevarlo mantenendo un braccio lungo il corpo e l’altra mano dietro il suo posteriore. Intanto che lo alzi, accostalo sul tuo fianco in modo da rassicurarlo ancora di più.

Per il benessere del tuo nuovo coniglio, ti suggeriamo di non fargli mai mancare il fieno. Cibandosi del fieno, il coniglio adotta le fibre essenziali per una corretta digestione. Oltre a ciò, ricorda che i conigli si divertono moltissimo a scavare nel fieno.

Infine, ti suggeriamo di controllare periodicamente i denti del tuo coniglio. Questi infatti, potrebbero disallinearsi ed in quel caso, andrebbero limati dal veterinario.

insufficienza cardiaca al nostro cane: le malattie cardiache

insufficienza cardiaca

Il cane è sempre in movimento, e per questo accusa più di essere umano gli effetti di queste malattie durante la normale attività. Al giorno d’oggi, però, sono disponibili opportuni strumenti diagnostici che insieme alla conoscenza scientifica ci aiutano a prevenire in tempo il peggioramento della situazione: con un po’ di attenzione, quindi, sarà possibile mantenere il proprio cane in perfetta salute, con un cuore sano o almeno non troppo malandato.

Il primo passo nella cura di insufficienza cardiaca e disturbi vari è l’attenta osservazione del proprio cane. Se dovessimo notare che non sopporta più l’esercizio fisico, che mostra dei cedimenti agli arti inferiori, che si affatica in modo eccessivo in seguito a movimento anche moderato arrivando anche a svenire in occasione di alcuni sforzi, che dà segni di insonnia, respira affannosamente e denota una tosse secca, allora è il momento di rivolgersi al veterinario di fiducia per gli opportuni accertamenti medici.
Se individuate per tempo, le malattie cardiache del cane possono essere trattate con opportuni medicinali che preservano la funzionalità del muscolo cardiaco assicurando un’esistenza praticamente normale al nostro Fido.

Trascurando i primi segnali, invece, otterremo spesso un peggioramento delle condizioni dell’animale, che arriverà a mostrare in seguito i tipici segni di un cuore ormai malconcio: rigonfiamento agli arti, alla regione mammaria o ai genitali. Il cane che soffre di insufficienza cardiaca presenta anche la caratteristica di bere molto, ma non si tratta di un sintomo decisivo in sé, deve essere preso in considerazione solo insieme agli altri sintomi che caratterizzano il quadro clinico.

Le malattie cardiache sono spesso ereditarie (possono aversi malformazioni congenite o maggiore predisposizione allo sviluppo di malattie degenerative), ma possono anche essere legate all’infestazione del cane da parte di determinati parassiti, come nel caso della Filaria.

Soffio cardiaco (soffio al cuore)

Non è affatto semplice per un padrone individuare i sintomi di questa malattia, è molto più probabile che il soffio al cuore venga rilevato per la prima volta dal veterinario durante una normale visita di controllo – motivo in più per pianificare le visite dal veterinario senza attendere che il cane si senta male!
Il soffio cardiaco può interessare tanto gli esemplari più avanti con l’età quanto i giovani cuccioli, e la gravità del disturbo può essere quantificata solo mediante esame ecografico.